mercoledì, Agosto 12, 2020
Home ESTERI Biden promette un'agenda economica per contrastare Trump

Biden promette un’agenda economica per contrastare Trump

-

Il democratico Joe Biden ha rivolto la sua campagna contro il presidente Donald Trump sull’economia, introducendo un’agenda economica simile al New Deal mentre traccia un netto contrasto con un incombente miliardario che ha detto di aver abbandonato gli americani della classe operaia in piena crisi.

L’ex vicepresidente ha presentato i dettagli di un’agenda globale che ha propagandato come l’investimento governativo più aggressivo nell’economia americana dalla seconda guerra mondiale. Ha anche accusato Trump di ignorare la pandemia di coronavirus e la crisi climatica mentre incoraggiava la divisione in una resa dei conti nazionale con il razzismo sistemico. 

“I suoi fallimenti derivano da un terribile costo umano e da un grave tributo economico”, ha detto Biden durante un discorso di 30 minuti presso un’azienda metalmeccanica vicino alla sua casa d’infanzia a Scranton, Pennsylvania. “Di volta in volta, le famiglie che lavorano pagano il prezzo per l’incompetenza di questa amministrazione”.

Lo spostamento di Biden verso l’economia incontra Trump sul tappeto erboso che il presidente repubblicano aveva visto come la sua forza prima che la pandemia ridusse gravemente l’attività dei consumatori e portasse la disoccupazione a livelli quasi della Grande Depressione.

Ora, Biden e i suoi aiutanti credono che il problema sia un’apertura globale che offre ai democratici strade per attaccare Trump su più fronti mentre spiega la propria visione di governo per il paese.

L’ex vicepresidente ha iniziato giovedì con proposte intese a rinvigorire i settori manifatturieri e tecnologici degli Stati Uniti. 

Biden ha richiesto un aumento di quattro miliardi di dollari, un aumento di quattro anni negli acquisti governativi di beni e servizi con sede negli Stati Uniti, oltre a 300 miliardi di dollari in nuove attività di ricerca e sviluppo nelle preoccupazioni tecnologiche statunitensi. Ha anche proposto di inasprire le attuali leggi “Buy American” che sono destinate a beneficio delle aziende statunitensi ma che le agenzie governative possono eludere.

Queste mosse avrebbero creato 5 milioni di nuovi posti di lavoro, ha promesso Biden.

Ha anche sottolineato i precedenti impegni per stabilire un salario minimo di 15 dollari l’ora, rafforzare i diritti di contrattazione collettiva dei lavoratori e abrogare agevolazioni fiscali sostenute dai repubblicani per le società statunitensi che trasferiscono posti di lavoro all’estero. 

E la sua campagna prometteva che quegli investimenti nei mercati domestici sarebbero arrivati ​​prima che Biden entrasse in trattative per eventuali nuovi accordi commerciali internazionali.

La sua enfasi iniziale sulla produzione e sulla politica del lavoro non è una coincidenza: Biden vuole capitalizzare i suoi legami sindacali e riconquistare gli elettori bianchi della classe operaia che hanno alimentato la vittoria sconvolgente di Trump quattro anni fa. Ha notato la sua educazione della classe media e ha accennato all’infanzia di Trump come figlio di uno sviluppatore immobiliare multimilionario. 

Biden continuerà nelle prossime settimane con un piano energetico e infrastrutturale per combattere la crisi climatica e un terzo pacchetto incentrato sul rendere la cura dei bambini e l’assistenza agli anziani più economica e meno un ostacolo per gli americani in età lavorativa. 

Le proposte energetiche e infrastrutturali, alcune delle quali Biden ha già dettagliato, probabilmente porteranno il prezzo più alto poiché l’ex vicepresidente tenta di utilizzare la borsa federale per stimolare la crescita economica.

“Non è sufficiente ricostruire. Dobbiamo ricostruire meglio”, ha detto Biden, promettendo che “si assicurerà che tutti gli americani aderiscano all’accordo”.

L’agenda del democratico porta almeno alcuni echi retorici della filosofia di “America First” di Trump, ma gli aiutanti dell’ex vicepresidente descrivono il suo approccio come più coerente. 

Hanno lanciato l’imposizione di tariffe Trump e negoziati commerciali irregolari come un isolazionismo schiaffo compromesso ulteriormente dalle politiche fiscali che arricchiscono le multinazionali. La campagna di Biden ha anche indicato un aumento degli appalti esteri e il continuo esternalizzazione di posti di lavoro da parte di società con sede negli Stati Uniti durante la presidenza di Trump. 

Tuttavia, i repubblicani hanno chiarito che attaccheranno Biden sul commercio e sull’economia, definendolo uno strumento di estrema sinistra in materia fiscale e un partecipante volontario in decenni di politica commerciale che ha sventrato i lavoratori americani. Trump ha anche dichiarato Biden come “debole sulla Cina”.

Sul commercio, almeno, è una linea di attacco che Biden ha resistito dal secondo classificato democratico, il senatore Bernie Sanders. Ma è un Trump usato efficacemente contro il candidato democratico Hillary Clinton nel 2016.

Giovedì anche il vicepresidente Mike Pence farà diverse soste in Pennsylvania, mettendo in evidenza il ruolo dello stato come campo di battaglia industriale.

Come senatore, Biden ha votato per l’accordo di libero scambio nordamericano nel 1994. Uno dei successi distintivi di Trump è una revisione della NAFTA, che ha ottenuto con il sostegno di molti democratici a Capitol Hill. 

Dagli anni ’90, anche durante due campagne presidenziali, Biden ha sostenuto controlli più severi nei futuri accordi commerciali e ha promesso di coinvolgere il lavoro organizzato e il movimento ambientalista.

Lo schema della campagna dei piani di Biden sottolinea che il candidato desidera una ripresa nei mercati statunitensi prima di impegnarsi in nuovi accordi commerciali all’estero. 

Ciò include il partenariato trans-pacifico promosso da Biden quando è stato vicepresidente del presidente Barack Obama. Trump si è opposto al TPP come candidato 2016. Né la Cina né gli Stati Uniti sono membri di TPP.

Trump e Biden hanno invocato la Cina per pratiche commerciali sleali, ma Biden accusa Trump di aver istigato una guerra commerciale con Pechino di non poter vincere.

Per ora, Biden non ha detto come avrebbe pagato la nuova spesa proposta per la produzione e la tecnologia. Ha identificato l’abrogazione dei tagli fiscali del GOP alle società e agli americani più ricchi come fonte di entrate per alcune delle sue proposte di spesa in corso, compresi i suoi piani per ampliare l’accesso all’assicurazione sanitaria. 

Ma i suoi aiutanti hanno indicato che è disposto a utilizzare la spesa in deficit per investimenti una tantum o a breve termine che vede come uno stimolo per combattere la recessione pandemica.


close







close






4,100FansLike
1,175FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Joe Biden sceglie Kamala Harris come vicepresidente

0
Il candidato alla presidenza democratica Joe Biden ha ufficialmente scelto la senatrice della California Kamala Harris come vicepresidente. Harris, che si è candidata alla presidenza,...

editoriale

Il lato oscuro del monitoraggio digitale in un’app anti coronavirus

0
In Corea del Sud hanno tenuto sotto controllo la curva delle infezioni da coronavirus senza chiudere locali pubblici e scuole, senza imporre drastiche restrizioni...