Accordo internazionale per raggiungere la pace in Libia

I leader europei discuteranno oggi sulla Libia a Bruxelles

166
Accordo di Berlino

I principali paesi colpiti dal conflitto in Libia hanno promesso di rispettare un embargo sulle armi e di non interferire nei suoi affari interni, nel tentativo di portare la pace in questo paese dilaniato dalla guerra civile.

Tuttavia, le conseguenze di questo impegno preso in un vertice internazionale a Berlino, dove c’è una tregua di combattimenti precari tra i due contendenti rimangono incerte: i due diretti rivali, Fayez al-Sarraj, il capo del governo di L’unione nazionale (GNA) riconosciuta dalle Nazioni Unite a Tripoli, e il suo rivale che controlla l’est libico Khalifa Haftar, si rifiutarono di incontrarsi alla conferenza sotto l’egida delle Nazioni Unite.

E il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha ammesso che se la conferenza fosse stata “molto utile”, il divario sarebbe rimasto ampio tra i due uomini. “È chiaro che finora non siamo riusciti a lanciare un dialogo serio e stabile tra loro”, ha detto ai giornalisti a Berlino.

Sia Lavrov che il cancelliere tedesco Angela Merkel, ospite della conferenza, hanno parlato di un “piccolo passo avanti”, pur riconoscendo che molto è rimasto da fare per raggiungere la pace.

Principale anticipo dell’incontro di Berlino, i leader di undici paesi, a partire dalla Russia e dalla Turchia, che svolgono un ruolo chiave in Libia, hanno sottolineato in una dichiarazione congiunta “che non esiste una soluzione militare per il conflitto “, ha dichiarato il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

“Tutti i partecipanti si sono impegnati a rinunciare all’interferenza nel conflitto armato o negli affari interni della Libia”, ha affermato Guterres, mentre la Turchia sostiene militarmente il GNA e la Russia, nonostante le sue smentite, è sospettata. Sostenere il maresciallo Haftar, insieme all’Egitto, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti.

I partecipanti hanno anche promesso di rispettare finalmente l’embargo sulle consegne di armi in Libia, decretato dall’ONU nel 2011 ma in gran parte è rimasto in una lettera morta.

Dalla ripresa dei combattimenti tra campi rivali in Libia nell’aprile 2019, sono stati uccisi oltre 280 civili e 2.000 combattenti e, secondo le Nazioni Unite, oltre 170.000 abitanti sono stati sfollati. Il paese è nel caos e afflitto da violenze e lotte di potere dalla caduta del regime di Muammar Gheddafi nel 2011.

capi di Stato a Berlino

Il presidente francese Emmanuel Macron, sospettato dai suoi alleati europei di essere in disparte sostenendo il maresciallo Haftar, gli ha chiesto di interrompere l’invio di miliziani siriani filo-turchi e soldati turchi a sostegno del GNA. “Devo dirti della profonda preoccupazione che ispira l’arrivo di combattenti siriani e stranieri nella città di Tripoli, deve finire”, ha dichiarato.

L’ONU spera soprattutto che questa conferenza rafforzi la tregua entrata in vigore il 12 gennaio su iniziativa di Russia e Turchia. Un incontro tra i rappresentanti militari dei due rivali dovrebbe poter essere tenuto “nei prossimi giorni” secondo le Nazioni Unite per trasformare questa pausa in un cessate il fuoco “permanente”, come richiesto dai partecipanti al vertice di Berlino.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha parlato dei “progressi” compiuti a Berlino verso “un completo cessate il fuoco”, anche “se ci sono ancora domande” sulla capacità della comunità internazionale di verificare la realtà.

Per Emadeddin Badi, esperto del Middle East Institute, l’esito del summit è piuttosto “deludente”, vista “l’importanza dei leader” presenti. Finora, la tregua libica è stata più o meno rispettata tra i due alle porte della capitale.

Le scaramucce sono riportate quasi ogni giorno, incluso il giorno del vertice a sud di Tripoli. E il campo di Haftar ha bloccato le esportazioni di petrolio libico, l’unica vera fonte di reddito del paese, alla vigilia del vertice di Berlino.

In questo contesto il capo del GNA domenica ha chiesto l’invio nel suo paese di una “forza militare internazionale” sotto l’egida delle Nazioni Unite. La sua missione sarebbe quella di “proteggere la popolazione civile”, ha detto, facendo eco a osservazioni simili questa settimana dal capo della diplomazia europea Josep Borrell.

Diversi leader, tra cui capi di governi italiani e britannici, hanno dichiarato di essere stati aperti domenica all’idea di inviare una missione internazionale, o addirittura una forza, per contribuire a garantire un cessate il fuoco una volta che sarà stato approvato tra i due campi. I paesi dell’UE dovrebbero iniziare a discutere un contributo in questo settore a Bruxelles oggi.