adv-342
<< POLITICA

Con Joe Biden è tornata la democrazia

La pandemia frutto del sovranismo e della globalizzazione?
| 22 Febbraio 2021 | POLITICA

Mi preme sottolineare di essere in linea con le enunciazioni del Presidente degli Stati Uniti, pronunciate nel corso della conferenza sulla sicurezza di Monaco. Concordo, infatti, con l’affermazione dei valori della democrazia rispetto a quelli propri del sovranismo, che alimentano separatismi e non unità, prevalentemente sul piano della vita economica. 

Il nostro movimento “La Nuova Democrazia” è nato, difatti, prendendo le mosse dalla constatazione della crisi dei valori della solidarietà e della condivisione del progresso civile ed umano, che ha determinato la nascita di uno spietato egoismo ed egocentrismo sul piano delle azioni politiche di alcuni Stati, sempre più forti sul terreno della propria affermazione economica,  a livello globale. 

La globalizzazione è certo che abbia rotto gli argini del preesistente sistema economico mondiale, facendo nascere nuovi equilibri politici, che hanno messo a dura prova  la sopravvivenze dell’ordine socio-politico ed economico, soprattutto per alcuni continenti tra cui l’America e l’Europa, per i quali vigeva il patto atlantico, foriero di sviluppo e progresso anche per l’Italia.

Si constata, difatti, che nuove forze economiche aggrediscono i mercati e, nel farlo, si ispirano a nuove regole, a nuovi principi, a volte discutibili, proprio in quanto infrangono le regole morali che, finora, hanno sorretto la sicurezza e la pace delle stragrande maggioranza delle nazioni. 

Ne consegue che  molti capisaldi iniziano a vacillare e si creano dissesti, che, nel porre a rischio la morte di tanti mercati, mettono a rischio la vita di tanti Stati, che su di essi fondano la propria esistenza.

C’è da chiedersi se la pandemia non sia nata per caso. Chissà?

Le dure leggi di un mercato che non ha un’anima cercano di affermarsi  al di là di ogni legge morale che salvaguardi il valore della vita umana rispetto al valore della ricchezza, che alcune potenze pongono al centro del loro esserci, sorde al richiamo delle istanze di solidarietà e di amore  scaturenti dalla coscienza umana.

Il tema della sicurezza, che è stato al centro del dibattito, a cui hanno partecipato Joe Biden ed altri autorevoli esponenti della vita politica, tra cui anche Mario Draghi, nell’ambito della Conferenza di Monaco, pone in luce la drammaticità del momento storico, proprio in quanto evidenzia il cambiamento possibile di importanti  equilibri tra le potenze economiche, a livello mondiale.

Per tale motivo, si sottolinea quale debba essere il significato della concorrenza, ponendo in luce che essa non deve essere sleale, ma deve proporsi l’intento di porre al centro la cooperazione.

Joe Biden afferma, con vigore,  che l’America è tornata, che  l’alleanza transatlantica è tornata,  non certo per guardare indietro, ma per guardare avanti. Ciò significa ,  indiscutibilmente ,  che occorre essere uniti per fronteggiare il cambiamento in essere e poterlo governare. 

Joe Biden afferma, inoltre, che la partnership tra Europa e Stati Uniti è e deve rimanere la pietra angolare di tutto ciò che deve essere realizzato  nel futuro.

E’ ben chiaro il timore della minaccia che incombe sulla democrazia, non solo in America, ma anche in Europa, ad opera di chi  vuole affermare l’autarchia e vuole far vivere un’economia senza regole condivise, non sorrette dalla cooperazione.

Noi fondatori della “Nuova Democrazia” siamo a favore di un mercato che abbia  regole condivise, ispirate alla solidarietà, alla cooperazione e alla sicurezza.

L’economia per noi deve porre al centro i valori umani e, pertanto, l’affermazione della dignità umana e tutto quanto ad essa è connesso, ossia libertà di pensiero, diritti umani, solidarietà, cooperazione, integrazione, amore per la giustizia sociale ed umana.

Il nostro modello di economia è, pertanto, umanizzante e, nel contempo, necessariamente arricchente. Siamo fermamente convinti – e la storia umana, vera maestra di vita, lo insegna – che non vi è reale progresso se vi sono esclusi e sottomessi.

La nuova economia, che i popoli democratici devono necessariamente far vivere, può definirsi “Economia dal Volto Umano”, proprio in quanto  pone al centro  l’essere umano, la cooperazione, la solidarietà, l’inclusione e la conseguente sicurezza.

Non vi è dubbio che sarà costruito, in tal modo, un mondo migliore di quello che abbiamo lasciato alle spalle!

Joe Biden quando afferma che la democrazia è ritornata, in fondo afferma che siamo di fronte ad  una nuova e più fiorente democrazia, proprio in quanto si prefigge l’intento di includere tutti ed in quanto sarà foriera di pace ed alleanze edificatrici di progresso, nonché sviluppo economico ed umano, che creeranno un mondo più accogliente per ogni essere umano, ossia un mondo nuovo perché rinnovato nell’amore per ogni singolo essere vivente, tra cui non vi saranno solo donne e uomini, ma l’intero universo, ma solo a condizione che esso sia governato senza ledere le sue leggi vitali, inderogabili, pena il sopravvento della fine della vita umana.

TAG: clima, Presidente Joe Biden
adv-656
Articoli Correlati