adv-168
<< ESTERI

Israele continua i bombardamenti su Gaza, Hamas pronto alla tregua

| 21 Maggio 2021 | ESTERI

Ieri Israele ha scatenato una nuova ondata di attacchi aerei attraverso la Striscia di Gaza e Hamas ha lanciato altri razzi su Israele, nonostante i crescenti segnali che le parti erano vicine a un cessate il fuoco che avrebbe posto fine a 11 giorni di pesanti combattimenti.

In un evidente segno di progresso, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha convocato una riunione di emergenza del suo gabinetto di sicurezza, dove si prevedeva di discutere la questione del cessate il fuoco.

Un funzionario egiziano ha detto che Israele ha informato il suo governo, che sta mediando una tregua, che intende porre fine alle sue operazioni militari a Gaza. Parlando in condizione di anonimato perché stava discutendo di diplomazia dietro le quinte, ha detto che era previsto un annuncio dopo la riunione del gabinetto di sicurezza.

Il funzionario ha parlato poco dopo che il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sissi ha parlato al telefono con il presidente Joe Biden. I due leader hanno discusso dei modi per fermare la violenza nei Territori palestinesi, ha detto l’ufficio di el-Sissi.

A Washington, l’addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto che i rapporti di una mossa verso un cessate il fuoco erano “chiaramente incoraggianti”. Ha detto che gli Stati Uniti stavano cercando di “fare tutto il possibile per porre fine al conflitto”.

Con il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres che sollecitava un cessate il fuoco immediato, un inviato delle Nazioni Unite per il Medio Oriente era nello stato del Golfo del Qatar per aiutare con gli sforzi per ripristinare la calma, ha detto un funzionario diplomatico. 

Il Qatar, ricco di energia, spesso aiuta a mediare tra Israele e Hamas e negli ultimi anni ha donato centinaia di milioni di dollari per progetti di sviluppo e umanitari a Gaza. Il diplomatico ha parlato a condizione di anonimato perché non era autorizzato a discutere la questione con i media.

Osama Hamdan, un alto funzionario di Hamas con sede in Libano, ha anche detto di aspettarsi un cessate il fuoco entro il prossimo giorno.

Mercoledì Biden ha pubblicamente chiesto a Netanyahu di chiudere l’operazione. Il leader israeliano inizialmente ha respinto, apparendo determinato a infliggere il massimo danno ad Hamas in una guerra che potrebbe aiutare a salvare la sua carriera politica. Ma ieri sera, i media israeliani hanno riferito che un accordo di cessate il fuoco avrebbe dovuto entrare in vigore venerdì all’inizio, forse prima.

Nonostante i segni di progresso, i combattimenti sono continuati fino alla sera, con attacchi aerei israeliani su obiettivi a Gaza e militanti palestinesi che lanciavano razzi contro le città israeliane. Nelle passate fasi di violenza, i combattimenti sono aumentati nelle ultime ore, con ciascuna parte che cercava di ottenere un risultato finale prima che entrasse in vigore un cessate il fuoco.

Giovedì scorso, esplosioni hanno scosso Gaza e razzi arancioni hanno illuminato il cielo prima dell’alba, con bombardamenti segnalati anche nella città centrale di Deir al-Balah e nella città meridionale di Khan Younis. Al sorgere del sole, i residenti hanno esaminato le macerie di almeno cinque case famiglia distrutte a Khan Younis. Forti attacchi aerei hanno colpito anche un’arteria commerciale a Gaza.

L’esercito israeliano ha detto di aver colpito almeno tre case di comandanti di Hamas a Khan Younis e un altro a Rafah, prendendo di mira “infrastrutture militari”, nonché un’unità di deposito di armi in una casa a Gaza.

Mercoledì, Biden ha detto a Israele che si aspettava “una significativa riduzione dell’escalation oggi sulla strada verso un cessate il fuoco” – ma Netanyahu ha respinto, dicendo che era “determinato a continuare questa operazione fino a quando il suo obiettivo non sarà raggiunto”. Ha segnato la prima frattura pubblica tra i due stretti alleati dall’inizio dei combattimenti e ha posto un difficile banco di prova per le relazioni USA-ISRAELE all’inizio della presidenza di Biden.

TAG: bombardamenti, Israele, Nazioni Unite, Palestina, USA
adv-904
Articoli Correlati