adv-883
<< ESTERI

Benjamin Netanyahu: “Israele raddoppia la sua forza su Gaza”

Il primo ministro Netanyahu non intende cessare il fuoco su Gaza
| 17 Maggio 2021 | ESTERI

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu domenica ha affermato che la fine di sette giorni di ostilità con i combattenti di Gaza non era imminente, nonostante le mosse diplomatiche per riportare la calma.

Il bombardamento israeliano della Striscia di Gaza è entrato nel suo settimo giorno consecutivo con incursioni aeree all’inizio della domenica, uccidendo almeno 42 palestinesi, ferendone altre dozzine e abbattendo almeno due edifici residenziali.

Anche la casa del capo di Hamas a Gaza, Yehya al-Sinwar, è stata presa di mira, secondo i media del gruppo.

adv-345

A Tel Aviv la gente si è precipitata a cercare rifugi antiaerei mentre le sirene avvertivano del lancio di razzi in arrivo risuonavano in tutta la città.

Almeno 188 persone, tra cui 55 bambini e 33 donne, sono state uccise nella Striscia di Gaza la scorsa settimana. Più di 1.200 altri sono rimasti feriti. Nella Cisgiordania occupata, le forze israeliane hanno ucciso almeno 13 palestinesi.

Israele ha denunciato 10 morti, inclusi due bambini.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito ieri per discutere la peggiore esplosione di violenza da anni in Palestina e Israele.

Il ministro degli Esteri del Qatar, lo sceicco Mohammed bin Abdulrahman Al-Thani, ha ricevuto domenica una telefonata dal segretario di Stato americano Antony Blinken in cui si discuteva degli sviluppi a Gaza, ha confermato il ministero degli Esteri del Qatar.

“Durante la chiamata, hanno discusso dei recenti attacchi israeliani ai fedeli alla moschea di Al Aqsa e dell’attacco alla Striscia di Gaza assediata”, ha aggiunto un comunicato del ministero.

Il corrispondente di Al Jazeera, Safwat al Kahlout, ha riferito che gli attacchi israeliani continuavano a Gaza.

“I bombardamenti sono ancora in corso…abbiamo sentito delle esplosioni pochi minuti fa, il cielo di Gaza è dominato dalle bombe israeliane”, ha detto.

“Possiamo dire che non ci sono segnali positivi di calma nelle ultime ore”, ha detto.

Le delegazioni israeliana e palestinese stavano cercando di “guadagnare punti”, piuttosto che “fare il punto” nella riunione del Consiglio di sicurezza dell’ONU.

“Certamente, mi è sembrato che i portavoce israeliano e palestinese stessero parlando al loro collegio elettorale e alla loro opinione pubblica perché chiaramente nessuno dei presenti alla riunione del Consiglio di sicurezza è stato influenzato da quei discorsi che avevano lo scopo più di segnare punti che di fare punti”, ha aggiunto l’analista di Al Jazeera, Marwan Bishara.

“Non ho visto niente dai cinesi o dagli inglesi che mi dessero un segno che i portavoce israeliano e palestinese fossero in grado di influenzarli affatto. Per quanto riguarda il resto è più o meno lo stesso”.

TAG: bombardamenti, Israele, Palestina, striscia di Gaza
adv-164
Articoli Correlati