adv-732
<< ESTERI

La velocista bielorussa, Krystsina Tsimanouskaya, denuncia la sua squadra

| 2 Agosto 2021 | ESTERI

La velocista bielorussa Krystsina Tsimanouskaya ha dichiarato di essere “al sicuro” e sotto la protezione della polizia in Giappone dopo aver affermato di essere stata rimossa dalla squadra nazionale e portata all’aeroporto di Tokyo contro il suo desiderio di essere portata a casa per le sue critiche agli allenatori nazionali.

“Sono al sicuro e stanno decidendo dove passare la notte”, ha detto Timanovskaya in una dichiarazione su Telegram pubblicata domenica dalla Fondazione bielorussa per la solidarietà sportiva (BSSF), un’organizzazione che sostiene gli atleti dell’opposizione.

Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e gli organizzatori dei Giochi di Tokyo hanno dichiarato di aver parlato con Timanovskaya domenica.

adv-529

“È con le autorità all’aeroporto di Haneda ed è attualmente accompagnata da un membro dello staff di Tokyo 2020. Ci ha detto che si sente al sicuro”, ha affermato il CIO.

In precedenza, domenica Tsimanousskaya aveva chiesto assistenza al CIO.

“C’è pressione contro di me. Stanno cercando di farmi uscire dal paese senza il mio permesso. Sto chiedendo al CIO di essere coinvolto”, ha detto Tsimanouskaya in un video pubblicato sul canale Telegram di BSSF.

Tsimanousskaya avrebbe dovuto gareggiare nei 200 metri femminili lunedì. Tsimanousskaya, 24 anni, ha detto che lo staff tecnico era venuto nella sua stanza domenica e le aveva detto di fare le valigie. Giovedì è stata portata all’aeroporto di Haneda prima di poter correre nella staffetta dei 200 metri e 4×400 metri.

Ha detto di essere stata rimossa dalla squadra a causa “del fatto che ho parlato sul mio Instagram della negligenza dei nostri allenatori”.

Il Comitato olimpico bielorusso ha dichiarato in una dichiarazione che gli allenatori hanno deciso di ritirare Tsimanouskaya dai giochi su consiglio dei medici sul suo “stato emotivo e psicologico”.

Il Comitato olimpico bielorusso non ha risposto immediatamente a una richiesta di ulteriori commenti.

Tsimanousskaya si era precedentemente lamentata di essere stata iscritta nella staffetta 4×400 metri dopo che alcuni membri della squadra erano stati trovati non idonei a competere alle Olimpiadi perché non si erano sottoposti correttamente ai test antidoping.

“Alcune delle nostre ragazze non hanno volato qui per competere nella staffetta 4x400m perché non avevano abbastanza test antidoping”, ha detto Tsimanouskaya all’agenzia di stampa Reuters dall’aeroporto.

“E l’allenatore mi ha aggiunto alla staffetta a mia insaputa. Ne ho parlato pubblicamente. Il capo allenatore è venuto da me e mi ha detto che c’era stato un ordine dall’alto di rimuovermi”.

Tsimanousskaya ha aggiunto che era in piedi accanto alla polizia giapponese all’aeroporto e ha contattato un membro della diaspora bielorussa in Giappone per recuperarla all’aeroporto.

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha tenuto sotto stretto controllo la Bielorussia, ex stato sovietico, dal 1994.

Di fronte alle proteste di piazza di massa dell’anno scorso per quelle che i suoi oppositori chiamavano elezioni truccate, ha ordinato una violenta repressione dei manifestanti. Lukashenko nega le accuse di brogli.

Insolitamente in un paese in cui gli atleti d’élite fanno spesso affidamento sui finanziamenti del governo, alcuni importanti atleti bielorussi si sono uniti alle proteste. Diversi sono stati incarcerati, tra cui la giocatrice di basket olimpica Yelena Leuchanka e il decaatleta Andrei Krauchanka.

Altri hanno perso il loro impiego statale o sono stati cacciati dalle squadre nazionali per aver sostenuto l’opposizione.

TAG: denuncia, Giappone, Krystsina Tsimanouskaya, Tokio 2020
adv-797
Articoli Correlati