giovedì, Agosto 13, 2020
Home ESTERI I democratici statunitensi: "Chi minaccia le nostre truppe deve essere perseguitato"

I democratici statunitensi: “Chi minaccia le nostre truppe deve essere perseguitato”

-

I due principali democratici al Congresso hanno dichiarato che qualsiasi minaccia alle truppe statunitensi deve essere perseguita “senza sosta”, rimproverando il presidente Donald Trump dopo aver ricevuto un briefing altamente qualificato sull’intelligence che la Russia ha offerto doni per l’uccisione delle truppe statunitensi in Afghanistan.

Il presidente della Camera Nancy Pelosi e il leader democratico del Senato Chuck Schumer hanno dichiarato che Trump, che ha minimizzato la minaccia, è stato “debole” con il presidente russo Vladimir Putin e distratto da questioni meno importanti. 

Trump ha definito le notizie sulle valutazioni dell’intelligence un “imbroglio” e finora ha rifiutato di stabilire se gli Stati Uniti risponderanno alla Russia. 

“Le nostre forze armate sarebbero meglio servite se il presidente Trump passasse più tempo a leggere il suo briefing quotidiano e meno tempo a pianificare parate militari e difendere le reliquie della Confederazione”, hanno detto Pelosi e Schumer in una dichiarazione congiunta.

Trump e la Casa Bianca hanno ripetutamente insistito sul fatto che il presidente non era stato inizialmente informato perché le informazioni non erano state verificate, anche se è raro che l’intelligence venga confermata senza ombra di dubbio prima che venga presentata ai decisori del governo senior. 

I funzionari hanno riferito che le informazioni sono state incluse in uno dei briefing quotidiani scritti dal presidente lo scorso anno e anche quest’anno.

La critica arriva mentre Trump sta lavorando per cambiare la narrazione, ma ha dovuto affrontare una crescente pressione da parte dei legislatori al Congresso – compresi alcuni repubblicani – che hanno richiesto più risposte sulla valutazione dell’intellingence.

Il presidente ha ripetutamente twittato in merito ai manifestanti che hanno demolito monumenti alla Confederazione e giovedì ha tenuto una conferenza stampa per pubblicizzare i numeri appena rilasciati che mostrano nuovi posti di lavoro nell’economia. Non ha menzionato la Russia.

I massimi funzionari dell’intelligence, tra cui la direttrice della CIA Gina Haspel e la direttore dell’intelligence nazionale John Ratcliffe, hanno tenuto il briefing a porte chiuse per un gruppo di legislatori soprannominata la “banda degli otto” – il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell, il presidente della Camera Nancy Pelosi e i migliori repubblicani e democratici nei due comitati di intelligence.

Il gruppo riceve regolarmente briefing classificati ai massimi livelli e i leader raramente ne parlano. Pelosi e Schumer non si sono occupati della sostanza della riunione, e nessuno degli altri legislatori che hanno lasciato la riunione ha commentato. 

In una conferenza stampa poco dopo, Pelosi ha chiesto sanzioni più severe per la Russia. Ha detto che la Casa Bianca ha “messo alla prova” che ci deve essere un consenso al 100% sull’intelligence per raggiungere il livello presidenziale.

Senza condividere i dettagli, Pelosi ha affermato che “era un livello conseguente che la comunità dell’intelligence avrebbe dovuto portarcelo”.

Il comitato di intelligence della Camera avrebbe inoltre ricevuto un briefing sulla questione giovedì pomeriggio, secondo una persona che ha familiarità con quell’incontro che ha richiesto l’anonimato perché non è stato reso pubblico.

Le valutazioni dell’intelligence che la Russia offriva doni erano state riportate per la prima volta dal New York Times, da funzionari dell’intelligence americana e altri a conoscenza della questione.

Mentre il presidente ha continuato a minimizzare l’intelligence, definendole “notizie false” progettate per danneggiare lui e il Partito repubblicano, i funzionari dell’amministrazione hanno insistito sul fatto di aver preso seriamente la valutazione.

Il consigliere per la sicurezza nazionale Robert O’Brien ha dichiarato mercoledì che la CIA e il Pentagono hanno perseguito la guida e informato gli alleati internazionali. Il segretario di Stato Mike Pompeo ha affermato che la situazione è stata gestita “incredibilmente bene” per garantire la sicurezza delle truppe statunitensi.

“Abbiamo preso sul serio questo, lo abbiamo gestito in modo appropriato”, ha detto Pompeo, senza fornire ulteriori dettagli. Ha detto che l’amministrazione riceve informazioni sulle minacce per gli americani “ogni singolo giorno” e ciascuna è indirizzata.

Tuttavia, i legislatori hanno chiesto più risposte. Un gruppo di democratici di casa che sono stati informati alla Casa Bianca all’inizio di questa settimana ha detto che Trump si è inchinato a Putin e ha rischiato la vita dei soldati americani non facendo una dichiarazione pubblica più forte sulla questione.

Il rappresentante del Texas Mac Thornberry, il massimo repubblicano del comitato dei servizi armati, ha affermato che il panel “non lascerà nulla di intentato” nel cercare ulteriori informazioni. 

Il senatore Pat Toomey, R-Pa., ha invitato l’amministrazione a fornire un briefing a tutti i senatori dopo aver rivisto parte dell’intelligence in una stanza sicura del Campidoglio.

“Se si è concluso che la Russia offriva doni per uccidere soldati americani, una rapida risposta americana è richiesta in breve tempo”, ha detto Toomey.

Altri repubblicani hanno difeso il presidente, dicendo di avere fiducia nella risposta dell’amministrazione. Il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell ha dichiarato all’inizio di questa settimana che non pensava che Trump dovesse essere “soggetto a tutte le voci”. Non ha commentato mentre ha lasciato il briefing giovedì.

Mentre l’ingerenza russa in Afghanistan non è nuova, i funzionari hanno detto che gli agenti russi sono diventati più aggressivi nel loro desiderio di contrarre con i talebani e i membri della rete Haqqani, un gruppo militante in linea con i talebani in Afghanistan e designato come organizzazione terroristica straniera nel 2012 .

La comunità dei servizi segreti ha indagato su un attacco dell’aprile 2019 a un convoglio americano che ha ucciso tre marines americani quando un’auto armata di esplosivi è stata fatta esplodere vicino ai loro veicoli corazzati mentre tornavano a Bagram Airfield, il più grande impianto militare americano in Afghanistan, hanno riferito i funzionari.

Altri tre membri del servizio USA sono stati feriti nell’attacco, insieme a un appaltatore afgano. I talebani hanno rivendicato la responsabilità. I funzionari hanno anche detto che stavano osservando attentamente gli attacchi interni dal 2019 per determinare se fossero collegati a doni russi.

I funzionari dell’intelligence hanno riferito che la Casa Bianca è venuta a conoscenza per la prima volta di presunti doni russi all’inizio del 2019. Le valutazioni erano incluse in uno dei briefing giornalieri scritti del presidente all’epoca, e l’allora consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton aveva detto ai colleghi che aveva informato Trump sulla questione.


close







close






4,100FansLike
1,175FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Joe Biden sceglie Kamala Harris come vicepresidente

0
Il candidato alla presidenza democratica Joe Biden ha ufficialmente scelto la senatrice della California Kamala Harris come vicepresidente. Harris, che si è candidata alla presidenza,...

editoriale

Il lato oscuro del monitoraggio digitale in un’app anti coronavirus

0
In Corea del Sud hanno tenuto sotto controllo la curva delle infezioni da coronavirus senza chiudere locali pubblici e scuole, senza imporre drastiche restrizioni...