fbpx
adv-34
<< ESTERI

Tre razzi sono stati lanciati dal Libano, Israele prepara l’invasione di terra

| 14 Maggio 2021 | ESTERI

Hamas ha inviato una pesante raffica di razzi in Israele mentre Israele ha colpito Gaza con più attacchi aerei e granate richiamando altri 9.000 riservisti che potrebbero essere usati per organizzare un’invasione di terra. Le ostilità si sono intensificate nonostante gli sforzi di mediazione dei negoziatori egiziani che hanno tenuto colloqui di persona con entrambe le parti.

In un’altra potenziale escalation, almeno tre razzi sono stati lanciati dal Libano meridionale verso Israele, un attacco che ha minacciato di aprire un nuovo fronte nei combattimenti.

L’artiglieria e i proiettili dei carri armati che hanno iniziato a cadere a Gaza hanno costretto decine di famiglie a fuggire dalle loro case, hanno detto testimoni palestinesi. L’uso del fuoco di artiglieria nell’offensiva israeliana di quattro giorni ha aumentato la probabilità di vittime civili.

I palestinesi stanchi, nel frattempo, hanno segnato cupamente la fine del mese sacro musulmano del Ramadan giovedì, quando i militanti hanno sparato una raffica di razzi dopo l’altra e Israele ha effettuato ondate di attacchi aerei da far tremare le ossa. Da quando i razzi sono iniziati lunedì, Israele ha fatto crollare tre grattacieli che si dice ospitassero le strutture di Hamas dopo aver avvertito i civili di evacuare.

Il ministero della Salute di Gaza ha detto che il bilancio delle vittime è salito a 87 palestinesi, tra cui 18 bambini e otto donne, con 530 feriti. La Jihad islamica ha confermato la morte di sette militanti, mentre Hamas ha riconosciuto l’uccisione di 13 dei suoi militanti, compreso un comandante anziano. Israele afferma che il numero di militanti morti è molto più alto.

Sette persone sono state uccise in Israele. Tra loro c’erano un soldato ucciso da un missile anticarro e un bambino di 6 anni colpito da un attacco missilistico.

Molti leader mondiali hanno condannato la violenza e sollecitato la moderazione, e la visita di funzionari della sicurezza egiziana è stata uno sviluppo significativo negli sforzi internazionali per realizzare un cessate il fuoco; tali sforzi sono stati fondamentali per porre fine ai passati round di combattimenti. I funzionari si sono incontrati prima con i leader di Hamas a Gaza prima di tenere colloqui con gli israeliani a Tel Aviv, hanno detto due funzionari dell’intelligence egiziana. Hanno parlato a condizione di anonimato perché non erano autorizzati a parlare con la stampa.

Tuttavia, sia Israele che Hamas sembravano determinati a proseguire.

Anche quando si è saputo della presenza dei mediatori, i militanti di Gaza hanno sparato una raffica di circa 100 razzi quasi contemporaneamente, alzando le sirene dei raid aerei intorno al sud e al centro di Israele.

Non ci sono state segnalazioni immediate di danni o vittime, ma lo sbarramento sembrava mirato a dimostrare che l’arsenale di Hamas era ancora pieno anche dopo tre notti di attacchi aerei e l’uccisione mercoledì di diversi leader di Hamas coinvolti nel programma missilistico.

“La decisione di bombardare Tel Aviv, Dimona e Gerusalemme è più facile per noi che bere acqua”, ha dichiarato in un videomessaggio un portavoce dell’ala militare di Hamas. Dimona è il sito del reattore nucleare di Israele.

Non è chiaro chi fosse il responsabile dei razzi lanciati dal Libano meridionale, secondo i funzionari della sicurezza libanese, che hanno parlato a condizione di anonimato in linea con i regolamenti. I razzi sono stati lanciati dalla zona di Qlayleh a nord di Naqoura, vicino al confine con Israele.

L’esercito israeliano ha confermato che i razzi sono caduti nel Mediterraneo. Il Libano meridionale ospita fazioni militanti palestinesi e il potente gruppo sciita Hezbollah.

I bombardamenti serali sono avvenuti nelle comunità del nord vicino al confine israeliano e nella parte orientale di Gaza. Il residente Ibrahim Jamal ha detto che circa 200 persone hanno cercato rifugio in una scuola delle Nazioni Unite.

In un altro segno i combattimenti potrebbero intensificarsi ulteriormente, il ministro della Difesa israeliano ha approvato la mobilitazione di altre 9.000 truppe riserviste e il portavoce militare israeliano ha detto che le forze si stanno ammassando al confine con la Striscia di Gaza.

Il ministero della Difesa ha dichiarato giovedì che l’ultima mobilitazione approvata dal ministro della Difesa Benny Gantz è stata una “convocazione eccezionale”.

Il capo portavoce dell’esercito, Brig. Il generale Hidai Zilberman, ha detto che le forze “stavano preparando l’opzione di una manovra di terra”. Ha detto alla stazione televisiva pubblica israeliana Kan che i carri armati, i veicoli corazzati per il trasporto del personale e l’artiglieria venivano preparati “per questa opzione di mobilitazione in un dato momento”.

Ma il livello delle forze non si credeva ancora abbastanza forte per una possibile invasione di terra.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha visitato le batterie del sistema di difesa missilistica Iron Dome, che secondo i militari ha intercettato il 90% dei 1.200 razzi che hanno raggiunto Israele da Gaza fino ad ora.

“Ci vorrà più tempo, ma … raggiungeremo il nostro obiettivo: riportare la pace nello Stato di Israele”, ha detto.

La sera precedente, la TV israeliana ha riferito che il gabinetto di sicurezza di Netanyahu ha autorizzato un ampliamento dell’offensiva che, secondo i militari, ha già colpito 600 obiettivi a Gaza.

A Gaza, è stato gettato un drappo su Eid al-Fitr, la festa alla fine del mese di digiuno quotidiano del Ramadan. Di solito è un periodo festivo in cui le famiglie acquistano vestiti nuovi e si riuniscono per grandi feste.

Hamas ha invece esortato i fedeli a celebrare le preghiere comuni dell’Eid all’interno delle loro case o nelle moschee più vicine invece che all’aperto, come è tradizione.

Hassan Abu Shaaban ha cercato di alleggerire l’atmosfera distribuendo caramelle ai passanti dopo le preghiere, ma ha riconosciuto che “non c’è affatto atmosfera per Eid”.

“Sono tutti attacchi aerei, distruzione e devastazione”, ha detto. “Possa Dio aiutare tutti”.

Nella città meridionale di Gaza di Khan Younis, dozzine di persone in lutto hanno marciato per le strade portando i corpi di un 11enne e un 13enne uccisi mercoledì quando un attacco aereo israeliano ha colpito vicino alla loro casa.

In Israele, il lancio di razzi ha fermato la vita nelle comunità meridionali vicino a Gaza, ma ha anche raggiunto l’estremo nord dell’area di Tel Aviv, a circa 70 chilometri (45 miglia) di distanza, per il secondo giorno consecutivo.

Israele ha dirottato alcuni voli in arrivo dall’aeroporto internazionale Ben Gurion, vicino alla città, verso l’aeroporto di Ramon nell’estremo sud del paese, ha detto il ministero dei Trasporti. Anche diversi voli sono stati cancellati.

Hamas ha detto di aver lanciato il suo razzo più potente, l’Ayyash, verso Ramon, a 180 chilometri (110 miglia) da Gaza. Il razzo è atterrato in una zona desertica e nessuna sirena del raid aereo ha suonato, hanno riferito i media israeliani. Tuttavia, i voli sono stati sospesi brevemente all’aeroporto, con diversi aerei lasciati in orbita prima che gli atterraggi e i decolli fossero ripresi, secondo i siti web di monitoraggio.

“Stiamo affrontando, seduti a casa, sperando che vada bene”, ha detto Motti Haim, un residente della città centrale di Beer Yaakov e padre di due bambini. “Non è semplice correre al rifugio. Non è facile con i bambini. “

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha condannato il “lancio indiscriminato di razzi” dalle aree civili di Gaza verso i centri abitati israeliani, ma ha anche esortato Israele a mostrare “la massima moderazione”. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiamato Netanyahu per sostenere il diritto di Israele a difendersi, e il segretario di Stato Antony Blinken ha detto che stava inviando un diplomatico di alto livello nella regione.

Mercoledì in tarda serata sono scoppiati nuovamente scontri brutti. La folla ebraica e quella araba hanno combattuto nella città centrale di Lod, l’epicentro dei guai, nonostante lo stato di emergenza e il coprifuoco notturno. Nella vicina Bat Yam, i nazionalisti ebrei hanno trascinato un automobilista arabo dalla sua auto e lo hanno picchiato finché non è rimasto immobile.

La polizia israeliana ha detto che due persone sono state colpite e ferite a Lod e un ebreo israeliano è stato accoltellato. Un cittadino arabo è stato accoltellato e gravemente ferito nel mercato centrale di Mahane Yehuda a Gerusalemme.

Nella Cisgiordania occupata, l’esercito israeliano ha detto di essere intervenuto in un attacco a fuoco palestinese che ha ferito due persone. Il ministero della Salute palestinese ha detto che il sospetto uomo armato è stato ucciso.

Non è ancora chiaro come i combattimenti a Gaza influenzeranno il futuro politico di Netanyahu. Non è riuscito a formare una coalizione di governo dopo le elezioni parlamentari inconcludenti di marzo, e ora i suoi rivali politici hanno tre settimane per provare a formarne una.

Hanno corteggiato un piccolo partito arabo islamista, ma i combattimenti potrebbero ostacolare questi sforzi.

TAG: conflitto, Gaza, Israele, Palestina
adv-99
Articoli Correlati