Serie A: La Juve cala il poker, Milan, la cura Pioli funziona. Atalanta inarrestabile

19

Una 28°giornata di serie A ricca di gol e di emozioni, per la corsa scudetto vincono sia la Lazio che la Juve, per la lotta alla Champions League, cade solo la Roma.

La Juventus soffre per un tempo e mezzo, ma poi grazie alla magia di Dybala sblocca il match e dilaga.

Sul match mettono la firma anche Cristiano Ronaldo, Higuain e De Light.

La Lazio vince in rimonta contro la Fiorentina dopo aver giocato una partita scialba e senza cattiveria.

La viola va in vantaggio con uno splendido gol di Ribéry, e nella ripresa colpisce una traversa con Ghezzal.

I padroni di casa rimettono in piedi la gara grazie ad un rigore molto dubbio.

Caicedo, frana su Dragowski, c’è un lieve contatto con il portiere viola ma l’attaccante ecuadoriano era già in caduta, resta qualche dubbio.

Dal dischetto si presenta Ciro Immobile che non sbaglia.

Da quel momento la squadra ospite spegne la luce e Luis Alberto li castigo con una rasoiata di destro che non lascia scampo a Dragowski per il 2-1 finale.

Negli altri due anticipi del Sabato, Serie A, il Genoa rimonta il Brescia, dal 2-0 al 2-2.

Padroni di casa in doppio vantaggio con Donnarumma e Semprini, vengono rimontati da due penalty trasformati da Iago Falque e Pinamonti.

Il Cagliari travolge il Torino in uno spettacolare 4-2.

Padroni di casa vanno sul triplo vantaggio con la firma di Simeone, Nandez e Nainggolan, vedono poi il Torino rientrare in partita con Bremer e Belotti.

Poi ci pensa Joao Pedro a trasformare il rigore del 4-2 finale.

Nell’anticipo di Serie A della Domenica, alle 17:15 la Roma cade sotto i colpi del diavolo rossonero.

Rebic e Calhanoglu regalano tre punti pesantissimi a Pioli per la lotta all’Europa League.

Nei match delle 19:30, il Napoli dà show al San Paolo e travolge la Spal.

Azzurri subito in vantaggio con Dries Mertens, vengono raggiunti alla mezz’ora dal gol di Petagna dopo aver dominato il match.

La squadra di Gattuso continua a spingere e trova subito il gol del 2-1 con Callejon.

Lo spagnolo, che ha firmato un contratto fino ad Agosto con gli azzurri senza stipendio, trova il suo 3 gol in campionato.

Nella ripresa il Napoli chiude i giochi con Amin Younes su assist di un superlativo Fabian Ruiz.

l’Atalanta soffre ma espugna la Dacia Arena grazie agli ex di turno.

Zapata sblocca il match per i bergamaschi, pochi minuti dopo Lasagna pareggia i giochi con una volata spettacolare verso la porta di Gollini.

Nella ripresa la squadra di Gasperini cala il tris con una doppietta di uno scatenato Luis Muriel che realizza due gol spettacolari.

A Modena botte da orbi tra Sassuolo e Hellas.

Fuochi d’artificio aperti dal destro potentissimo di Lazovic.

I padroni di casa trovano subito il gol del pari con Bogá, ma altrettanto velocemente si fanno trovare impreparati e subiscono nuovamente il sorpasso dal gol di Stepinski.

Al 68° Pessina sembra chiudere i giochi con il gol dell’1-3, invece la squadra di De Zerbi non muore mai e trova prima il gol del 2-3 con Bogá, poi un siluro di Rogeiro regala il pareggio ai neroverdi.

A Marassi è sempre più critica la situazione di Ranieri e della sua Sampdoria che perdono contro il Bologna.

Padroni di casa che meriterebbero il vantaggio nel primo tempo, poi mollano nella ripresa allo straripante Barrow.

L’ex Atalanta prima realizza un rigore, poi con un azione spettacolare mette in porta Orsolini per il gol dello 0-2.

Nel finale Bonazzoli realizza il gol del definitivo 1-2.

L’Inter di Antonio conte vince in rimonta, nel posticipo serale di Serie A.

Il Parma gioca meglio e sblocca il match con Gervinho. Poi la squadra di D’Aversa cala e lascia spazio ai nerazzurri che non trovano il gol fino all’84°.

Dagli sviluppi di un corner Lautaro spizza la palla in area, si fionda De Vrij che lascia di stucco Sepe e pareggia la gara.

I padroni di casa pagano la stanchezza e tutti i contropiedi falliti e capitolano un minuto più tardi.

Kurtic perde una palla pericolosissima a centrocampo, Gagliardini innesca il velocissimo Moses che trova, con un croos al bacio la testa a porta vuota di Bastoni che non può sbagliare.

L’inter acciuffa una vittoria immeritata con i capelli con due colpi di testa dei suoi due centrali ed espugna il Tardini vincendo per 1-2.

La 29° giornata di Serie A, comincia già domani con Torino – Lazio e Genoa – Juventus.

close