adv-820
<< EUROPA

L’Ungheria si scontra con la Commissione europea sullo Stato di diritto

| 30 Settembre 2020 | EUROPA

In una lettera, ieri, al presidente della Commissione Von der Leyen, il primo ministro ungherese Viktor Orban ha chiesto le dimissioni di Jourova per quelle che ha definito “dichiarazioni pubbliche dispregiative” sull’Ungheria. Orban ha anche scritto che l’Ungheria avrebbe sospeso tutti i contatti politici bilaterali con Jourova. 

Secondo Orban, le sue dichiarazioni erano un “attacco politico diretto contro il governo democraticamente eletto dell’Ungheria”.

A Jourova è stato chiesto per la prima volta da Der Spiegel se considerava la Germania uno Stato di diritto. “Se non mi sono perso qualcosa di cruciale negli ultimi giorni, allora: Sì, la Germania è ancora uno stato di Stato di diritto”, ha risposto Jourova.

Apparentemente è stata meno diplomatica nelle sue risposte sullo stato di diritto in Ungheria, una questione che preoccupa seriamente l’UE. 

Nella conferenza stampa virtuale odierna, un portavoce della Commissione ha confermato che la lettera è arrivata e riceverà una risposta. “Il presidente lavora a stretto contatto con il commissario Jourova e qui ha piena fiducia”, ha detto il portavoce. 

“Ci sono diversi modi per affrontare le nostre preoccupazioni”, ha aggiunto. “La Commissione è pronta per un dialogo con l’Ungheria. Le nostre porte sono aperte.” 

Lo stesso Primo Ministro Orban in passato ha definito l’Ungheria una “democrazia illiberale”. Essere una democrazia illiberale è abbastanza buono per uno Stato membro dell’UE?

“Questa espressione non appartiene al vocabolario che la Commissione ha sviluppato e sta utilizzando sullo Stato di diritto nell’UE”, ha risposto a una domanda del Brussels Times la portavoce capo Dana Spinant. 

“La nostra posizione sullo Stato di diritto in tutti gli Stati membri sarà presentata mercoledì 30 settembre nel primo rapporto della Commissione sullo Stato di diritto”.

Per “democrazia illiberale” si intende un sistema di governo in cui, sebbene si svolgano elezioni democratiche, ai cittadini è impedito di influenzare il governo tra le elezioni a causa della soppressione di diritti fondamentali come la libertà di stampa, limitazioni alla società civile e indebolimento dell’indipendenza della tribunali e altre istituzioni.

TAG: commissione europea, Jourova, stato di diritto, UE, ungheria, Ursula von der Leyen, Viktor Orban
adv-745
Articoli Correlati