sabato, Agosto 8, 2020
Home MUSICA Bob Dylan sul nuovo album: "Le canzoni? Un flusso di coscienza"

Bob Dylan sul nuovo album: “Le canzoni? Un flusso di coscienza”

Il nuovo album, Rough and Rowdy Ways, uscirà il 19 giugno

Bob Dylan ha dato un’occhiata al suo processo di scrittura delle canzoni, ha commentato la morte di George Floyd e ha detto in una rara intervista pubblicata venerdì che avrebbe voluto aver scritto la ballata dei Rolling Stones “Angie”.
La conversazione ad ampio raggio di Dylan con il New York Times è stata la sua prima intervista importante dal 2017 ed è arrivata una settimana prima dell’uscita del suo primo album di musica originale in otto anni.
Ma l’uomo considerato uno dei cantautori più influenti al mondo ha fornito alcuni indizi su ciò che ha motivato il suo scatto di creatività o i significati dietro le nuove canzoni che sono piene di riferimenti alla cultura pop degli ultimi cinquant’anni.
“Rough and Rowdy Ways” uscirà il 19 giugno. Dylan, 79 anni, ha pubblicato tre singoli all’inizio di quest’anno, incluso un brano di 17 minuti, “Murder Most Foul”, ispirato all’assassinio nel 1963 del presidente americano John F. Kennedy.
Dylan ha detto che le canzoni provengono da un flusso di coscienza. “La maggior parte delle mie canzoni recenti sono così. I testi sono la cosa reale, tangibile, non sono metafore. Le canzoni sembrano conoscersi e sanno che posso cantarle, vocalmente e ritmicamente. In un certo senso scrivono da soli e contano su di me per cantarli”, ha detto allo storico americano Douglas Brinkley nell’intervista.
Riferendosi alla morte dell’afroamericano George Floyd che fu bloccato sotto il ginocchio di un ufficiale di polizia bianco a maggio, Dylan disse che “mi ha fatto male vedere che George è stato torturato a morte in quel modo. Era orrendo. Speriamo che la giustizia arrivi rapidamente per la famiglia Floyd e per la nazione “.
Dylan ha rivelato che gli è piaciuto il lavoro degli Eagles e dei Rolling Stones, alcuni dei molti riferimenti culturali nel suo nuovo album.
Alla domanda sulle canzoni degli Stones che Dylan avrebbe voluto poter scrivere, ha risposto: “Forse ‘Angie’,” Ventilator Blues “e cos’altro, fammi vedere. Oh sì, “Cavalli selvaggi”. 

close







close






Lascia un commento!

- Advertisment -

I PIU' LETTI

Di Stefano, la gaffe e la risposta

​​Dopo aver confuso il Libano con la Libia, il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano affida ad una chat su Telegram una sarcastica risposta: "WOW,...

Dal commercio ai trasporti, all’arte: ecco i settori più colpiti dalla crisi

Secondo un'indagine di Eurostat sull'impatto del Covid-19 sulle industrie dell'Ue, nel primo trimestre 2020 le attività che hanno sofferto di più sono state il...

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy. MakeIdentity mixa tecnologia e privacy per massimizzare conversione e utilizzo dei dati personali degli ospiti. Intervista a Marco Giacomello...

Il presidente Mattarella alle Regioni: “Attuare art. 2-3 Carta è un dovere”

"In questi 50 anni le Regioni si sono affermate come componente fondamentale dell'architettura della Repubblica. Le Regioni si sono rivelate forte elemento di coesione...

COMMENTI RECENTI

Annina Malito on Storie di ordinaria violenza
Massimiliano Palladini on Irregolare una mensa scolastica su 3
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Riccardo pieroni on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Elogio della confessione
marco bacigalupi on Elogio della confessione
Emilio Carnelli on Nonno, ti faccio la festa
Catalogna – per la UE è win-win – Così va il Mondo on Catalogna e Lombardia: di Stato e Nazioni