adv-567
<< CRONACA

Cts: si lavora sull’impatto dei nuovi contagi nelle scuole

| 28 Febbraio 2021 | CRONACA

C’è un impatto dei nuovi contagi nelle scuole, ma differenziato. Per questo sarebbe auspicabile una modulazione delle misure a seconda delle zone, variabile in base a Comuni o Province e non soltanto su base regionale. È quanto emerge da una riunione iniziata alle 19 del Comitato Tecnico Scientifico, che al termine dell’incontro stilerà un verbale sul rapporto dei contagi Covid e la scuola. Dal documento  arriveranno dei consigli per il nuovo Dpcm che entrerà in vigore dal 6 marzo.

Secondo il Cts, con la stabilità dei contagi in zona gialla per 3 settimane consecutive, le attuali disposizioni sulle lezioni in presenza non dovrebbero cambiare. Al verbale sarà allegato uno studio Iss, sul quadro contagi-scuole. Si potrebbero prevedere lezioni a distanza in tutte le scuole nelle zone rosse regionali o in quelle locali, ma anche oltre il superamento di una determinata soglia di incidenza, a prescindere dal colore.

Nella riunione del Cts la soglia di cui si è parlato si attesta sui 250 contagi settimanali ogni centomila abitanti, numeri che già determinano il passaggio in zona rossa. L’altra ipotesi, che non è stata oggetto della riunione ma riguarda ambienti esterni al Comitato, è di valutare l’incidenza di 100 contagi settimanali su 100mila abitanti e viene supportata da altre componenti.

adv-153

Secondo l’orientamento prevalente degli esperti, quindi, le scuole saranno chiuse nelle zone rosse, a livello regionale o solo locale, ma se ci sono dati particolarmente allarmanti sulla diffusione del virus si potrebbe anche prescindere dal colore. In relazione alle aree arancioni e gialle, invece, i protocolli attualmente in uso dovrebbero rimanere invariati.

TAG: coronavirus, covid, Cts, scuole
adv-583
Articoli Correlati