adv-345
<< POLITICA

ArcelorMittal: fiaccolata a Taranto per vittime inquinamento

| 27 Febbraio 2020 | POLITICA
fiaccolata a Taranto

Alcune centinaia di persone hanno partecipato a Taranto alla seconda fiaccolata in memoria delle vittime dell’inquinamento organizzata da oltre una trentina di associazioni del fronte anti-Ilva che chiedono la chiusura del Siderurgico e la riconversione economica del territorio.

In apertura del corteo, partito da piazza Immacolata, lo striscione portato da giovanissimi con la scritta “Tutto l’acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino”. Dietro le croci bianche e i cartelloni con i volti di bambini e ragazzi morti per malattie che si ritengono connesse all’inquinamento.

Dalla cassa armonica di Piazza Garibaldi si sono levate le voci di genitori, medici, rappresentanti delle associazioni e studenti. “Qui in piazza – ha sottolineato il presidente di Peacelink Alessandro Marescotti – costituiamo di fatto, da ora, un comitato cittadino di liberazione, un comitato che avrà nella nonviolenza, nella gentilezza e nella ricerca della felicità le sue ragioni di fondazione. Cominciamo con il chiedere al potere politico tutte le risposte che non ci ha dato. L’Ilva non fa più alcun profitto”.

adv-553

Secondo l’ambientalista, “ArcelorMittal vuole andare via da Taranto, lo ha detto e ripetuto. Per evitare la disfatta, il potere politico sta tentando, con una battaglia legale tanto disperata quanto senza prospettive, di trattenere a Taranto la più grande multinazionale mondiale dell’acciaio. Il nostro compito è oggi quello di favorire questo addio di Mittal e con esso dobbiamo favorire la riconversione”.

TAG: ArcelorMittal, cancro, Ilva, inquinamento, Taranto
adv-727
Articoli Correlati