adv-236
<< EUROPA

Il commissario Didier Reynders: “Viaggiare con il passaporto Covid da fine giugno”

Il cosiddetto "passaporto Covid" dell'UE - il certificato verde digitale - per viaggiare liberamente dovrebbe essere pronto dalla fine di giugno
| 14 Aprile 2021 | EUROPA

Martedì, alla commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (LIBE) del Parlamento europeo, Didier Reynders ha affermato che il certificato sarà in uso prima dell’estate.

“Vogliamo garantire che tutti i cittadini dell’UE ricevano lo stesso trattamento quando gli Stati membri revocano le restrizioni alla libera circolazione per i titolari di vaccini, certificati di recupero o di prova”, ha affermato.

Il mese scorso, la Commissione europea ha presentato la sua proposta per il certificato, che fornirà la prova che una persona è stata vaccinata contro il Covid-19, ha un’immunità naturale o ha un recente risultato negativo del test.

Il 26 marzo il Parlamento europeo ha avviato una procedura accelerata per accelerare l’approvazione del certificato e il Parlamento e gli Stati membri stanno attualmente negoziando i dettagli pratici.

In linea di principio, tuttavia, i singoli Stati membri decidono quali conseguenze devono essere allegate al documento. Questi potrebbero includere, ad esempio, l’accesso gratuito al territorio senza quarantena obbligatoria.

Martedì Reynders ha presentato la proposta della Commissione al Parlamento europeo e ha affermato che all’inizio di giugno verrà avviata una fase pilota per testare l’uso del certificato.

Ha anche sottolineato che il certificato verde digitale rispetterà le norme sulla privacy, che è stata una delle principali cause di preoccupazione negli Stati membri.

Secondo Reynders, il certificato funziona seguendo il principio della “minimizzazione dei dati”, il che significa che il documento non raccoglierà più dati personali di quanto strettamente necessario.

“In effetti, ci sono più dettagli personali nel libretto di vaccinazione giallo”, ha detto, riferendosi al certificato internazionale di vaccinazione contro tutti i tipi di malattie dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Inoltre, secondo Reynders, i dati sul certificato verde digitale non verranno archiviati in un database centrale.

Inoltre, il certificato (in formato digitale e/o cartaceo) è uno strumento temporaneo per facilitare i viaggi nell’UE durante la crisi del coronavirus e deve essere messo a disposizione dagli Stati membri gratuitamente.

Non appena l’OMS dichiarerà che la pandemia è finita, tuttavia, il documento non sarà più necessario, ha detto Reynders, aggiungendo che potrebbe essere ripristinato in caso di nuova pandemia.

TAG: Didier Reynders, Oms, passaporto covid, UE
adv-124
Articoli Correlati