Il primo ministro finlandese si dimette per aver mentito sulla riforma del servizio postale

327

Il primo ministro finlandese Antti Rinne si è dimesso martedì dopo aver perso il sostegno del centro partito partner della coalizione, anche se si prevede che l’alleanza governativa rimarrà al potere per evitare elezioni anticipate.

Un socialdemocratico che ha guidato il governo a cinque partiti del centro sinistra da giugno, Rinne ha dato le dimissioni al presidente Sauli Niinisto, che ha chiesto al governo di rimanere in carica fino a quando non è stato nominato un nuovo governo, lo riferisce la presidenza. “Tutti i partiti governativi hanno fiducia in me, tranne il Partito centrale. Quando mi è stato detto perché non hanno più fiducia in me, ho preso la decisione di dimettermi”, ha detto Rinne.

Il Partito centrale si adirò dopo che il primo ministro fu accusato di mentire dal capo delle Poste finlandesi – il culmine di una disputa di lunga data sulle riforme della retribuzione e delle condizioni per alcuni impiegati delle poste.

“Tutti i partiti governativi sono impegnati nel programma del governo. Se io come primo ministro mettesse a rischio il programma del governo, è meglio che me ne stia alla larga”, ha detto Rinne ai giornalisti.

I socialdemocratici, il più grande partito finlandese, nomineranno un successore per cercare di formare un nuovo governo, che potrebbe richiedere giorni o addirittura settimane.  Sanna Marin, la numero due del partito dietro Rinne e attuale ministro dei trasporti, ha già detto che sarebbe disposta a subentrare. 

L’analista politico Sini Korpinen ha affermato che i partiti della coalizione – il Partito socialdemocratico (SDP), il Centro, i Verdi, l’Alleanza di sinistra e il Partito popolare svedese – con ogni probabilità concorderebbero di proseguire insieme, poiché non rientrava tra i loro interessi abbattere il governo.

Ciò è particolarmente vero per il Partito centrale, che “non vuole elezioni perché farebbero di peggio” rispetto all’ultima volta. “Il più probabile scenario è che continueranno, con lo stesso programma del governo”, ma probabilmente cambiando alcuni ministri del gabinetto.

Finland Post crisi 

Le dimissioni di Rinne arrivano dopo diverse settimane di crisi politica per un piano di trasferimento di 700 dipendenti di Finland Post, una società per azioni con lo Stato come unico azionista, a un accordo salariale collettivo meno vantaggioso per migliorare la concorrenza. A settembre, inizialmente le critiche si sono concentrate sul ministro responsabile della proprietà statale, Sirpa Paatero, membro dell’SDP di Rinne.

La crisi si è aggravata a novembre, quando è scoppiato un grande sciopero, con dipendenti di altre industrie che abbandonano il lavoro in simpatia con i dipendenti delle poste, cosa consentita dal diritto del lavoro finlandese.

Finland Post ha ritirato i suoi piani di riforma, ma i sindacati hanno chiesto di sapere se lo stato aveva approvato la riforma. Paatero fece diverse osservazioni contraddittorie prima che Rinne intervenisse il 28 novembre.

Il primo ministro ha negato che lo stato avesse dato la sua benedizione, ma il giorno seguente il presidente del consiglio di amministrazione della società ha accusato Rinne di mentire. Rinne ha quindi annunciato le dimissioni di Paatero, ma la mossa è stata vista come troppo poco e tardiva.

I socialdemocratici hanno vinto le elezioni legislative di aprile sulle promesse di porre fine agli anni di inasprimento della cintura economica introdotti dal Partito centrale per sollevare la Finlandia da una recessione e dare priorità all’uguaglianza sociale.