adv-86
<< ESTERI

Osservatori comunisti segnalano violazioni alle elezioni russe

| 19 Settembre 2021 | ESTERI

Il capo del Partito comunista russo, il secondo partito politico del Paese, denuncia diffuse violazioni nelle elezioni per un nuovo parlamento nazionale in cui ci si aspetta che il suo partito ottenga seggi.

Sabato scorso, un video di YouTube in cui i soci del leader dell’opposizione in carcere Alexei Navalny raccomandavano per chi votare per minare il partito dominante Russia Unita è stato bloccato in Russia. Il video è rimasto accessibile tramite server non russi.

Il capo del Partito Comunista Gennady Zyuganov ha detto sabato – il secondo dei tre giorni di votazione alle elezioni – che la polizia e la commissione elettorale nazionale devono rispondere alle segnalazioni di “una serie di fatti assolutamente eclatanti” tra cui il voto pieno in diverse regioni.

Anche il movimento di monitoraggio delle elezioni Golos e i media indipendenti hanno riferito di violazioni, tra cui l’acquisto di voti e misure permissive per la sorveglianza delle schede elettorali nei seggi elettorali.

Sabato, il capo della Commissione elettorale centrale, Ella Pamfilova, ha dichiarato che più di 6.200 schede elettorali sono state annullate in cinque regioni per violazioni procedurali e tamponamento.

Il partito Russia Unita, che è diligentemente fedele al presidente Vladimir Putin, sembra certo di mantenere il suo dominio nella Duma di Stato, la camera bassa del parlamento. Tuttavia, alcune proiezioni suggeriscono che il partito potrebbe perdere la sua attuale maggioranza di due terzi, il che è sufficiente per modificare la costituzione. Ci si aspetta che i comunisti raccolgano la quota maggiore di tutti i seggi persi da Russia Unita.

Sebbene i comunisti generalmente sostengano le iniziative del Cremlino in parlamento, il loro guadagno di seggi sarebbe una perdita di faccia per Russia Unita. I comunisti sono visti come potenzialmente beneficiando del programma “Smart Voting” promosso da Navalny e dalla sua squadra, che mira a indebolire Russia Unita consigliando agli elettori su quali candidati sono nella posizione più forte per sconfiggere i candidati di Russia Unita.

Tuttavia, non è chiaro quanto sarà efficace il programma dopo il blocco di YouTube, che è arrivato un giorno dopo che Apple e Google hanno rimosso le app di Smart Voting dai loro negozi sotto la pressione del Cremlino. Le autorità hanno precedentemente bloccato l’accesso al suo sito web. Le organizzazioni di Navalny sono state dichiarate estremiste, impedendo a chiunque fosse associato di candidarsi, eliminando così dalle elezioni i candidati dell’opposizione più significativi.

Anche l’app di messaggistica Telegram, fondata dall’imprenditore di origine russa Pavel Durov, ha bloccato lo Smart Voting. Durov ha detto sabato che il servizio stava bloccando tutti i bot legati alle elezioni per conformarsi alle leggi che vietano la campagna elettorale una volta iniziata la votazione.

A San Pietroburgo, l’elettore Pavel Ivanov ha affermato di avere accesso allo Smart Voting e ha seguito il suo consiglio di votare per un piccolo partito che “non soddisfa pienamente le mie preferenze ma (presenterà) una certa opposizione al partito al governo”.

Zyuganov ha detto che il partito ha registrato almeno 44 episodi di violazione del voto e che i comunisti hanno chiesto il permesso di tenere proteste la prossima settimana dopo la fine delle votazioni domenica.

Sabato, il sito web di notizie Znak ha affermato che un residente della regione di Mosca ha offerto 1.000 rubli (15 dollari) alle persone che hanno votato per Russia Unita. La pubblicazione ha affermato di aver chiamato l’uomo, che ha affermato che il pagamento sarebbe arrivato se il chiamante avesse fornito prove del proprio voto tramite un’app di messaggistica.

Il movimento Golos ha citato i resoconti dei suoi osservatori e dei media locali di una serie di apparenti violazioni, tra cui schede di voto conservate durante la notte in un armadietto con una porta rotta e di buste per conservare le schede elettorali che sembrano essere state aperte e poi risigillate.

Il primo giorno di votazioni di venerdì, si sono formate file inaspettatamente lunghe in alcuni seggi elettorali e i media indipendenti hanno suggerito che ciò potrebbe dimostrare che le istituzioni statali e le aziende stavano costringendo i dipendenti a votare.

Ma nonostante queste righe, l’affluenza complessiva è apparsa discontinua. Pamfilova, il capo della commissione elettorale, ha affermato che circa il 25% dell’elettorato ha votato entro le 15:00 di sabato, circa a metà del voto.

Alcuni elettori hanno partecipato, ma con scarso senso di coinvolgimento.

“Io voto ogni anno. Quello che sta succedendo alla fine non dipende da noi, niente dipende da noi”, ha detto all’Associated Press Nikolai Martemyanov, un residente del villaggio siberiano di Desyatove.

I media di San Pietroburgo venerdì hanno riferito di casi sospetti di “voto carosello”, in cui gli elettori votano in diversi seggi elettorali. Un giornalista video di AP ha visto gli stessi elettori, ritenuti studenti delle scuole militari, in due diversi seggi elettorali; uno di loro ha detto che all’inizio il gruppo era andato al seggio sbagliato.

Un membro della commissione elettorale russa locale ha pubblicato un video in cui un uomo sembrava aver provato a votare diversi voti e poi è stato affrontato da un addetto ai sondaggi. L’uomo nel video ha detto di aver ottenuto i voti in una stazione della metropolitana.

TAG: elezioni russe, russia, Vladimir Putin
adv-145
Articoli Correlati