lunedì, Settembre 21, 2020
Home IL FORMAT Un altro paziente curato dall’Aids con trapianto staminali

Un altro paziente curato dall’Aids con trapianto staminali

Il virus è stato annientato in 18 mesi.

-

Per la seconda volta da quando è scoppiata l’epidemia legata all’HIV, il virus che causa l’Aids,

un paziente a Londra sembrerebbe essere stato curato dall’infezione: lo riporta la rivista scientifica Nature. L’uomo, un londinese, sembra essere libero dal virus dell’Aids dopo un trapianto di cellule staminali.

Il primo tentativo di questo tipo fu effettuato ad un paziente di Berlino circa dieci anni fa, ma allora la terapia si era rivelata così aggressiva da costringere a sospendere la sperimentazione.

Questo genere di trapianti, sottolineano i ricercatori, sono pericolosi e hanno fallito in altri pazienti. Anche in questo caso, nonostante il test risalga a 18 mesi fa, i ricercatori raccomandano la massima prudenza e sottolineano che è troppo presto per parlare di ‘cura’.

L’uomo era sieropositivo dal 2003 e aveva iniziato nel 2012 la terapia antiretrovirale. Nello stesso anno gli era stato diagnosticato un linfoma di Hodgkin in stato avanzato. Così, oltre alla chemioterapia, nel 2016 ha avuto il trapianto di cellule staminali di un donatore, con una specifica mutazione genetica che le rendeva resistenti al virus dell’HIV.

Il trapianto ha così cambiato il sistema immunitario del paziente, dandogli la stessa resistenza all’HIV del donatore. Molte forme di HIV si servono di un gene, il Ccr5, che viene utilizzato dal virus per entrare nelle cellule da infettare.

Alcune persone però sono portatrici di una particolare mutazione del gene CCR5 che le protegge dall’infezione. Il donatore usato in questo caso aveva due copie di questo gene mutato, ed era quindi resistente al virus.

I ricercatori dello University college e dell’Imperial college di Londra, guidati da Ravindra Gupta, hanno fatto sospendere la terapia antiretrovirale al paziente 16 mesi dopo il trapianto, e 18 mesi dopo (quindi a 35 dal trapianto) non hanno traccia del virus nell’uomo.

Un risultato che dimostra, secondo gli studiosi, come il primo caso di remissione, quello del cosidetto ‘paziente di Berlino’, non sia stato un’anomalia e offre nuovi elementi per lo sviluppo di una terapia di questo tipo.


close







close






4,103FansLike
1,170FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

In 100.000 per chiedere le dimissioni del presidente bielorusso

0
Decine di migliaia di bielorussi che chiedono le dimissioni del presidente autoritario hanno marciato per la capitale domenica mentre l'ondata di proteste del paese...

editoriale

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...