sabato, Agosto 8, 2020
Home ESTERI Arabia Saudita, Houthi rivendicano attacco con droni contro impianto e giacimento petroliferi

Arabia Saudita, Houthi rivendicano attacco con droni contro impianto e giacimento petroliferi

I ribelli Houthi hanno rivendicato l'attacco con droni contro l'impianto di lavorazione di Abqaiq e il giacimento di Khurais, di proprietà del colosso Aramco.

Nella notte di sabato droni hanno attaccato un grande impianto petrolifero e un giacimento nell’est dell’Arabia Saudita, innescando incendi enormi. Non si hanno notizie in merito a morti e feriti.

I bersagli dell’attacco – l’impianto di lavorazione di Abqaiq e il giacimento di Khurais – sono di proprietà dell’azienda pubblica saudita Aramco, colosso dell’industria petrolifera. L’azienda sarebbe riuscita a domare le gigantesche fiamme generate dalle esplosioni.

Non è ancora chiaro in che modo questo attacco influenzerà la produzione di petrolio saudita. Tuttavia, considerando le enormi dimensioni delle strutture colpite, è plausibile che ci saranno ripercussioni su produzione e prezzi. L’impianto di Abqaiq è – secondo Aramco – “il più grande impianto di stabilizzazione del greggio al mondo” mentre il giacimento di Khurais è il secondo più grande dell’Arabia Saudita.

L’attacco è stato rivendicato dai ribelli Houthi, gruppo armato sciita contro cui Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti stanno combattendo nello Yemen da quattro anni e mezzo.

La guerra dello Yemen ha causato quella che le Nazioni Unite hanno più volte definito “la più grave crisi umanitaria al mondo” e i morti alla fine del 2019, secondo un rapporto commissionato dalle Nazioni Unite, potrebbero essere 230 mila. L’Arabia Saudita è intervenuta a partire dal marzo 2015 soprattutto con campagne di bombardamenti aerei che hanno ucciso migliaia di civili e distrutto le già fatiscenti infrastrutture sanitarie yemenite, favorendo la diffusione di epidemie e malattie e la carenza di acqua potabile.

Mentre l’Arabia Saudita supporta i miliziani fedeli al governo del presidente riconosciuto Hadi, gli Houthi sono appoggiati dall’Iran. Tuttavia, a differenza di Riad, Teheran non interviene direttamente nella guerra. La guerra dello Yemen è quindi anche una guerra per procura tra Arabia Saudita ed Iran.

In passato i ribelli Houthi hanno attaccato più volte il territorio saudita con droni. Lo scorso giugno un drone ha attaccato l’aeroporto di Abha nel sud-ovest dell’Arabia Saudita causando 26 feriti mentre lo scorso mese sono riusciti a colpire il giacimento petrolifero di Shaybah, nel sud-est del paese.

Al di là delle ripercussioni sulla produzione di petrolio, l’importante colpo messo a segno dagli Houthi contro le proprietà della Aramco è destinato ad aggravare la tensione nello Yemen, riducendo ulteriormente le speranze per la fine di una guerra tanto terribile quanto ignorata.


close







close






- Advertisment -

I PIU' LETTI

Di Stefano, la gaffe e la risposta

​​Dopo aver confuso il Libano con la Libia, il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano affida ad una chat su Telegram una sarcastica risposta: "WOW,...

Dal commercio ai trasporti, all’arte: ecco i settori più colpiti dalla crisi

Secondo un'indagine di Eurostat sull'impatto del Covid-19 sulle industrie dell'Ue, nel primo trimestre 2020 le attività che hanno sofferto di più sono state il...

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy. MakeIdentity mixa tecnologia e privacy per massimizzare conversione e utilizzo dei dati personali degli ospiti. Intervista a Marco Giacomello...

Il presidente Mattarella alle Regioni: “Attuare art. 2-3 Carta è un dovere”

"In questi 50 anni le Regioni si sono affermate come componente fondamentale dell'architettura della Repubblica. Le Regioni si sono rivelate forte elemento di coesione...

COMMENTI RECENTI

Annina Malito on Storie di ordinaria violenza
Massimiliano Palladini on Irregolare una mensa scolastica su 3
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Riccardo pieroni on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Elogio della confessione
marco bacigalupi on Elogio della confessione
Emilio Carnelli on Nonno, ti faccio la festa
Catalogna – per la UE è win-win – Così va il Mondo on Catalogna e Lombardia: di Stato e Nazioni