adv-778
<< TECNOLOGIA

La NASA sta per portare il suo ultimo rover, Perseverance, su Marte

| 10 Gennaio 2021 | TECNOLOGIA

Quando abbiamo ottenuto queste immagini nel giugno 2018, è stato un grande sollievo per il team, anche se su Marte è stato un periodo piuttosto polveroso. Questo perché ha segnato la ripresa delle operazioni di perforazione da parte del rover. 

“Duluth” è stato il primo campione di roccia perforato con successo (vedere il centro dell’immagine per il foro di perforazione) dall’ottobre 2016. Un problema meccanico aveva messo offline il trapano. A giugno 2018, una nuova tecnica era stata pianificata e testata dagli ingegneri del JPL, permettendoci di tornare alla perforazione cruciale, senza la quale il nostro lavoro era stato frenato.

Due volte all’anno marziano, in prossimità degli equinozi stagionali, i percorsi delle lune marziane Phobos e Deimos si incrociano davanti al Sole come visto da Curiosity. Questa animazione mostra il Phobos di 22 km di diametro in transito attraverso il sole su Sol 2359. Il transito è durato circa 35 secondi. La precisa tempistica dei transiti misurata in osservazioni come questa aiuta gli scienziati a comprendere le interazioni di marea tra Phobos e Marte.

adv-291

La piccola quantità di vapore acqueo nella sottile atmosfera di Marte può formare nuvole, specialmente nei periodi più freddi dell’anno e intorno a picchi elevati. La curiosità ha osservato molte volte nuvole sottili in alto nella sua missione. Ma su Sol 2410 è stato possibile osservare un tipo speciale di nuvola che si forma ad altitudini molto elevate, in questo caso a circa 31 km sopra la superficie. Queste nuvole sono chiamate “nottilucenti” perché rimangono illuminate dal sole anche dopo il tramonto in superficie.

Questo splendido panorama è il panorama con la più alta risoluzione (1,8 miliardi di pixel) ancora della superficie marziana ed è stato scattato alla fine del 2019 a Glen Torridon. Poiché la preparazione di tali panorami richiede numerose fotografie (ci sono oltre 1.000 immagini teleobiettivo in questo mosaico) nel corso di molti giorni di lavoro, spesso non abbiamo la possibilità di produrle. Avevamo studiato le rocce ricche di argilla a Glen Torridon e le abbiamo intitolato un’importante area di antichi sedimenti in Scozia.

Su Sol 2784 Curiosity si è fermato per catturare un ritratto di famiglia della Terra e dei suoi vicini planetari. Il primo piano mostra una scogliera su Marte; mentre nel cielo si possono vedere sia Venere che la Terra apparire come stelle nel polveroso cielo serale.

Nell’estate del 2020, il team scientifico di Curiosity ha iniziato a guidare il rover verso una nuova e più alta regione sul Monte Sharp dove esplorerà rocce ricche di minerali solfati. Poiché il Monte Sharp si è formato quando strati di sedimenti sono stati depositati dall’acqua e dal vento, le rocce diventano più giovani con l’altezza. I minerali solfati in questa regione possono essersi formati perché Marte è passato da condizioni più umide – buone per la formazione di minerali argillosi – a condizioni più secche che potrebbero lasciare dietro di sé sali come i solfati.

Su Sol 2696, Curiosity ha completato il suo percorso più ripido della missione mentre saliva il pendio sabbioso sotto il frontone di Greenheugh, un’ampia superficie piana ricoperta da uno strato di arenaria. Il rover ha scattato queste immagini sul Sol 2729 mentre guardava attraverso le arenarie stratificate e di nuovo sopra la regione di Glen Torridon sottostante.

Conosciamo tutti Marte come il pianeta rosso, lo vediamo nel cielo notturno. Tuttavia, come mostra la nostra galleria degli scarti di perforazione, una volta perforata solo una piccola profondità all’interno, Marte può essere molto diverso. Abbiamo perforato con successo 29 volte e i sedimenti mostrano una gamma di tonalità dal rosso ocra al grigio blu, riflettendo i minerali e fluidi che sono passati attraverso le rocce antiche. La perforazione ci consente di attraversare la superficie più ossidata e più esposta alle radiazioni cosmiche.

Curiosità in isolamento a Edimburgo. Qui abbiamo scattato il rover Curiosity con la fotocamera HiRISE sul Mars Reconnaissance Orbiter. Ciascuno dei pixel è di circa 25 cm, quindi possiamo distinguere il rover abbastanza bene al centro del campo visivo. Avevamo appena completato un’esercitazione in un sito che abbiamo chiamato Edimburgo. A causa del blocco, una percentuale ancora maggiore di operazioni rover veniva svolta dal personale che lavorava da casa. Ma dopo otto anni terrestri, più di tre anni marziani e 29 fori, tutto funziona ancora abbastanza bene.

L’immagine HiRISE copre una regione chiamata frontone di Greenheugh, parte delle pendici inferiori del Monte Sharp che guideremo lentamente verso l’alto nei prossimi tre anni di una missione estesa. È in questa parte successiva della missione che ci aspettiamo di trovare un diverso tipo di ambiente antico rispetto alle parti precedenti della missione, con molti minerali solfati.

In assenza di pioggia nel clima attuale, la polvere si accumula sulla superficie di Marte. I venti energizzati dal riscaldamento del suolo del Sole possono formare vortici grandi e ben formati noti come vortici. Sono per lo più invisibili, ma quando un forte vortice si sposta su una superficie polverosa, la polvere viene sollevata al suo interno e ne rivela la forma. Questa animazione è stata girata in quattro minuti su Sol 2847 e ha catturato un vortice “diavolo di polvere” a una distanza da metà a un km dal rover. Il diavolo della polvere è largo circa 5 me alto almeno 50 m.

Curiosity ha scattato il suo ultimo “selfie” su Sol 2922 per celebrare la riuscita della perforazione di tre fori sulla lastra rocciosa antistante. I primi due fori prendono il nome da Mary Anning, la paleontologa del XIX secolo i cui ritrovamenti nelle scogliere sul mare del sud-ovest dell’Inghilterra hanno contribuito alla comprensione della vita marina preistorica sulla Terra. Il materiale di questi fori è stato utilizzato per due esperimenti di “chimica umida”, in cui è stato mescolato con sostanze chimiche liquide per estrarre molecole organiche che possono essere conservate nella roccia. Le rocce in questo sito si sono formate da sedimenti trasportati in antichi ruscelli e laghi. L’ambiente umido e la presenza di molecole organiche in diverse rocce studiate da Curiosity suggeriscono che l’antico Marte fosse abitabile, capace di sostenere la vita, se mai avesse preso piede.

TAG: marte, NASA, rover
adv-407
Articoli Correlati