L’Ambasciata dell’Ecuador a Londra, fa arrestare Julian Assange

Wikileaks: 'Violato il diritto internazionale'.

215

Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, è stato arrestato dall’ambasciata dell’Ecuador a Londra dopo che Quito ha revocato la concessione dell’asilo al giornalista australiano.

Julian Assange è in custodia alla stazione centrale di Scotland Yard e sarà portato al più presto davanti ai magistrati; è quanto riferisce la polizia londinese.

Così il ministro dell’Interno britannico, Sajid Javid.

“Posso confermare che Julian Assange, 7 anni dopo essere entrato nell’ambasciata ecuadoriana, è ora sotto custodia della polizia per affrontare debitamente la giustizia del Regno Unito. Voglio ringraziare l’ambasciata dell’Ecuador per la sua cooperazione e la polizia per la sua professionalità: nessuno è al di sopra della legge”.

Julian Assange non è uscito dall’ambasciata dell’Ecuador a Londra, è stato l’ambasciatore a far entrare la polizia britannica all’interno della sede diplomatica, dove il fondatore di WikiLeaks è stato arrestato.

L’Ecuador ha revocato illegalmente l’asilo politico concesso in precedenza a Julian Assange – accusa WikiLeaks – in violazione del diritto internazionale.

Ci sono la CIA e altri poteri dietro la caccia a Julian Assange, denuncia ancora Wikileaks.

Assange – twitta l’organizzazione da lui fondata per diffondere documenti segreti scomodi – “è un figlio, un padre, un fratello. Ha vinto decine di premi di giornalismo ed è stato nominato per il Nobel per la pace dal 2010. Ma attori potenti, inclusa la CIA, sono impegnati in un sforzo sofisticato per disumanizzarlo, delegittimarlo e imprigionarlo”.

Intanto il Cremlino auspica che siano rispettati tutti i diritti del fondatore di Wikileaks, riporta l’agenzia russa Tass.