adv-204
<< SALUTE

Contagi sopra 22 mila, vittime 233. Superano i duemila i ricoveri in terapia intensiva

| 3 Novembre 2020 | SALUTE

Diminuiscono ancora i contagi per Covid in Italia, sono 22.253 (ieri 29.907), secondo il bollettino del ministero della Salute, ma con soli 135.731 tamponi (ieri 183.457), oltre 47 mila test in meno; l’incremento delle vittime è di 233 in 24 ore, in aumento rispetto ai 208 di ieri.

I pazienti in terapia intensiva in Italia superano i 2 mila e sono ora 2.022, in aumento di 83 rispetto a ieri. I nuovi ricoverati in reparti ordinari sono 238, per un numero complessivo di 19.840.

Rimane stabile al livello massimo raggiunto ieri il rapporto positivi-tamponi: nelle ultime 24 ore la percentuale è risultata sempre del 16,3%.

adv-470

E’ stato anticipato a domani il monitoraggio settimanale della cabina di regia del ministero della Salute sulla situazione epidemiologica in Italia. I nuovi dati saranno oggetto della riunione del Comitato tecnico scientifico che è stato convocato per domani pomeriggio alle 16.

Tra le Regioni con il maggior numeri di nuovi contagiati dal coronavirus individuati domina sempre la Lombardia con 5.278 (ieri 8.607), poi Campania 2.861 (ieri 3.860), Toscana 2.009 (ieri 2.379), Piemonte 2.003 (ieri 2.024), Lazio 1.859 (ieri 2.351), Emilia Romagna 1.652 (ieri 1.758), Veneto 1.544 (ieri 2.300), secondo i dati del ministero della Salute.

Sono 5.278 i nuovi positivi in Lombardia, con 24.087 tamponi effettuati, per una percentuale pari al 21,9%, in leggera crescita rispetto a ieri (21,7%). I decessi sono 46 per un totale di 17.635 morti in regione dall’inizio della pandemia. Crescono sia i ricoveri in terapia intensiva (+17, 435), che negli altri reparti (+160, 4.406). A Milano ci sono 2.242 novi contagiati, di cui 1.025 a Milano città, 879 a Monza e Brianza, 733 a Como e 486 a Varese.

E arriva un appello dai medici di Milano. “Di una cosa siamo certi: la situazione sia nelle strutture sanitarie ospedaliere che anche nella medicina del territorio è diventata insostenibile. È necessario intervenire con un lockdown immediato ed efficace”. Lo chiede per Milano il Presidente dell’Ordine dei Medici della città (Omceo), Roberto Carlo Rossi.

“Non esistono – scrive Rossi – piccoli rimedi a grandi problemi, così come non si può giocare a scaricare su altri ruoli e responsabilità: la situazione è molto seria e senza interventi drastici non può che peggiorare. Soprattutto se inoltre non ci si attrezza seriamente per tutelare quei medici che, ancora adesso, sono impegnati in prima linea, ma senza le necessarie attrezzature e materiali di protezione per svolgere in sicurezza il proprio lavoro”. Rossi sottolinea infine “la ferma ed unanime decisione di tutto il nuovo Consiglio milanese dell’Ordine nell’avanzare una richiesta di provvedimenti restrittivi immediati”.

Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti d’intesa con la Protezione civile ha dato mandato di iniziare i sopralluoghi per allestire un ospedale aggiuntivo anti covid nel padiglione Jean Nouvel della Fiera di Genova. Lo annuncia lo stesso Toti stasera nel punto stampa sull’emergenza coronavirus.

Il sindaco di Genova Marco Bucci ha già dato il via libera per l’ospedale in Fiera da utilizzare in caso di necessità. “Il padiglione della Fiera di Genova potrebbe sostituire le funzioni svolte dalla nave-ospedale nella primavera scorsa: – spiega Toti – ossia ospitare le degenze di medio-bassa intensità e i positivi dimessi dagli ospedali”.

Nelle Marche dal 4 novembre al 4 dicembre incluso, didattica a distanza al 100% nelle Università e per la formazione professionale, 50% d capienza consentita nei mezzi del Trasporto pubblico locale; mentre il ritiro dei tesserini di caccia, in scadenza in questi giorni, si potrà fare on line.

Lo prevede una nuova ordinanza firmata dal presidente Francesco Acquaroli che aveva già disposto, da domani 3 novembre, la didattica a distanza al 100%, salvo bisogni educativi speciali, per le scuole superiori. “L’obiettivo – spiega – è rafforzare le misure di contenimento già prese.

Le Marche sono per ora sotto controllo secondo i parametri previsti dall’Iss, – aggiunge – ma non possiamo permettere che si alzi l’indice di rischio. Monitoriamo ora per ora la situazione e non è escluso che nei prossimi giorni si interverrà ulteriormente”.

TAG: contagi, coronavirus, tamponi, Vittime
adv-42
Articoli Correlati