COP25: L’umanità deve smettere di fare “guerra” sul pianeta

82

Disastri climatici mortali, precaria sicurezza alimentare, innalzamento del livello del mare: “Dobbiamo porre fine alla nostra guerra” contro il pianeta che “fa colpo per colpo”, ha dichiarato domenica Antonio Guterres, alla vigilia dell’apertura del CP25 a Madrid, denunciando impegni “totalmente insufficienti” contro il riscaldamento globale.

Combattivo, il Segretario Generale delle Nazioni Unite ha dipinto un quadro oscuro del futuro dell’umanità, di fronte a una “crisi climatica”. “Il punto di non ritorno non è lontano dall’orizzonte, è in vista e ci si avvicina a tutta velocità”.

E gli uomini ne sono responsabili, in particolare a causa dello sfruttamento dei combustibili fossili, che è la fonte della maggior parte delle emissioni di gas serra.

“Non ci resta che smettere di scavare e perforare”, ha insistito Guterres. “Per decenni, la razza umana è stata in guerra con il pianeta, e il pianeta lo sta facendo, e dobbiamo porre fine alla nostra guerra contro la natura”.

Nonostante questa osservazione, che riporta l’allerta rossa emessa più volte negli ultimi mesi dagli scienziati, il Segretario Generale delle Nazioni Unite si è assicurato di non perdere la “speranza” di rispettare gli obiettivi dell’accordo di Parigi per limitare il riscaldamento globale. + 2 ° C o + 1,5 ° C rispetto all’era preindustriale.

Ma la speranza sta diminuendo, come sottolineato questa settimana dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente. Secondo la sua relazione annuale, per rimanere al di sotto di + 1,5 ° C, le emissioni di CO2 dovrebbero essere ridotte del 7,6% all’anno, ogni anno dal prossimo anno fino al 2030. non ha alcun segno che stiano iniziando a cadere.

Nonostante la mobilitazione di cittadini, città, imprese, “ciò che manca ancora è la volontà politica”, ha denunciato Guterres, insistendo sulla necessità di fermare i sussidi ai combustibili fossili e la costruzione di centrali elettriche. carbone.

Nel suo mirino principalmente, i paesi più emettitori di CO2, “che non fanno la loro parte”: “senza di loro, il nostro obiettivo non è raggiungibile”.

Pertanto, solo 68 paesi si sono impegnati ad aumentare i loro impegni di riduzione dei gas a effetto serra entro il 2020. Ma rappresentano solo l’8% delle emissioni globali, secondo gli esperti, che dubitano che grandi economie come la Cina fanno annunci alla COP.

Per non parlare degli Stati Uniti, che hanno appena confermato il suo ritiro dall’accordo di Parigi il prossimo anno. Mentre quasi tutti i paesi saranno rappresentati a Madrid da almeno un ministro, o anche da un capo di stato o di governo, un semplice diplomatico sarà a capo della delegazione americana.

L’influente presidente della Camera dei rappresentanti, la democratica Nancy Pelosi, ha deciso di fare il viaggio per “riaffermare l’impegno del popolo americano nella lotta alla crisi climatica”.

In un contesto diplomatico sfavorevole, la posizione dell’UE, che sarà rappresentata dal suo nuovo esecutivo e da circa quindici capi di Stato e di governo, è attesissima.

“Se svolgiamo bene il nostro lavoro, l’Europa nel 2050 sarà il primo continente nel mondo carbon neutral”, ha affermato il nuovo presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen alcuni giorni fa. Gli europei, che non sono ancora tutti d’accordo, devono considerare questo obiettivo in occasione di un vertice del 12 e 13 dicembre.

Se l’Europa riuscirà a concordare l’obiettivo della carbon neutrality per tutti i suoi Stati membri, le darà un’autorità morale molto importante per consentire il successo dei negoziati globali “, ha commentato Antonio Guterres domenica.

Prima della pubblicazione questa settimana di un rapporto dell’Organizzazione meteorologica mondiale, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha confermato che il 2019 si sarebbe unito ai quattro anni precedenti tra i primi 5 più caldi mai registrati.

D’altro canto, ha annunciato che da gennaio l’attuale governatore della Banca d’Inghilterra, Mark Carney, avrebbe sostituito Michael Bloomberg come inviato speciale delle Nazioni Unite per il clima.