adv-807
<< EUROPA

Spagna, Portogallo e Grecia riapriranno solo ai viaggiatori vaccinati

| 11 Marzo 2021 | EUROPA

Poiché il “passaporto europeo per le vaccinazioni” dovrebbe essere pronto prima dell’estate, alcuni paesi la cui economia dipende fortemente dal turismo si stanno preparando a riaprire.

Martedì sera, il ministro del turismo greco Harry Theocharis ha annunciato che i confini del paese saranno aperti ai viaggiatori a partire dal 14 maggio.

“La Grecia è pronta con un protocollo completo per l’estate 2021”, ha detto Theocharis durante un discorso virtuale per la mostra del turismo ITB a Berlino. “I turisti saranno i benvenuti se sono vaccinati, hanno gli anticorpi o sono negativi al test. Tutti i turisti potranno essere testati casualmente all’arrivo. “

Inoltre, il governo greco ha in programma di vaccinare i lavoratori dell’industria del turismo come prossimo gruppo prioritario, dopo gli anziani e i più vulnerabili. Un lavoratore su cinque è impiegato nel settore del turismo in Grecia e una seconda estate senza turismo non è qualcosa che il paese può affrontare, ha detto.

Mercoledì mattina, la Spagna si è unita alla Grecia quando il ministro del turismo spagnolo Reyes Maroto ha detto che il paese potrebbe iniziare a utilizzare il passaporto per le vaccinazioni a partire da maggio.

Il 19 maggio, la grande fiera internazionale del turismo FITUR inizia a Madrid e, secondo Maroto, “è allora che possiamo iniziare a implementare il passaporto digitale”, ha detto.

Anche il Portogallo sta guardando a maggio, ha detto alla BBC la scorsa settimana il ministro del turismo del paese Rita Marques , affermando che anche se la sua attuale roadmap per le misure di allentamento non include date concrete, potrebbe essere fatta un’eccezione per il turismo.

“Oggi, i viaggi non essenziali devono ancora essere limitati, ma presumiamo che il Portogallo sarà in grado di consentire di nuovo viaggi illimitati molto presto”, ha detto Marques.

Successivamente, ha chiarito che “molto presto” potrebbe essere già all’inizio di maggio. “Tutto sarà pronto per accogliere i turisti quando i loro governi consentiranno loro di viaggiare di nuovo”, ha aggiunto Marques.

Al contrario, il ministro del turismo francese Jean-Baptiste Lemoyne rimane molto più cauto. Mercoledì mattina ha dichiarato di voler invitare il settore turistico a “lavorare insieme sulle condizioni per un rilancio”, ma non ha voluto dare una data precisa.

Ha anche parlato di un “graduale allentamento” delle misure per il settore dell’ospitalità, senza essere specifico su cosa significhi o quando potrebbe iniziare.

“Ci sono luoghi in cui sappiamo che la trasmissione del virus è inferiore – qualsiasi cosa all’aperto – e dove la trasmissione è maggiore – qualsiasi cosa al chiuso”, ha detto Lemoyne, aggiungendo che rimane contrario al passaporto per le vaccinazioni come condizione per viaggiare all’interno dell’UE.

Che aspetto avrà esattamente quel passaporto europeo, il cosiddetto “Digital Green Pass”, non è ancora chiaro, ma all’inizio di questo mese, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato che una proposta legislativa sarebbe stata presentata questo mese.

Le questioni politiche e scientifiche sono attualmente in fase di ulteriore chiarimento, secondo lei.

Tuttavia, i paesi che non dipendono così tanto dal turismo, come il Belgio, sono molto più cauti riguardo al passaporto per le vaccinazioni e mettono in guardia contro la discriminazione tra i cittadini dell’UE.

Finché tutti non hanno avuto una giusta possibilità di essere vaccinati, non si dovrebbe fare alcuna distinzione tra coloro che sono stati vaccinati e quelli che non lo hanno fatto, ha detto il primo ministro Alexander De Croo in un vertice europeo.

Tuttavia, l’UE ha sottolineato che ogni Stato membro può decidere autonomamente come verrà utilizzato il certificato di vaccinazione.

TAG: UE, vaccinati, viaggiatori
adv-919
Articoli Correlati