Virus: l’OMS invita “il mondo intero ad agire”, prime evacuazioni di stranieri

Navi turche che accompagnano mercenari siriani che arrivano sul suolo libico

377
evacuazioni

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha invitato il “mondo ad agire” contro il nuovo coronavirus, che ha già fatto più vittime della SARS, mentre centinaia di stranieri sono stati evacuati da Wuhan, la città cinese da cui si è diffusa l’epidemia.

Martedì sono stati registrati altri ventisei decessi, secondo quanto riferito da funzionari sanitari cinesi, riportando un totale di 132 decessi e circa 6.000 casi confermati di contaminazione nella Cina continentale (esclusa Hong Kong).

Una cifra che ora supera il numero – 5.327 – di pazienti con sindrome respiratoria acuta grave (SARS), un coronavirus che aveva causato un totale di 774 decessi nel 2002-2003, inclusi 349 nel territorio cinese.

Allo stesso tempo, l’elenco dei paesi interessati sta crescendo, i più recenti gli Emirati Arabi Uniti e la Finlandia. “Il mondo intero deve essere vigile, il mondo intero deve agire”, ha dichiarato Michael Ryan, direttore dell’OMS dei programmi di emergenza mercoledì, che terrà un’altra riunione di emergenza giovedì.

Sarà dedicato alla “questione di sapere se l’attuale epidemia costituisce un’emergenza di sanità pubblica di portata internazionale”, ha spiegato il direttore generale di questa organizzazione, Tedros Adhanom Ghebreyesus, al suo ritorno da Pechino.

“La maggior parte degli oltre 6.000 casi del nuovo #coronavirus sono in Cina – solo l’1%, o 68 casi, sono stati registrati fino ad oggi in 15 altri paesi. Ma la trasmissione da uomo a uomo è stata registrata in tre paesi al di fuori del China “, vale a dire Germania, Vietnam e Giappone, ha aggiunto. Da parte loro, una ventina di stati stranieri hanno annunciato circa 80 casi confermati sul loro territorio, compreso un quinto mercoledì in Francia.

Evacuazioni

In segno del rafforzamento delle misure precauzionali a livello internazionale, compagnie aeree come British Airways, la tedesca Lufthansa e l’Indonesian Lion Air, che gestisce la più grande flotta aerea nel sud-est asiatico, hanno annunciato l’immediata sospensione di tutti i loro voli verso la Cina continentale.

E questo dopo che diversi paesi, tra cui il Regno Unito, la Germania e gli Stati Uniti, avevano sconsigliato qualsiasi viaggio lì. Hong Kong, da parte sua, ha deciso di chiudere sei dei suoi 14 valichi di terra con il resto della Cina. Per quanto riguarda la Russia, limiterà fortemente i suoi collegamenti ferroviari con questo paese dal 31 gennaio, che ora gestisce solo la linea Pechino-Mosca.

Allo stesso tempo, circa 200 americani e 206 giapponesi evacuati da Wuhan sono arrivati ​​mercoledì rispettivamente in California e Tokyo, mentre un primo aereo deve partire la sera dalla Francia diretto per questa metropoli e quella noleggiata dai canadesi.

“Non potevamo più muoverci liberamente. Il numero di malati ha iniziato a volare rapidamente a un certo punto, è stato spaventoso”, ha testimoniato al suo arrivo a Tokyo uno dei rimpatriati giapponesi, Takeo Aoyama, un dipendente di Nippon Steel.

Wuhan, dove il coronavirus è apparso a dicembre, e quasi tutta la provincia di Hubei di cui è la capitale è stata tagliata fuori dal mondo dal 23 gennaio dalle autorità nella speranza di arginare l’epidemia, un cordone sanitario che riguarda 56 milioni di abitanti e alcune migliaia di stranieri. Quasi 600 cittadini europei vogliono anche essere evacuati dalla Cina, ha annunciato mercoledì la Commissione europea.

Parigi prevede di portare a bordo due aerei di almeno 350 europei, di cui 250 francesi. E Berlino ha annunciato l’evacuazione di circa 90 tedeschi presenti a Wuhan “nei prossimi giorni”.

L’Australia, che sta anche considerando un’evacuazione, prevede di mettere i suoi cittadini in quarantena sull’isola di Natale, nell’Oceano Indiano.

Incertezze

Wuhan, dove è vietata la circolazione di veicoli non essenziali, ha mantenuto l’aspetto di una città fantasma. “È il primo giorno che parto dall’inizio del parto. Nessun’altra scelta: ho dovuto comprare del cibo”, ha detto ad AFP uno dei pochi pedoni ad avventurarsi nelle strade.

Nel resto della Cina, dove le vacanze di Capodanno lunare sono state prolungate fino al 2 febbraio, la maggior parte dei residenti, spaventati, centri commerciali nel deserto, cinema e ristoranti.

Come molte altre competizioni sportive (ciclismo, calcio, tennis), gli eventi della Coppa del mondo di sci alpino in programma per la Cina a febbraio sono stati annullati e i campionati del mondo indoor, che si sarebbero tenuti lì che si terranno a Nanchino dal 13 al 15 marzo, sono stati rinviati al 2021.

Mentre la ricerca di un vaccino – iniziata in particolare in Cina e negli Stati Uniti – dovrebbe richiedere mesi, gli scienziati del Doherty Institute in Australia hanno assicurato di essere riusciti a replicare in laboratorio il coronavirus, un passo considerato cruciale.

Al di là del settore aereo, l’attuale epidemia di polmonite virale crea incertezza per l’intera prospettiva economica globale, ha dichiarato mercoledì il presidente della Fed, la banca centrale americana, Jerome Powell.

Un’osservazione fatta anche dalle multinazionali, dalle case automobilistiche ai subappaltatori IT attraverso l’industria del lusso.