adv-324
<< EUROPA

Angela Merkel traccia la riapertura della più grande economia europea

Il piano include un'estensione della maggior parte delle misure di blocco fino al 7 marzo.
| 12 Febbraio 2021 | EUROPA
Germania-Angela-Merkel

La Germania ha tracciato un percorso per rilanciare la più grande economia europea, con i bambini che tornano a scuola e i negozi hanno permesso di riprendere le vendite da marzo se il tasso di contagio del paese continua a diminuire.

La cancelliera Angela Merkel è pronta a difendere il piano, che include un’estensione della maggior parte delle misure di blocco fino al 7 marzo, in un discorso in parlamento giovedì.

In base alle nuove linee guida – articolate mercoledì sera in oltre cinque ore di intensi colloqui con i leader regionali – le scuole e gli asili nido potranno riprendere nei prossimi giorni e parrucchieri potranno aprire dal 1 marzo.

adv-130

La decisione sulle scuole ha segnato una vittoria per i leader statali sulla Merkel, che ha cercato un approccio più cauto a causa dei rischi rappresentati da tensioni in rapida diffusione. Il leader tedesco ha fatto a modo suo nel far passare un’estensione più lunga della maggior parte delle misure di blocco, che dovevano scadere il 14 febbraio. Ha anche insistito su una soglia di basso tasso di infezione per la riapertura dei negozi, mentre un accordo su hotel e ristoranti è stato respinto.

Alcuni stati hanno indicato che avrebbero consentito la ripresa delle scuole elementari dal 22 febbraio, mentre la Merkel aveva sostenuto di mantenere regole coerenti in tutto il paese e di tenere i bambini a casa fino alla fine del mese. La Baviera aspetterà prima di riaprire le scuole.

“Avevo alcune idee mie sull’apertura di asili nido e scuole”, ha detto la cancelliera in una conferenza stampa mercoledì alla fine dei colloqui con i premier dei 16 stati tedeschi. “Semplicemente non è possibile che io possa affermare me stesso come se avessi un diritto di veto”.

La tensione era alta a Berlino prima della videochiamata, in mezzo alla crescente pressione per allentare le regole di blocco mentre il tasso di infezione si riduce.

“Vogliamo fare di tutto in modo da non entrare in un effetto yo-yo – su e giù, aperto e chiuso”, ha detto Merkel, che è stata presa di mira per il ritmo relativamente lento del lancio del vaccino in Germania.

Sono stati fissati criteri che consentiranno all’economia di tornare lentamente a una parvenza di normalità, nonostante i rischi posti dalla rapida diffusione dei ceppi del virus. La Merkel e i leader statali terranno un prossimo round di colloqui il 3 marzo per discutere la possibilità di allentare ulteriormente i freni se i tassi di contagio lo consentiranno.

“Abbiamo bisogno di un concetto entro l’inizio di marzo, che definisca cosa è possibile e cosa no”, ha detto giovedì Stephan Weil, il premier della Bassa Sassonia, in un’intervista alla rivista WirtschaftsWoche. “A seconda della regione, ciò potrebbe significare un’apertura, ma sfortunatamente potrebbe anche significare ulteriori restrizioni”.

I funzionari erano sotto pressione per agire mentre i tassi di infezione scendevano verso l’obiettivo del governo di 50 per 100.000 persone in sette giorni. Dopo aver raggiunto un picco vicino a 200 prima di Natale, il livello è sceso a 64,2 giovedì, secondo l’istituto di sanità pubblica RKI.

Nonostante il rallentamento dell’epidemia, la Merkel continua a preoccuparsi dei ceppi mutanti. Ha avvertito che circa un quinto dei casi di virus in Germania potrebbe essere una variante del Regno Unito più contagiosa – notevolmente più del 6% indicato negli studi finora.

La Merkel voleva tenere tutto chiuso. Ma alcuni leader statali, responsabili della politica educativa locale, hanno resistito e insistito per aprire prima le scuole e gli asili nido.

Il ritmo lento delle vaccinazioni apre il paese a un potenziale nuovo picco. La Germania ha finora somministrato circa 4,2 dosi per 100 persone, secondo il Bloomberg Vaccine Tracker. Ciò si confronta con 14 negli Stati Uniti e più di 20 in Gran Bretagna, sebbene entrambe le nazioni abbiano iniziato diverse settimane prima.

La portata dell’impatto della pandemia sulla più grande economia europea sta diventando più chiara. L’istituto Ifo ha stimato mercoledì che le restrizioni hanno abbassato la produzione di mezzo punto percentuale nel quarto trimestre e taglieranno circa un punto nei primi tre mesi del 2021.

“L’estensione del blocco peserà sull’economia, ma è comprensibile data la preoccupazione per una terza ondata di infezioni da virus mutato”, ha detto in un’intervista a Funke media Lars Feld, il massimo consigliere economico del paese.

Industria e costruzioni “rimangono la spina dorsale della ripresa economica, anche in un periodo di blocco che si protrae fino a marzo”.

TAG: #Covid-19, #pandemia, Angela Merkel, Germania
adv-96
Articoli Correlati