adv-582
<< ESTERI

Il discorso di Joe Biden è indigesto alla Corea del Nord

| 3 Maggio 2021 | ESTERI

La Corea del Nord domenica ha avvertito che gli Stati Uniti dovranno affrontare “una situazione molto grave” e ha affermato che il presidente Joe Biden “ha commesso un grosso errore” nel suo recente discorso definendo il Nord una minaccia alla sicurezza.

La scorsa settimana, Biden, nel suo primo discorso al Congresso, ha definito i programmi nucleari della Corea del Nord e dell’Iran “gravi minacce” alla sicurezza americana e mondiale e ha detto che lavorerà con gli alleati per affrontare questi problemi attraverso la diplomazia e la severa deterrenza.

“La sua dichiarazione riflette chiaramente la sua intenzione di continuare a far rispettare la politica ostile nei confronti della Corea del Nord come era stata fatta dagli Stati Uniti per oltre mezzo secolo”, ha detto in una dichiarazione Kwon Jong Gun, un alto funzionario del ministero degli Esteri nordcoreano. RPDC sta per Repubblica Democratica Popolare di Corea, il nome ufficiale del Nord.

“È certo che l’amministratore delegato degli Stati Uniti ha commesso un grosso errore alla luce del punto di vista attuale”, ha detto Kwon. “Ora che la nota fondamentale della nuova politica della Corea del Nord degli Stati Uniti è diventata chiara, saremo costretti a premere per misure corrispondenti, e con il tempo gli Stati Uniti si troveranno in una situazione molto grave”.

Kwon non ha ancora specificato quali passi avrebbe intrapreso la Corea del Nord, e la sua dichiarazione potrebbe essere vista come uno sforzo per esercitare pressioni sull’amministrazione Biden mentre sta definendo la sua politica della Corea del Nord.

Il consigliere per la sicurezza nazionale di Biden, Jake Sullivan, ha detto domenica che la politica degli Stati Uniti “non è finalizzata all’ostilità, è finalizzata a soluzioni” e al “raggiungimento della completa denuclearizzazione della penisola coreana”.

“E siamo pronti a impegnarci in diplomazia verso questo obiettivo finale, ma lavorare su misure pratiche che possono aiutarci a fare progressi lungo la strada verso tale obiettivo”, ha detto Sullivan su “This Week” della ABC.

La Casa Bianca ha detto che venerdì i funzionari dell’amministrazione hanno completato una revisione della politica degli Stati Uniti nei confronti della Corea del Nord, affermando che Biden intende deviare dagli approcci dei suoi due più recenti predecessori mentre cerca di fermare il programma nucleare della Corea del Nord. Il segretario stampa Jen Psaki non ha dettagliato i risultati della revisione, ma ha suggerito che l’amministrazione avrebbe cercato una via di mezzo tra il “grande affare” di Donald Trump e l’approccio della “pazienza strategica” di Barack Obama.

La dichiarazione di Kwon non menzionava i commenti di Psaki.

Dopo una serie di test nucleari e missilistici di alto profilo nel 2016-17, il leader nordcoreano Kim Jong Un ha lanciato la diplomazia del vertice con Trump sul futuro del suo arsenale nucleare in crescita. Ma quella diplomazia rimane bloccata per circa due anni a causa delle differenze nella quantità di sollievo dalle sanzioni che la Corea del Nord potrebbe ottenere in cambio di limitate misure di denuclearizzazione.

A gennaio, Kim ha minacciato di ampliare il suo arsenale nucleare e di costruire più armi ad alta tecnologia mirando alla terraferma degli Stati Uniti, dicendo che il destino dei legami bilaterali dipenderà dal fatto che abbandoni la sua politica ostile. A marzo, ha condotto test sui missili balistici a corto raggio per la prima volta in un anno, sebbene mantenga ancora una moratoria sui lanci di armi più grandi.

“Se Pyongyang acconsente a colloqui a livello di lavoro, il punto di partenza dei negoziati sarebbe il congelamento dei test nordcoreani e lo sviluppo di capacità nucleari e sistemi di consegna”, ha detto Leif-Eric Easley, professore all’Università Ewha di Seoul. “Se, d’altra parte, Kim evita la diplomazia e opta per test provocatori, Washington probabilmente amplierà l’applicazione delle sanzioni e le esercitazioni militari con gli alleati”.

Sempre domenica, un portavoce non identificato del ministero degli Esteri nordcoreano ha promesso una risposta forte e separata a una recente dichiarazione del Dipartimento di Stato secondo cui avrebbe spinto a promuovere “la responsabilità per il regime di Kim” sulla sua “egregia situazione dei diritti umani”. Ha definito la dichiarazione una preparazione per la “resa dei conti a tutto campo con noi”.

Anche la potente sorella di Kim, Kim Yo Jong, ha sbattuto la Corea del Sud per i volantini anti-Pyongyang lanciati attraverso il confine da un gruppo di disertori nordcoreani nel sud. Il leader del gruppo, Park Sang-hak, ha detto venerdì di aver inviato 500.000 volantini in mongolfiera la scorsa settimana, sfidando una nuova e controversa legge sudcoreana che criminalizza tale azione.

“Consideriamo le manovre compiute dai rifiuti umani nel sud come una seria provocazione contro il nostro Stato e esamineremo le azioni corrispondenti”, ha detto Kim Yo Jong in una dichiarazione.

Ha accusato il governo sudcoreano di “fare l’occhiolino” ai volantini. Il ministero dell’Unificazione di Seoul ha risposto domenica più tardi affermando che si oppone a qualsiasi atto che crei tensioni nella penisola coreana e si sforzerà di raggiungere migliori legami con la Corea del Nord.

Easley ha detto che le dichiarazioni nordcoreane di Kwon e Kim Yo Jong mostrano che “Pyongyang sta cercando di creare un cuneo tra la Corea del Sud e gli Stati Uniti” in vista del vertice del 21 maggio tra Biden e il presidente sudcoreano Moon Jae-in.

TAG: Corea del Nord, Kim Jong-Un, Presidente Joe Biden, USA
adv-517
Articoli Correlati