adv-476
<< ESTERI

Esplosione al porto di Beirut; oltre 70 morti e più di 3000 feriti

| 5 Agosto 2020 | ESTERI

Una massiccia esplosione ha scosso Beirut, abbattendo gran parte del porto della città, danneggiando edifici in tutta la capitale. Più di 70 persone sono state uccise e 3.000 ferite, con corpi sepolti sotto le macerie.

L’esplosione ha colpito con la forza di un terremoto di magnitudo 3.5, secondo il centro di geoscienze tedesco GFZ, ed è stato sentito fino a Cipro per oltre 200 chilometri attraverso il Mediterraneo.

L’improvvisa devastazione ha travolto un paese già alle prese con la pandemia di coronavirus e una crisi economica. Per ore le ambulanze che si precipitano da tutto il Libano hanno portato via i feriti. Gli ospedali si riempiono rapidamente oltre la capacità, chiedendo scorte di sangue e generatori per tenere accese le luci.

Per i blocchi intorno al porto, dove è avvenuta l’esplosione, gli abitanti insanguinati barcollarono per le strade fiancheggiate da macchine rovesciate e disseminate di macerie da edifici andati in frantumi. Finestre e porte sono spazzate via a chilometri di distanza. Gli elicotteri dell’esercito hanno aiutato a combattere gli incendi che hanno avvolto il porto di Beirut.

La causa dell’esplosione non è stata resa nota, ma i primi rapporti suggerirono che un incendio aveva fatto esplodere un magazzino nel porto.

Abbas Ibrahim, capo della sicurezza generale libanese, ha affermato che potrebbe essere stato causato da materiale altamente esplosivo che è stato confiscato da una nave qualche tempo fa e immagazzinato nel porto. 

Il canale televisivo locale LBC ha dichiarato che il materiale era nitrato di sodio. Testimoni hanno riferito di aver visto una strana nuvola arancione come quella che appare quando viene rilasciato gas tossico di biossido di azoto dopo un’esplosione che coinvolge nitrati.

L’esplosione è avvenuta tra le continue tensioni tra Israele e il gruppo militare di Hezbollah al confine meridionale del Libano. Molti residenti hanno riferito di aver udito aerei che sfrecciavano poco prima dell’esplosione, alimentando le voci di un attacco, sebbene i sorvoli militari israeliani siano comuni.

Un funzionario del governo israeliano ha detto che Israele “non ha avuto nulla a che fare” con l’esplosione. Ha parlato a condizione di anonimato perché non era autorizzato a discutere la questione con i media. I funzionari israeliani di solito non commentano “rapporti stranieri”.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha rivolto le sue “più sentite condoglianze” al popolo di Beirut e ha affermato che gli Stati Uniti stanno monitorando attentamente la situazione. 

“Il nostro team di Beirut mi ha segnalato i danni estesi a una città e alle persone a cui tengo molto, una sfida aggiuntiva in un momento di crisi già profonda”, ha dichiarato Pompeo in una nota scritta.

L’esplosione è stata sorprendente anche per una città che ha visto la guerra civile, attentati suicidi e bombardamenti da parte di Israele.

“È stato un vero spettacolo horror. Non ho mai visto nulla di simile dai tempi della guerra”, ha detto Marwan Ramadan, che si trovava a circa 500 metri dal porto ed è stato colpito dalla forza dell’esplosione.

Il ministro della Salute Hassan Hamad ha dichiarato che il bilancio preliminare è di oltre 70 morti e oltre 3.000 feriti. Squadre di emergenza arrivarono da tutto il Libano per aiutare e i feriti dovevano essere portati negli ospedali fuori dalla capitale. 

Hamad ha aggiunto che gli ospedali possono a malapena far fronte e che le offerte di aiuti stanno arrivando dagli stati arabi e dagli amici del Libano.

Il governatore di Beirut, Marwan Abboud, è scoppiato in lacrime mentre visitava il sito, esclamando: “Beirut è una città devastata”. Il primo ministro Hassan Diab ha promesso che “i responsabili pagheranno”.

TAG: Beirut, Esplosione, feriti, Israele, Libano, morti, porto, USA
adv-792
Articoli Correlati