fbpx
adv-826
<< ESTERI

Israele rasa al suolo l’edificio di Al Jazeera a Gaza

I bombardamenti israeliani su Gaza uccidono 140 palestinesi
| 16 Maggio 2021 | ESTERI

Il bombardamento israeliano della Striscia di Gaza è entrato nel suo sesto giorno consecutivo, con i raid aerei che hanno colpito un campo profughi dove almeno 10 palestinesi – otto bambini, due donne – sono stati uccisi e hanno raso al suolo un palazzo che ospitava gli uffici di organizzazioni mediatiche, tra cui Al Jazeera.

Nel frattempo, sabato i palestinesi si sono riuniti in alcune parti della Cisgiordania occupata per protestare contro la continua occupazione israeliana e il bombardamento in corso su Gaza.

Almeno 140 palestinesi, compresi 39 bambini, sono stati uccisi nella Striscia di Gaza da lunedì. Altri 950 sono rimasti feriti. Nella Cisgiordania occupata, le forze israeliane hanno ucciso almeno 13 palestinesi.

Almeno nove persone sono state uccise anche in Israele, con una nuova morte segnalata sabato a Ramat Gan. L’esercito israeliano ha detto che centinaia di razzi sono stati lanciati da Gaza verso varie località in Israele e hanno aggiunto rinforzi vicino alle terre orientali dell’enclave.

Migliaia di famiglie palestinesi si rifugiano nelle scuole gestite dalle Nazioni Unite nel nord di Gaza per sfuggire al fuoco dell’artiglieria israeliana. L’ONU ha detto che stima che circa 10.000 palestinesi abbiano lasciato le loro case a Gaza durante l’offensiva israeliana.

Il rapporto Safwat al-Kahlout di Al Jazeera da Gaza City afferma che i bombardamenti israeliani potrebbero essere uditi nel nord di Gaza vicino al confine israeliano.

“Sempre più persone stanno evacuando le loro case, soprattutto quelle che vivono vicino al confine. In precedenza altri due edifici residenziali sono stati evacuati e bombardati”, ha detto al-Kahlout.

“Questo contraddice la narrativa israeliana secondo cui tutti questi attacchi mirano a distruggere la capacità infrastrutturale di Hamas.

“I gruppi di combattenti palestinesi si stanno vendicando 24 ore su 24 con la stessa intensità del fuoco israeliano”.

Fuori dalla moschea dell’Imam Muhammad Abdel-Wahhab del Qatar, migliaia di espatriati e residenti si sono riuniti in solidarietà con i palestinesi, ha riferito Showkat Shafi di Al Jazeera.

Hanno sventolato bandiere palestinesi e del Qatar e hanno tenuto striscioni con messaggi di solidarietà per i palestinesi, mentre denunciavano gli attacchi israeliani ai territori palestinesi occupati.

Le strade fuori dalla moschea erano intasate di macchine dirette al luogo della protesta. Il personale di sicurezza del Qatar era in servizio a gestire la folla e il traffico.

Reem Alghoul, 28 anni, palestinese residente a Doha, ha detto di essere affranta e arrabbiata “per quello che sta accadendo.

“In quanto orgoglioso palestinese, partecipando a questa protesta, prendo posizione contro il genocidio perpetrato da Israele nel nostro paese. Faremo tutto il necessario per liberare il nostro paese”, ha detto Alghoul.

“Organismi come le Nazioni Unite devono fare di più poiché questa è la pulizia etnica da parte di Israele”.

TAG: Al Jazeera, bombardamenti, Israele, Palestina
adv-994
Articoli Correlati
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com