Donne in sciopero in tutto il Messico: protesta contro il femminicidio e la violenza

I luoghi di lavoro lasciati vuoti

278
Protesta delle donne in Messico

Migliaia di donne sono sparite da strade, uffici e aule in tutto il Messico lunedì innescando uno sciopero nazionale per protestare contro le violenze subite e per chiedere azioni governative contro questi crimini.

L’assenza delle donne dagli spazi pubblici doveva essere un promemoria per ricordare che ogni giorno 10 donne in Messico vengono uccise – e quindi scompaiono per sempre, hanno detto gli organizzatori. “Non è più possibile continuare a vivere in un paese in cui una donna può essere uccisa in modo brutale, senza alcuna conseguenza, e in una cultura che permetta che tutto ciò accada”, ha affermato Lorena Wolffer, artista e attivista femminista.

Lo sciopero a seguito di una marcia che ha portato decine di migliaia di donne per le strade domenica, è stato un momento fondamentale per il Messico, una nazione che da tempo non è riuscita ad affrontare l’esagerata mascolinità e la violenza di genere.

L’azione collettiva senza precedenti ha anche messo alla prova la leadership del presidente Andres Manuel Lopez Obrador. Mentre le proteste minori scuotevano Città del Messico nelle settimane precedenti, sembrava incapace di riconoscere l’entità della crescente frustrazione, incolpando le uccisioni delle donne su “passate politiche neoliberali” e rispondendo alle richieste dei manifestanti in modi che i critici definivano sordi, insensibili e condiscendente.

Lunedì mattina Lopez Obrador ha affermato che il movimento femminista sta lottando per una causa “legittima”, ma ha sostenuto, come in passato, che gli oppositori politici “che vogliono vedere il fallimento del suo governo” stavano aiutando a istigare la protesta e lo sciopero. “Ritengo che la cosa principale sia garantire il benessere del popolo”, ha detto quando gli è stato chiesto come la sua amministrazione avrebbe risposto alle richieste dei manifestanti.

Tornando alle promesse della sua campagna, ha aggiunto che avrebbe “combattuto la disuguaglianza sociale ed economica, combattendo la povertà e la disintegrazione delle famiglie”. Con l’aumentare della violenza nel paese, anche il numero di femminicidi di donne e ragazze è aumentato. Nel 2019 le autorità messicane hanno registrato 1.006 di questi omicidi, con un balzo del 10% rispetto all’anno precedente.

L’ampio supporto sia per la marcia che per lo sciopero è stato ispirato anche dal movimento globale #MeToo e dall’indignazione per i recenti omicidi di Ingrid Escamilla, 25 anni, che è stata uccisa, scuoiata e sventrata, e della bambina di sette anni Fatima Cecilia Aldrighett la cui il corpo è stato trovato avvolto in un sacchetto di plastica.

La violenza ha suscitato un dibattito nazionale sulla violenza di genere e la radicata cultura del maschilismo messicano che ha trasceso le solite divisioni della società profondamente stratificata del Messico: età, classe, razza e politica.

Molti posti di lavoro in tutto il paese erano privi di donne lunedì e alcune scuole hanno chiuso. Perfino il briefing quotidiano della mattina di Lopez Obrador con la stampa aveva file di sedie vuote perché la maggior parte delle giornaliste lo hanno boicottato.

Isaura Miranda, biologa, ha affermato di aver riflettuto molto sulla sua decisione di aderire allo sciopero a causa delle sue responsabilità nel centro di ricerca dove lavora. “Ho appena realizzato che dovevo fare qualcosa”, ha detto Miranda in lacrime. “Non posso continuare con questo sentimento di rabbia e impotenza per così tante morti crudeli, senza dignità”. “Inoltre, non voglio che mia figlia esca un giorno e non torni più”, ha aggiunto.

Alcune delle più grandi aziende del paese, tra cui Walmart e Bimbo, hanno assicurato alle donne che non avrebbero avuto ripercussioni per rimanere a casa dal lavoro. Molti funzionari pubblici, celebrità e leader della chiesa, nonché agenzie governative locali, statali e federali, hanno sostenuto l’azione, che è stata promossa con l’hashtag #UnDiaSinNosotras#ADayWithoutUs.

Lunedì molte biglietterie della metropolitana, gestite principalmente da donne, sono state chiuse. Le autorità hanno lottato per stimare quante donne avevano partecipato. Se partecipassero tutte le donne, l’azione potrebbe costare all’economia messicana fino a 1,37 miliardi di dollari, secondo Concanaco Servytur, uno dei più grandi gruppi imprenditoriali del Messico.

Alcuni gruppi per i diritti delle donne e collettivi femministi hanno esortato il governo a creare una procura speciale per i femminicidi e i casi di scomparsa. Altri avevano richieste più ampie, dai diritti riproduttivi alla parità di retribuzione.

Il movimento femminista in Messico ha guadagnato attrazione nell’ultimo anno ed è diventato violento a volte, con alcuni manifestanti che hanno attaccato stazioni di polizia e imbrattando edifici governativi. Domenica scorsa una manifestante ha lanciato una molotov, ferendo membri della stampa e agenti di polizia, comprese alcune donne.

Lo scorso agosto le proteste hanno colto di sorpresa i funzionari. Claudia Sheinbaum, sindaco di Città del Messico, ha inizialmente condannato i manifestanti per aver deturpato i monumenti storici. Più tardi, di fronte a un contraccolpo, ha incontrato gruppi di donne, ha creato un registro di autori di reati sessuali e ha spinto per l’approvazione di un’ordinanza che punisce la condivisione non autorizzata di contenuti sessuali con una pena detentiva di sei anni.

Prima dello sciopero, Sheinbaum ha detto che le circa 150.000 donne che lavorano per la città non sarebbero state penalizzate. Mentre alcune donne hanno celebrato la marcia e lo sciopero. “Sì, recentemente abbiamo conquistato grandi vittorie”, ha dichiarato la Wolffer, artista. “D’altra parte, non sono mai state assassinate così tante di noi.” Per molte altre donne, le proteste sono rimaste fuori dalla loro portata.

Juanita Hernandez, una venditrice di cibo di strada che sostiene i suoi quattro figli lavorando sei giorni alla settimana, ha detto che suo marito, ora deceduto, era abusata fisicamente. Un giorno, la colpì così forte che le ruppe molti denti. “Quando è morto mio marito, ho potuto finalmente riposare dagli abusi, ma ora non posso permettermi di prendermi un giorno per protestare contro quella stessa violenza”, ha concluso.