Gilet Gialli, il 14esimo tragico weekend francese

Per l’anniversario dei tre mesi di manifestazioni, i gilet gialli si sono organizzati su Facebook.

225
A man wearing a yellow vest speaks with French anti-riot CRS police officers on the Champs Elysee avenue, on December 29, 2018 during a demonstration called by the yellow vests (gilets jaunes) movement, to protest against the rising costs of living they blame on high taxes. - The yellow vests (gilets jaunes) movement in France originally started as a protest about planned fuel hikes but has morphed into a mass protest against President's policies and top-down style of governing. (Photo by Zakaria ABDELKAFI / AFP)

Per la 14esima settimana di seguito i Gilet Gialli si sono dati appuntamento in tutta la Francia. Secondo le stime del ministero dell’Interno francese, i gilet gialli sono calati a 41.500 contro i 51.400 della settimana scorsa; a Parigi i manifestanti erano 5.000. Purtroppo le violenze non si sono placate, la tensione, due ore dopo l’ordine di scioglimento della manifestazione, era ancora alta attorno agli Champs Elysees, dove alcune centinaia di gilet gialli premevano per accedere. La polizia, che ha blindato la grande strada dopo le devastazioni delle settimane scorse, li ha tenuti a distanza bloccando ancora il traffico nel centro, le stazioni della metropolitana, invece, sono state chiuse.

All’altezza della spianata degli Invalides, un corteo è stato bloccato dalla polizia; gruppi di Black Bloc ha lanciato oggetti contro la polizia che a risposto con i lacrimogeni. Poi la decisione di evacuare, per motivi di sicurezza, l’intera spianata che si trova a pochi metri dalla Tour Eiffel. In precedenza, lungo il percorso, c’erano stati incendi di cassonetti e, sul boulevard SaintMichel, la devastazione di un piccolo supermercato.

Un automobilista a lungo costretto in fila per una manifestazione dei gilet gialli a Rouen, in Normandia, ha forzato il blocco ed ha ferito almeno tre dimostranti. Dalle immagini trasmesse su varie emittenti francesi, si vede un uomo a terra, ferito alla testa, portato via dai soccorritori. Alcuni testimoni hanno raccontato l’episodio sui social, l’auto è rimasta bloccata e l’uomo ha provato ad andare avanti. Nella vettura c’erano la moglie e un bambino, i manifestanti l’hanno circondata e hanno cominciato a prenderla a calci. La donna sarebbe stata presa dal panico e il marito ha accelerato ferendo quattro persone in modo grave.

Per celebrare l’anniversario, tre mesi di manifestazioni dei gilet gialli, molti gruppi si sono organizzati su Facebook hanno dato appuntamento ai follower per manifestare anche domemica. Dall’Arco di Trionfo, i manifestanti hanno raggiunto attorno alle 13 il Pont de l’Alma, non lontano dalla Tour Eiffel. A Parigi sono stati annunciati altri cortei minori e con premesse meno tranquillizzanti, uno dei quali in luogo “a sorpresa”. A Tolosa, una settantina di manifestanti ha bloccato in mattinata un deposito di Amazon, mentre 150 persone sfilano a Strasburgo. Operazioni “pedaggio gratuito” sull’autostrada a ovest di Parigi mentre blocchi sulle rotatorie hanno ostacolato il traffico in tutto il paese. Imponente anche lo schieramento di 80.000 agenti delle forze dell’ordine.