fbpx
adv-989
<< EUROPA

La Russia attacca la Germania: non ci sono prove di avvelenamento

| 4 Settembre 2020 | EUROPA

Il portavoce del presidente Vladimir Putin ha respinto le accuse secondo cui il Cremlino sarebbe stato coinvolto nell’avvelenamento del critico più determinato del leader russo, accusando la Germania di non fornire a Mosca alcuna prova sulla condizione del dissidente russo Alexei Navalny.

Navalny, un politico e investigatore sulla corruzione, si è ammalato su un volo per Mosca il 20 agosto ed è stato portato in un ospedale nella città siberiana di Omsk. È stato in coma indotto in un ospedale di Berlino dopo essere stato trasportato in aereo dalla Siberia alla Germania per cure più di una settimana fa.

Le autorità tedesche hanno detto che i test hanno mostrato “prove senza dubbio” che era stato avvelenato con un agente nervino chimico del gruppo Novichok. Le autorità britanniche hanno identificato il Novichok dell’era sovietica come il veleno usato sull’ex spia russa Sergei Skripal e sua figlia in Inghilterra nel 2018. 

Ma il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha insistito sul fatto che le autorità russe non avevano ancora ricevuto prove dalla Germania a sostegno delle loro accuse.

“Finora non abbiamo ricevuto alcuna informazione”, ha detto Peskov. “Ci auguriamo che accada presto e che possa aiutare a capire cosa ha causato la condizione in cui si trova il paziente in questo momento.”

Peskov ha ribadito che gli specialisti russi a Omsk hanno testato Navalny per sostanze velenose e non ne hanno trovate nel suo sistema. Ha detto che gli investigatori russi che conducono un’indagine preliminare sulla malattia di Navalny dovrebbero sapere “cosa hanno scoperto e stabilito i nostri colleghi tedeschi”.

Dopo la sua permanenza a Omsk, Navalny è stato trasferito due giorni dopo all’ospedale Charite di Berlino dopo che il cancelliere tedesco Angela Merkel ha offerto personalmente l’assistenza del paese per curarlo. 

Ora è in condizioni stabili, ma i medici si aspettano una lunga guarigione e non hanno escluso che il 44enne Navalny possa subire effetti a lungo termine sulla sua salute. 

La Merkel ha definito l’avvelenamento di Navalny un tentato omicidio che mirava a mettere a tacere uno dei critici più accaniti di Putin e ha chiesto un’indagine completa.

“Ci sono domande molto serie ora a cui solo il governo russo può rispondere, e deve rispondere”, ha detto la Merkel.

Alla domanda sui commenti di Peskov giovedì, la Merkel ha detto: “Naturalmente sono a conoscenza di ciò che viene detto ora”, ma si è rifiutata di commentare ulteriormente.

“Ho rilasciato ieri una dichiarazione esauriente su ciò che faremo ora e nei prossimi giorni”, ha detto ai giornalisti presso la cancelleria dopo l’incontro con il primo ministro svedese Stefan Lofven. “Ovviamente molto dipende dalle rispettive reazioni del governo russo. Ma non voglio aggiungere altro”. 

Il ministero della Giustizia tedesco ha confermato di aver ricevuto la richiesta di informazioni della Russia, ma non ha fornito dettagli sulla risposta.

Leonid Volkov, alleato di lunga data e stratega della campagna di Navalny, ha dichiarato all’emittente tedesca RTL che un’indagine indipendente in Russia è improbabile e ha attribuito la colpa al Cremlino.

“Un attacco di tale livello e di tale coordinamento non può essere non autorizzato da Putin”, ha detto Volkov.

Volkov ha detto di non sapere quali dovrebbero essere le conseguenze legali per quello che è successo a Navalny. “Ma so per certo cosa voglio avere come risultato, e questa è la conseguenza politica o morale, etica: voglio davvero che nessun leader straniero possa mai stringere la mano a Putin”, ha detto.

Lo svedese Lofven, unendosi a un coro di altri leader mondiali, ha chiesto alla Russia di indagare e punire le persone coinvolte.

“Dobbiamo rispondere”, ha detto. “È successo qualcosa su un aereo all’interno della Russia, nella giurisdizione russa, quindi penso sia giusto dire che ora la palla è nelle tue mani per indagare.”

A Washington, l’addetto stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany ha dichiarato: “L’avvelenamento di Alexei Navalny è completamente riprovevole. La Russia ha utilizzato agenti nervini chimici in passato e stiamo lavorando con i nostri alleati e la comunità internazionale per ritenere coloro che sono in Russia responsabili ovunque le prove portino e limitiamo i fondi per le loro attività maligne.”

Vyacheslav Volodin, il presidente della camera bassa del parlamento russo, ha descritto “la situazione con Navalny” come un complotto anti-russo.

“E’ un’azione pianificata contro la Russia al fine di imporre nuove sanzioni e cercare di impedire lo sviluppo del nostro paese”, ha detto Volodin in una nota.

Oltre a ricevere un contraccolpo da Mosca, il governo tedesco è stato sottoposto a crescenti pressioni per utilizzare un progetto congiunto di gasdotti tedesco-russo come leva per convincere la Russia a fornire risposte su Navalny. Alla domanda sulla questione, la Merkel si è rifiutata di commentare.

Il partito dei Verdi di opposizione della Germania l’ha esortata a porre fine al progetto del gasdotto Nord Stream 2, che una volta completato avrebbe fornito gas russo direttamente alla Germania sotto il Baltico, aggirando l’Ucraina.

“L’apparente tentato omicidio da parte delle strutture mafiose del Cremlino non può più solo darci motivo di preoccupazione, deve avere conseguenze reali”, ha detto il leader del gruppo parlamentare verde Katrin Goering-Eckardt.

I Verdi si sono opposti da tempo all’oleodotto. La Merkel ha costantemente resistito alle pressioni degli Stati Uniti per porre fine al progetto, che secondo Washington metterà in pericolo la sicurezza europea rendendo la Germania eccessivamente dipendente dal gas russo.

Al Nord Stream 2 si oppongono anche Ucraina e Polonia, che saranno bypassate dal gasdotto sotto il Mar Baltico, così come alcune altre nazioni europee. Con le scoperte su Navalny, anche Norbert Roettgen, uno dei principali legislatori del partito della Merkel, ha affermato che “i rituali diplomatici non sono più sufficienti”.

“Dopo l’avvelenamento… abbiamo bisogno di una risposta europea forte, che #Putin capisca” ha twittato Roettgen. “L’UE dovrebbe decidere congiuntamente di fermare #NordStream2.”

Peskov ha respinto le richieste di abbandonare Nord Stream 2 come “dichiarazioni emotive… non basate su fatti”. Ha definito l’oleodotto “un progetto commerciale internazionale che è nell’interesse della Russia, della Germania e dell’intero continente europeo”.

Dopo che i medici a Berlino hanno riferito la scorsa settimana che Navalny era stato probabilmente avvelenato, prima di identificare Novichok come l’agente nervino, la Merkel ha escluso l’idea di abbandonare il progetto.

La Merkel ha anche precedentemente respinto l’idea quando è stata lanciata dopo precedenti confronti con Mosca su incidenti più vicini a casa – come la prova che l’ufficio parlamentare del cancelliere era stato violato dalla Russia e l’uccisione di un uomo georgiano a Berlino che i pubblici ministeri presumevano fosse un colpo ordinato da il governo russo.

Il mese scorso, tre senatori statunitensi repubblicani hanno minacciato sanzioni contro un operatore portuale tedesco coinvolto nel progetto Nord Stream 2, spingendo il ministro degli esteri tedesco a sollevare la questione con il segretario di Stato Mike Pompeo.

Allseas, con sede in Svizzera, che gestisce navi che posano sezioni del gasdotto sottomarino, ha sospeso i suoi lavori a dicembre dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato una legislazione che minacciava sanzioni contro le società collegate al progetto.

Alcuni dicono che l’avvelenamento di Navalny e il gasdotto non dovrebbero essere collegati.

Wolfgang Kubicki, vice leader del Partito Democratico Libero a favore degli affari, ha avvertito che Nord Stream 2 è in fase di completamento e che entrambe le società russe e tedesche stanno investendo massicciamente nel progetto.

“Sono scettico sul fatto che dovremmo mettere in discussione un progetto di questa portata in questa fase”, ha detto alla radio Deutschlandfunk.

E Markus Soeder, un alleato della Merkel che guida il partito più piccolo nella coalizione di governo tedesca, ha detto che la costruzione del gasdotto è stata una decisione di affari privati, non del governo.

“A nostro avviso, uno non ha nulla a che fare con l’altro”, ha detto.

TAG: Alexei Navalny, Angela Merkel, Germania, russia, USA, Vladimir Putin
adv-397
Articoli Correlati
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com