Sul Salva Roma è scontro tra Salvini e Di Maio

171

Nemmeno la Pasqua ha placato le tensioni tra il M5S e la Lega.

In previsione del Consiglio dei Ministri chiamato a dare il via libera al decreto crescita, si riaccende lo scontro su una delle norme più controverse del Dl Salva Roma.

Questa tensione è di carattere  elettorale, con la Lega che punta ad un’intesa immediata che riguardi tutti i Comuni e il M5S che da giorni ha aperto ad una simile soluzione del provvedimento.

A tenere attivo il clima è il caso Armando Siri, sul quale il Movimento non ha intenzione di mollare la presa. Il premier Giuseppe Conte potrebbe convocare il sottosegretario leghista per un incontro chiarificatore.

Ad aprire la Pasquetta a sfondo elettorale è Matteo Salvini, da Pinzolo. “O tutti o nessuno. Non ci sono Comuni di serie A e Comuni di serie B”, è la stoccata che il vicepremier piazza sul Salva Roma, accompagnandola dal consueto attacco a Virginia Raggi: “Non mi pare che a Roma ci sia un sindaco che abbia il controllo della città”.

“Non c’è sempre bisogno di un nemico, i Comuni vanno salvati tutti ma i problemi sono diversi” e a ciascuno serve la sua cura”, è la replica, a stretto giro, del viceministro dell’Economia Laura Castelli.

Il viceministro ribadisce: “Sui Comuni per me non c’è nessuna guerra con gli alleati. Nel Dl Crescita, in conversione verranno inserite norme utili a risolvere le problematiche di molti Comuni, ma in tanti casi non serve una norma di legge”.

Però Salvini vuole un accordo immediato in CdM, su tutti i Comuni, o “non voteremo la norma Salva-Raggi”, promettono i leghisti. Non solo, fonti del partito di Salvini spiegano come, in caso di accordo, il Salva Roma non sarà inserito nel decreto ma solo in sede di conversione assieme alle norme per gli altri Comuni.

E l’insistenza della Lega innesca l’ira del M5S. “La Lega parla del Salva Roma per nascondere il caso Siri”, attacca.

I toni alti dello scontro, tuttavia, non precludono una mediazione in extremis. Anzi, l’impressione – corroborata anche da rumors nella maggioranza – è che fino alle Europee la rottura non si consumi.

Fonti di governo spiegano come sia stato chiesto alla Ragioneria di Stato di computare eventuali costi per le norme sugli altri Comuni laddove il Salva Roma, che archivia la gestione commissariale del debito della Capitale voluta dal governo Berlusconi, è di fatto a costo zero.

“Siamo di nuovo costretti a puntualizzare, perché la Lega con Matteo Salvini è inciampata in una grandissima gaffe senza saperlo. Il provvedimento di cui parlano, che loro chiamano Salva Roma, poi salva-Raggi quando capiscono che il primo epiteto non paga in termini elettorali, è totalmente a costo zero.

Non andiamo oltre, ci fermiamo qui, sarebbe paradossale spiegare qualcosa che capirebbe anche un bambino”. Lo dicono esponenti del M5S.