fbpx
adv-944
<< ESTERI

Netanyahu adotta armamenti pesanti aumentando i morti a Gaza

Palestinesi in fuga dopo i massicci attacchi missilistici
| 15 Maggio 2021 | ESTERI

Migliaia di palestinesi hanno afferrato bambini e oggetti personali e sono fuggiti dalle loro case venerdì mentre le forze armate di Netanyahu ha fatto irruzione nella striscia settentrionale di Gaza con carri armati e attacchi aerei, uccidendo una famiglia palestinese di sei persone nella loro casa e danneggiando pesantemente altri quartieri. Secondo Israele è stata un’operazione per pulire i tunnel dei militanti.

Con l’intensificarsi degli sforzi internazionali per un cessate il fuoco, al contrario Israele vuole infliggere danni più intensi al gruppo militante islamico Hamas che controlla la Striscia di Gaza. La violenza di Gaza si è riversata sempre più pesantemente altrove.

In Cisgiordania i palestinesi hanno tenuto le loro proteste più diffuse dal 2017, in almeno nove città che bruciano pneumatici e lanciano pietre contro le truppe israeliane. I soldati israeliani hanno aperto il fuoco uccidendo sei militanti, secondo i funzionari sanitari palestinesi, mentre un settimo palestinese è stato ucciso mentre cercava di pugnalare un soldato israeliano.

All’interno di Israele la violenza è esplosa per la quarta notte. La folla ebraica e quella araba si sono scontrate nella città di Lod, punto critico, anche dopo lo spiegamento di forze di sicurezza aggiuntive.

A Gaza, il bilancio dei combattimenti è salito a 122 morti, di cui 31 bambini e 20 donne, con 900 feriti, secondo il ministero della Salute. I gruppi militanti di Hamas e della Jihad islamica hanno confermato 20 morti nei loro ranghi, anche se Israele afferma che il numero è molto più alto. Sette persone sono state uccise in Israele, tra cui un bambino di 6 anni e un soldato.

Ma prima dell’alba di venerdì, i carri armati schierati al confine e gli aerei da guerra hanno effettuato un intenso sbarramento all’estremità settentrionale della Striscia di Gaza.

Houda Ouda ha detto che lei e la sua famiglia hanno raggiunto freneticamente la loro casa nella città di Beit Hanoun, cercando sicurezza mentre la terra tremava per due ore e mezza nell’oscurità.

“Non abbiamo nemmeno osato guardare dalla finestra per sapere cosa viene colpito”, ha detto. Quando si è fatto giorno, ha visto la fascia di distruzione: strade divelte, edifici distrutti o con le facciate spazzate via, un ulivo nudo bruciato, polvere che ricopriva ogni cosa.

Nel frattempo, la violenza si sta preparando tra coloni israeliani e cittadini palestinesi nella Cisgiordania occupata così come in Israele. In un’altra potenziale escalation, almeno tre razzi sono stati lanciati dal Libano meridionale verso Israele.

TAG: Benjamin Netanyahu, conflitto israelo-palestinese, Hamas, Israele, Palestina
adv-323
Articoli Correlati
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com