adv-393
<< ESTERI

La Dichiarazione di Gerusalemme sull’antisemitismo è un testo orientalista

La JDA non riesce a produrre una vera opposizione al problema centrale della definizione IHRA: il silenzio e la cancellazione di Palestina e Palestinesi
| 22 Aprile 2021 | ESTERI

di Mark Muhannad Ayyash

In un’intervista del 2000 per il quotidiano israeliano Haaretz, il giornalista Ari Shavit chiede al teorico letterario palestinese e scrittore anticoloniale Edward Said se pensa che “l’idea di uno stato ebraico sia difettosa”.

In risposta, Said pone le sue domande sulle nozioni di “ebraicità” e “chi è un ebreo” in questo stato. Shavit interrompe bruscamente quella linea di pensiero, affermando: “Ma questa è una questione interna ebraica. La domanda per te è se gli ebrei sono un popolo che ha diritto a uno stato proprio?”

adv-404

L’argomento di Shavit afferma che il fondamento stesso dello stato ebraico come stato per gli ebrei è una questione che solo gli ebrei devono discutere e discutere criticamente. L’unico punto di ingresso in questa discussione per i non ebrei, come Said, è accettare la non negoziabilità di quel fondamento: vale a dire, che gli ebrei hanno diritto al proprio stato ebraico. Ciò che questo argomento omette è che questo stato è stato stabilito su una terra che era già abitata dai palestinesi. Questo argomento, e l’omissione della Palestina e della vita palestinese da esso, precede Shavit di decenni e, 21 anni dopo, persiste.

Oggi, siamo nel mezzo di un’ondata di definizioni di antisemitismo che sono determinate a proteggere la validità dell’idea di stato ebraico da qualsiasi critica seria proveniente da ebrei antisionisti (la cui ebraicità è sempre più messa in discussione) e non ebrei, i primi tra questi ultimi sono palestinesi come Said.

La Dichiarazione di Gerusalemme sull’antisemitismo (JDA) illustra questo punto. Questo documento si colloca come il sostituto liberale della definizione di lavoro dell’antisemitismo della conservatrice International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA). Come la definizione IHRA, la JDA si pone il compito di determinare quali tipi di critiche e punti di vista antisionisti costituiscono antisemitismo e quali no. Come ha affermato di recente uno dei suoi firmatari, Yair Wallach, “La JDA presta particolare attenzione all’antisemitismo in veste antisionista”.

In quanto documento liberale, la JDA mostra tolleranza per la diversità di punti di vista e prospettive sulla questione israelo-palestinese. Ma come tutti i documenti liberali che sono stati prodotti nel bel mezzo di un periodo coloniale o coloniale, questo documento mantiene intatto il contratto coloniale in base al quale i padroni coloniali mantengono la posizione di privilegio e supremazia nella voce e nello status sui colonizzati.

La JDA è un testo orientalista che non riesce a produrre una vera opposizione al problema centrale della definizione IHRA: il silenzio e la cancellazione di Palestina e Palestinesi.

Non sto facendo una dichiarazione generale sui firmatari della JDA e li sto etichettando come orientalisti. Sto dicendo che tutti hanno firmato un testo orientalista.

La parte A del documento è l’unico segmento degno di lode, sebbene il quadro intersezionale antirazzista e anticoloniale avrebbe potuto essere impiegato in modo molto più approfondito nella sua formazione. Mettendolo da parte, lasciatemi concentrare sul Preambolo e sulle sezioni B e C.

Un testo orientalista

L’opera fondamentale di Said, l’orientalismo, non divenne un classico solo perché criticava testi e autori dichiaratamente imperiali ed esplicitamente razzisti. Ha ottenuto ampi consensi perché ha mostrato come le visioni del mondo imperialiste e razziste possono rimanere intatte anche in testi che professano posizioni liberali e persino anticoloniali.

Mentre la definizione IHRA è un testo apertamente conservatore, coloniale e razzista, la JDA si propone come un documento liberale, tollerante e antirazzista. Non ho bisogno di ripetere qui le critiche alla definizione IHRA, che sono abbondanti. Ma l’orientalismo relativamente nascosto della JDA richiede ulteriori spiegazioni e critiche.

Due caratteristiche principali del testo JDA illustrano chiaramente il suo orientalismo.

La prima caratteristica riguarda la posizione dei palestinesi nel documento. I palestinesi e la critica palestinese a Israele appaiono principalmente in due modi nella JDA.

In primo luogo, verso la fine del Preambolo, la JDA afferma: “[L’ostilità nei confronti di Israele potrebbe essere un’espressione di un animus antisemita, o potrebbe essere una reazione a una violazione dei diritti umani, o potrebbe essere l’emozione che un palestinese persona si sente a causa della propria esperienza nelle mani dello Stato.”

In presunta opposizione alla dichiarazione generale della definizione IHRA che “l’antisionismo è antisemitismo”, la JDA dice al suo pubblico previsto, il mondo euro-americano, che anche se ostile, reazionario ed emotivo, l’antisionismo dei palestinesi può , in alcuni casi, tollerabile. Quindi, ciò che salverà i palestinesi dall’accusa di antisemitismo non è un equo ascolto della sostanza delle loro affermazioni, dichiarazioni e campagne che hanno sempre sottolineato che la loro opposizione non è agli ebrei ma a uno stato che ha commesso atti di violenza contro di loro. Piuttosto, ciò che salverà i palestinesi è l’idea che i cuori gentili dell ‘”Occidente civilizzato” possono apprezzare che l’Oriente è un soggetto emotivo le cui esagerazioni irrazionali si basano su esperienze di brutale violenza eliminatoria e quindi dovrebbero essere tollerate. Scusami,

In secondo luogo, proprio perché sono così reazionari, emotivi e ostili, afferma il documento, i palestinesi sono una fonte di dichiarazioni e campagne che gli euroamericani dovrebbero tollerare ma anche contro cui vigilare. Questa posizione è chiara nel Preambolo in cui si afferma: “Determinare che una visione o un’azione controversa non è antisemita non implica né che la sosteniamo né che non lo facciamo”. Già la critica palestinese dello stato di Israele è segnata da “controversie”, mentre i dibattiti sulla natura ebraica dello stato ebraico non lo sono. La JDA continua su questa strada.

Il titolo della sezione C afferma: “Israele e Palestina: esempi che, a prima vista, non sono antisemiti [che si approvi o meno il punto di vista o l’azione]”. Le parentesi qui sono fondamentali. Sono l’etichetta di avvertimento che compare nel documento solo quando sta per identificare le critiche e le campagne palestinesi (come il movimento BDS). Non è richiesta alcuna vigilanza da parte degli euro-americani quando gli ebrei discutono su quella che affermano essere una questione interna ebraica. Ma quando si tratta dei palestinesi e delle loro critiche, il messaggio è di stare in guardia, perché questi fastidiosi palestinesi faranno dichiarazioni infondate perché sono così emotivi a causa delle loro esperienze “per mano dello Stato”.

E nel caso in cui rimanessero dubbi sulle risposte fuori controllo, emotive e sproporzionate dei palestinesi, la linea guida n. 15 nella sezione C lo sradica: “Il discorso politico non deve essere misurato, proporzionato, moderato o ragionevole… Le critiche che alcuni potrebbero considerare eccessive o controverse … non sono, di per sé, antisemite. In generale, il confine tra discorso antisemita e non antisemita è diverso dal confine tra discorso irragionevole e ragionevole”.

Il colpo di grazia: la JDA ritiene appropriato mettere in discussione la ragionevolezza e la sua mancanza dei palestinesi, specialmente quando si oppongono al “sionismo come forma di nazionalismo”, chiedono giustizia, chiedono la piena uguaglianza in uno stato, confrontano Israele con altri coloni coloniali e gli stati dell’apartheid, o quando avanzano e promuovono il BDS, ma questo non significa che siano antisemiti. Quindi, sopporta e tollera le loro esplosioni emotive, nonostante la loro irragionevolezza.

La seconda caratteristica che illustra l’orientalismo del testo è la definizione come essenzialmente antisemita di una caratteristica centrale della critica palestinese del sionismo e di Israele.

La JDA fornisce due serie di linee guida per determinare cosa costituisce l’antisemitismo. La sezione B elenca cinque linee guida su Israele e Palestina dove troviamo “esempi che, a prima vista, sono antisemiti” e la sezione C elenca cinque linee guida in cui gli esempi non sono, a prima vista, antisemiti. E nella linea guida numero 10 nella sezione B, la JDA dichiara quanto segue come antisemita: “Negare il diritto degli ebrei nello Stato di Israele di esistere e prosperare, collettivamente e individualmente, come ebrei, in conformità con il principio di uguaglianza”.

Quali sono i confini dello Stato di Israele quando è uno Stato che è impegnato in un progetto di annessione in corso che non ha fine in vista? A spese di chi sta avvenendo questo “fiorire”? Il progetto sionista avanza una visione del mondo a somma zero: o ebrei o non ebrei saranno sovrani nella terra della Palestina storica, non ci sono compromessi. Allora come garantire questo “principio di uguaglianza” in un contesto in cui lo stato israeliano deve mantenere la sovranità ebraica per una maggioranza ebraica a tutti i costi? I palestinesi dovrebbero accettare che il diritto degli ebrei nello Stato di Israele dovrebbe avere la precedenza sui loro diritti sovrani? Secondo la JDA, i palestinesi non sono autorizzati a rispondere a queste domande o ad altre domande sul diritto degli ebrei a uno stato ebraico dicendo “non a mie spese”.

A parte la raffinatezza retorica, c’è pochissima differenza sostanziale tra questa linea guida e l’affermazione della definizione IHRA secondo cui sostenere che Israele è uno sforzo razzista costituisce antisemitismo. Questo probabilmente spiega perché la JDA è così timida nella sua dichiarata opposizione alla definizione IHRA, dove invece di opporsi inequivocabilmente alla sua adozione, afferma: “Le istituzioni che hanno già adottato la definizione IHRA possono utilizzare il nostro testo come strumento per interpretarlo”. E in base alla linea guida numero 10, ho piena fiducia che tale interpretazione non solo è possibile ma anche accettabile per gli autori e i promotori della definizione IHRA.

Il contratto coloniale è semplicemente riconfezionato nella JDA: se un palestinese mette in dubbio la validità dell’idea di uno Stato ebraico per una maggioranza ebraica [sulla terra della Palestina storica ea spese dei palestinesi], allora sono nella migliore delle ipotesi irragionevoli e peggior antisemita. E l’omissione della sezione tra parentesi sigilla e assicura il contratto, tutto sotto la rubrica della tolleranza liberale. Orientalismo al suo meglio.

Le questioni ebraica e palestinese si intrecciarono

Il preambolo della JDA afferma: “C’è un bisogno ampiamente sentito di chiarezza sui limiti del discorso e dell’azione politici legittimi riguardanti il ​​sionismo, Israele e la Palestina”.

Il problema qui non è che non ci siano casi di antisemitismo che appaiono sotto la patina dell’antisionismo. Questi incidenti esistono certamente. Ma non solo esistono incidenti simili deplorevoli e razzisti contro i palestinesi, ma i palestinesi devono anche fare i conti con il razzismo sistemico anti-arabo e anti-palestinese in discorsi e processi diplomatici e presumibilmente orientati alla pace, che disumanizzano i palestinesi e negano loro il diritto alla sovranità. .

La disumanizzazione, l’espropriazione e la cancellazione della Palestina e dei Palestinesi non sono mai adeguatamente situate nelle linee guida della JDA sulla questione della Palestina, Israele e Sionismo. Proprio come l’annessione unilaterale di Gerusalemme da parte di Israele, la Dichiarazione di Gerusalemme determina unilateralmente ciò che costituisce un discorso e un’azione politica legittima senza la minima considerazione dell’esperienza palestinese del sionismo come parte integrante della struttura della discussione. Questa è la violenza epistemica dei testi orientalisti come la JDA.

Nell’intervista che ho citato all’inizio, Said ha sottolineato i collegamenti tra le esperienze palestinesi ed ebraiche di esilio, espropriazione e apolidia. Quando il sionismo ha avviato e avviato un progetto politico per colonizzare la Palestina, ha distrutto la società e la vita palestinese e ha creato uno stato ebraico su di esso. La distruzione della vita ebraica in Europa è stata affrontata distruggendo la vita palestinese in Palestina, e da allora in poi la questione ebraica ha cessato di essere una questione ebraica interna e si è intrecciata con la questione palestinese. Denominare e affrontare adeguatamente l’antisemitismo significa nominare e affrontare adeguatamente la modernità coloniale e la colonizzazione dei coloni della Palestina. Qualsiasi cosa al di sotto di questo è destinata a replicare il discorso orientalista coloniale e perpetuare la modernità coloniale.

TAG: Gerusalemme, JDA, Palestina
adv-572
Articoli Correlati