La flat tax mette a rischio il Governo

180

La paura fa 90. È quello che stanno pensando a Palazzo Chigi visto l’intervento del vicepremier Matteo Salvini di voler ripete questo governo.

E che molto probabilmente la rottura potrebbe essere proprio la questione flat tax, lo conferma lo stesso premier Conte il quale sottolinea che il progetto non è ancora stato discusso. Fonti interne all’esecutivo rimarcano come al momento non ci siano le coperture, perché un piano come quello immaginato dal partito della Lega rischierebbe di spaccare i conti, proprio in un momento in cui Roma è finita nella lente di ingrandimento della Commissione Europea per deficit eccessivo.

Il progetto così come concepito resta irrealizzabile, rimarcano le stesse fonti, sia la Lega a trovare le risorse per finanziarla, magari portando la flat tax in Cdm. “E’ una priorità, la flat tax è nel contratto di governo ma io sono più ambizioso”, osserva il premier Conte, “serve una riforma organica” che comprenda anche la rimodulazione delle aliquote e soprattutto “un fisco amico”. “Non vogliamo fare solo cassa”, il ragionamento del presidente del Consiglio. Al momento non è fissato alcuna riunione del Consiglio dei ministri.

Giuseppe Conte ha invitato Salvini e Di Maio a incontrarsi e chiarirsi, ma non c’è ancora una precisa direttiva per uscire dall’impasse dopo il voto delle Europee. Il premier Conte nella conferenza stampa di lunedì ha dettato le condizioni per proseguire ma il convincimento nella sede del governo è che Salvini sia diventato in qualche modo imperscrutabile. Insomma il clima di fiducia ancora deve essere recuperato anche se lo stesso Conte rimarca gli ottimi segnali e le premesse positive anche se – aggiunge – la disponibilità deve dipanarsi nel tempo.

Ma c’è un’altra considerazione che arriva dal fronte M5S del governo. Di fronte ad un alleato che alza continuamente l’asticella occorrerebbe capire anche se conviene ai pentastellati proseguire ed essere magari costretti a dire dei sì che potrebbero attestare la subalternità del Movimento nei confronti della Lega, oltre che far perdere ulteriori consensi. In ogni caso il tentativo di Conte è di andare avanti e di rilanciare.

Facendosi promotore, ma solo con un mandato pieno degli alleati del governo, della trattativa con la Commissione europea sulla procedura d’infrazione aperta per il deficit eccessivo. Intanto il presidente del Consiglio è ad Hanoi per riaffermare la necessità che l’Italia rafforzi le relazioni commerciali con i Paesi del sud-est asiatico. Il premier ha parlato con i rappresentanti delle aziende presenti in Vietnam riscuotendo consensi per il suo impegno in prima linea. “Dobbiamo portare l’interscambio a sei miliardi e poi magari a dieci”, ha sottolineato.

Anche se gli stessi imprenditori hanno mostrato – riferisce uno dei partecipanti al forum tra Italia e Vietnam – preoccupazione, sottolineando come sia necessaria la stabilità e un governo forte per evitare disoccupazione, inflazione e spread.