adv-453
<< ESTERI

Feriti quattro giornalisti nel conflitto Armenia-Azerbaigian

| 2 Ottobre 2020 | ESTERI

Due giornalisti francesi e due armeni sono rimasti feriti giovedì nella regione separatista del Caucaso meridionale del Nagorno-Karabakh, dove questa settimana i pesanti combattimenti tra le forze armene e azerbaigiane hanno segnato la più grande escalation degli anni del conflitto decennale.

I due giornalisti di Le Monde sono rimasti feriti in un bombardamento mattutino nella città di Martuni. Il ministero degli Esteri dell’Armenia ha detto di essere stato portato in un ospedale e ha accusato l’Azerbaigian di bombardare la regione.

Anche un cameraman del canale televisivo Armenia e un giornalista del canale armeno 24News sono rimasti feriti nel bombardamento di Martuni, hanno confermato funzionari armeni. Non è chiaro quanto gravemente siano stati feriti i quattro giornalisti. Un giornalista russo del canale televisivo indipendente Dozhd avrebbe raggiunto un rifugio antiaereo in sicurezza.

Gli scontri sono scoppiati domenica nel Nagorno-Karabakh, una regione dell’Azerbaigian controllata da forze armene di etnia sostenuta dal governo armeno dalla fine di una guerra separatista un quarto di secolo fa. Da allora i combattimenti sono continuati incontrollati, uccidendo dozzine e lasciando decine di feriti. Le forze armene e azerbaigiane si incolpano a vicenda per i continui attacchi.

Le due nazioni ex-sovietiche sono state bloccate per decenni in un conflitto sul Nagorno-Karabakh, dove una guerra separatista è stata combattuta all’inizio degli anni ’90, terminata nel 1994, tre anni dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica. L’enclave di 4.400 chilometri quadrati (1.700 miglia quadrate) nelle montagne del Caucaso, all’incirca delle dimensioni dello stato americano del Delaware, si trova a 50 chilometri (30 miglia) dal confine armeno.

I soldati sostenuti dall’Armenia occupano la regione e alcuni territori azeri al di fuori di essa.

Il presidente dell’Azerbaigian ha detto che il ritiro dell’Armenia dal Nagorno-Karabakh era l’unica condizione per porre fine ai combattimenti. Funzionari armeni affermano che la Turchia è coinvolta nel conflitto, presumibilmente inviando combattenti dalla Siria nella regione e schierando caccia turchi F-16 per assistere le forze azere.

La Turchia ha pubblicamente sostenuto l’Azerbaigian nel conflitto e ha detto che avrebbe fornito assistenza se richiesto, ma nega l’invio di mercenari o armi stranieri. 

I continui combattimenti nella regione turbolenta hanno spinto a chiedere un cessate il fuoco da tutto il mondo e hanno sollevato preoccupazioni per un conflitto più ampio che potrebbe coinvolgere altre potenze regionali.

L’ufficio del presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato in una dichiarazione che lui e il presidente russo Vladimir Putin hanno discusso la questione in una telefonata mercoledì sera ed entrambi “condividono la preoccupazione per l’invio di mercenari siriani da parte della Turchia in Nagorno-Karabakh”. L’ufficio di Macron non ha elaborato.

Mercoledì il ministero degli Esteri russo ha espresso preoccupazione per le notizie di “militanti di gruppi armati illegali” provenienti da Siria e Libia inviati nella zona di conflitto in Nagorno-Karabakh. Non ha fornito ulteriori dettagli, ma in una dichiarazione ha esortato la “leadership degli stati interessati a prendere misure efficaci per prevenire l’uso di terroristi e mercenari stranieri nel conflitto”.

Macron ha detto che lui e Putin hanno esortato alla moderazione e hanno concordato sulla necessità di uno sforzo congiunto verso un cessate il fuoco, come parte degli sforzi di mediazione internazionale per il Nagorno-Karabakh guidati da Russia, Francia e Stati Uniti.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov giovedì si è rifiutato di commentare il presunto coinvolgimento della Turchia nel conflitto, ma ha affermato che “qualsiasi dichiarazione sul sostegno militare a una delle parti (opposte)” può provocare un’ulteriore escalation delle tensioni nella regione.

“Riteniamo che qualsiasi partecipazione di paesi terzi a questo confronto possa anche avere conseguenze estremamente negative”, ha detto Peskov.

TAG: Armenia, Azerbaigian, conflitto, giornalisti
adv-364
Articoli Correlati