A Parigi, due ore di stagnazione per la processione bloccata da scontri

210

E’ durata poco più di due ore la manifestazione di Parigi contro la riforma delle pensioni, a causa degli scontri tra i manifestanti e la polizia.

A gridare la sua rabbia è Évelyne, 49 anni, rimasta delusa. “Non sappiamo davvero cosa sia successo, tranne per il fatto che abbiamo sentito lo strappo”, ha detto l’assistente materna di Seine-et-Marne. “Vorrei che non fosse così…È un peccato, una parata massiccia e pacifica sarebbe stata una cosa forte, ma non so se sia ancora possibile oggi.”

Inizialmente, la marcia della parata annunciata dai sindacati era chiara: partenza alle 14:00 dalla Gare du Nord per unirsi a Place de la Nation attraverso i grandi viali, attraverso Place de la République.

Questa vasta area rettangolare, con accessi ben definiti e facilmente controllabili dalla polizia, ha la reputazione di essere ideale per le “trappole”, questa tecnica di accerchiamento della folla diventata routine a Parigi.

Ma anche prima dell’inizio della manifestazione, un corteo di testa di diverse migliaia di persone si forma sul Boulevard Magenta e si trova di fronte alla piazza del sindacato. Tra la folla, densa e statica, diversi manifestanti, alcuni vestiti di nero, gridano slogan anticapitalisti e ostili alla polizia.

Intorno alle 15:30, un gruppo riesce a rovesciare un grande sito di roulotte, parcheggiato poco prima di Place de la République, di fronte alla Borsa. Piove a dirotto, la tensione sale e viene data alle fiamme un’auto. Diverse finestre sono rotte, le luci della spazzatura sono accese, un po ‘di carburante con biciclette e scooter self-service. Ciò costringe le forze dell’ordine, che in precedenza erano rimaste a distanza, ad intervenire.

Sughero, tappo

Le granate a gas lacrimogeno rispondono a getti di ogni tipo: pietre, bottiglie, tronchi di legno, fuochi d’artificio. Gli scontri, che coinvolgono un gruppo di blocchi neri, provocano un ingorgo all’ingresso di Place de la République. Nel mezzo degli incidenti, il fumo rosso dei fumogeni si mescola con nuvole bianche di gas lacrimogeni. I manifestanti catturati in queste nuvole hanno la gola bloccata e gli occhi rossi.

Di fronte a una corteo, molti manifestanti tornano a casa o si dirigono verso i loro autobus. Ad un giornalista francese, uno di loro rimprovera un simpatizzante nero che blocca la strategia del gruppo anticapitalista.

“Non abbiamo potuto fare molto, abbiamo dovuto girare a circa 50 metri dalla piazza, ci hanno detto che non potevamo continuare a causa della violenza”, si rammarica un preside. A cinque anni dalla pensione, lascia il corteo ma promette che “tornerà”. “Più saremo, meno lasceremo spazio a coloro che vogliono rompere.”

Altri manifestanti furiosi credono che le forze di polizia hanno “rotto la manifestazione con il pretesto della violenza”. A loro si unisce Jean-Luc Mélenchon, che attacca il prefetto di polizia direttamente su Twitter. “Parigi, ancora una volta, il metodo del prefetto Lallement, l’unica città in Francia alla violenza e alla gassificazione di massa”, denuncia il capo della Francia ribelle.

“L’obiettivo numero uno del prefetto per garantire che l’evento potesse svolgersi era quello di camminare e raggiungere la nazione, ed è stato raggiunto”, ha detto nell’entourage del capo della polizia di Parigi, aggiungendo che le forze di sicurezza avevano arrestato “i criminali” “andando a prenderli uno per uno”.

Intorno alle 17:00, il punto di fissaggio viene effettivamente sbloccato e la folla, ancora numerosa, passa il posto della Repubblica e si impegna in Place de la Nation. Alla fine tornerà in piazza nella notte che cade con la parata sindacale sotto il canto dell’Internazionale.