adv-553
<< EUROPA

Il primo ministro britannico Boris Johnson è ricoverato in ospedale

| 6 Aprile 2020 | EUROPA
Covid-19 Boris Johnson

Il primo ministro britannico Boris Johnson è stato ricoverato in ospedale domenica per i test, lo ha annunciato il suo ufficio stampa, perché soffre ancora di sintomi di COVID-19.

L’ufficio di Johnson ha detto che l’ammissione in un ospedale di Londra non divulgato è arrivata su consiglio del suo medico e non è stata un’emergenza. L’ufficio di Downing St. del primo ministro ha dichiarato che si trattava di un “passo precauzionale” e Johnson rimane responsabile del governo.

Johnson, 55 anni, è stato messo in quarantena nella sua residenza di Downing St. da quando gli è stato diagnosticato il COVID-19 il 26 marzo, il primo capo di governo ad ammalarsi di coronavirus.

Johnson ha continuato a presiedere alle riunioni quotidiane sulla risposta della Gran Bretagna allo scoppio e ha pubblicato diversi video messaggi durante i suoi 10 giorni di isolamento.

Venerdì, in un messaggio, un Johnson arrossato e con gli occhi rossi ha dichiarato di sentirsi meglio ma di avere ancora la febbre.

Il virus provoca sintomi da lievi a moderati nella maggior parte delle persone, ma per alcuni, specialmente gli adulti più anziani e gli infermi, può causare polmonite e portare alla morte.

Johnson ha ricevuto consulenza medica da remoto durante la sua malattia, ma andare in ospedale significa che i medici possono monitonarlo di persona.

Il segretario agli esteri Dominic Raab, che è stato designato a subentrare in caso di incapacità di Johnson, è destinato a guidare l’incontro sul coronavirus del governo.

La fidanzata di Johnson, Carrie Symonds, 32 anni, ha rivelato sabato che ha trascorso una settimana a letto con i sintomi del coronavirus, anche se non è stata testata. Symonds, che è incinta, ha detto che ora era “in via di guarigione”. Non è rimasta con il primo ministro a Downing St. dalla sua diagnosi.

Il governo ha dichiarato domenica che quasi 48.000 persone sono state confermate per avere il COVID-19 nel Regno Unito e 4.934 sono morti.

Johnson ha sostituito Theresa May come primo ministro conservatore a luglio e ha vinto una clamorosa vittoria elettorale a dicembre con la promessa di completare l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. Ma la Brexit, divenuta ufficiale il 31 gennaio, è stata oscurata dalla pandemia di coronavirus che sta spazzando il globo.

Il governo di Johnson è stato il più lento di quelli di alcuni paesi europei a imporre restrizioni alla vita quotidiana in risposta alla pandemia, portando i suoi critici ad accusarlo di incompetenza. Ha imposto un efficace blocco a livello nazionale il 23 marzo, ma il suo governo rimane sotto una forte pressione per aumentare il numero di letti ospedalieri e ventilatori e per espandere i test per il virus.

Londra è stata il centro dell’epidemia nel Regno Unito e politici e dipendenti pubblici sono stati duramente colpiti. Numerosi altri membri del governo di Johnson si sono anche dimostrati positivi per il virus, tra cui il segretario alla salute Matt Hancock e il ministro della salute Nadine Dorries. Entrambi si sono ripresi.

La notizia dell’ammissione di Johnson all’ospedale è arrivata un’ora dopo che la regina Elisabetta II ha fatto il discorso in televisione alla nazione, in cui ha esortato i britannici a rimanere “uniti e risoluti” nella lotta contro il virus.

“Ci riusciremo – e quel successo apparterrà a ognuno di noi”, ha detto la regina 93enne, facendo parallelismi con la lotta della seconda guerra mondiale.

“Dovremmo consolarci che mentre potremmo avere ancora molto da sopportare, torneranno giorni migliori: saremo di nuovo con i nostri amici; saremo di nuovo con le nostre famiglie; ci rivedremo”, ha concluso la regina Elisabetta II.

TAG: Boris Johnson, coronavirtus, Elisabetta II, Gran Bretagna
adv-699
Articoli Correlati