adv-122
<< ATTUALITÀ

In Brasile, dietro gli occhiali del manager, le ciglia finte della drag queen

| 20 Febbraio 2020 | ATTUALITÀ
Drag Queen Fernando Magrin

Occhiali con montatura nera e camicia bianca, Fernando Magrin è responsabile alle vendite presso American Airlines a San Paolo. Di notte, ciglia finte, tacchi e parrucca rosa, si trasforma in una drag queen per ravvivare le folli serate di carnevale.

Nonostante l’ondata di intolleranza che ha investito il Brasile, dall’arrivo di Jair Bolsonaro, presidente di estrema destra, assicura che il mondo delle imprese è, al contrario, diventato più tollerante.

“Le compagnie brasiliane sono rimaste fuori dall’ondata conservatrice”, ha detto il manager di 55 anni, il cui personaggio “Mama” è diventato una delle icone della causa LGBT+ (lesbiche, gay, bisessuali e transgender) nella capitale economica dell’America Latina.

adv-909

Vestito di rosa, “Mama” è nato nel 2016 in un “bloco”, una processione di strada che sfila con melodie di samba e funk. L’anno scorso, il blocco MinhoQueens ha riunito più di 200.000 persone durante il carnevale a San Paolo.

Il nome del bloco è un gioco di parole con quello di via Minhocão, dove sfila la processione carnevalesca. “Siamo le regine di Minhocão”, afferma Fernando, i cui occhi blu risaltano maggiormente i volti coperti dal trucco bianco e rosa.

La sua popolarità durante il carnevale gli ha anche dato una certa visibilità all’interno di American Airlines, compagnia americana dove lavora da 24 anni. Pertanto, il suo alter ego è diventato un simbolo di tolleranza e diversità nel mondo aziendale.

“Sono stato invitato a partecipare a numerosi eventi, forum sulla diversità, per conto di American Airlines. E American non mi impedisce di andare, dicono piuttosto di essere più presente. Quindi penso che le mentalità stiano cambiando”, afferma Fernando Magrin, che presiede il Comitato per la diversità, recentemente creato nella sua azienda diventando il suo portavoce su questioni relative alla diversità.

“Qualcosa sta cambiando, potrebbe essere per motivi pubblicitari, ma il risultato è positivo perché sta iniziando ad esserci accettazione. Il rispetto sta iniziando a prevalere”, aggiunge mentre il personaggio di “Mama” si anima nel suo appartamento.

Paura 

Il manager ha spiegato di essere stato invitato lo scorso anno a più eventi a favore della diversità. Per lui, è un “segnale”: l’ondata di governo conservatrice non ha raggiunto il mondo aziendale. “Ma sto parlando di grandi aziende, però la realtà potrebbe essere diversa”.

San Paolo ospita una delle più grandi marce d’orgoglio del mondo e questo movimento, che prese forma negli anni ’70 sotto la dittatura (1964-1985), vinse in seguito importanti battaglie per la comunità LGBT+, come la legge matrimonio gay, cambio di sesso e nome.

Ma l’elezione alla fine del 2018 di Jair Bolsonaro, consueto alle dichiarazioni omofobe, ha sollevato molte paure. In un’intervista con la rivista Playboy nel 2011, ha detto che preferiva avere un figlio “ucciso in un incidente” piuttosto che omosessuale.

“All’inizio dello scorso anno, c’è stato un movimento generalizzato di paura, ma abbiamo visto che potevamo continuare la lotta. C’è un certo grado di censura ma rimaniamo fermi”, assicura Fernando Magrin.

Se dice di essere felice grazie alle sue buone relazioni familiari e all’atmosfera che regna nel suo lavoro, sa che “questo non è il caso per tutti”, specialmente per la strada. “Un uomo più effeminato, una lesbica più mascolina, sono presi al comando. Coloro che sono per strada sono quelli che contano di più nella lotta, perché sono quelli che prendono il pestaggio in modo che tutti noi abbiamo il diritto di muoverci. ”

Nel suo ufficio, afferma che l’origine di “Mama” si trova anche nella differenza di età con i giovani che frequentano i blocchi. “Sono come una madre” sorride.

TAG: brasile, carnevale, Drag Queen, Fernando Magrin, Lgbt, manager, San Paolo
adv-886
Articoli Correlati