fbpx
adv-590
<< POLITICA

Di Maio e Fico, una figura di M…5 Stelle!

| 1 Maggio 2018 | POLITICA

Ormai e’ chiaro a tutti: pur di ottenere la poltrona Di Maio si venderebbe anche al suo peggior nemico. Gli insulti nei confronti del PD sono cose passate, ora sediamoci ad un tavolo e volemose bene, firmiamo un contratto per il bene del paese. Ma a Di Maio interessano davvero le sorti del Paese? L’impressione è quella di voler ostinatamente a tutti i costi il possesso della poltrona molto più importante del governo. Qualcosa da ieri sera è cambiato e ci ha pensato Renzi. Durante l’intervista al programma “Che tempo che fa”, ha affossato qualsiasi accordo con il Movimento 5 Stelle. In questo caso, la coerenza sta nelle parole di Renzi ed ha posto fine a quell’innamoramento tra Di Maio e Martina, il segretario reggente del PD.

Di Maio tuona: “La pagherete!”. Da perfetto “capo clan” politico lancia minacce in stile mafioso. Non ha compreso Gigino, vuoi per la sua inesperienza, vuoi per l’accecata bramosia del potere, che l’unico a rimetterci in questo teatrino di presunti accordi è proprio lui. I suoi continui attacchi a Berlusconi e il volemose bene con il PD, morto in 5 minuti con il discorso di Renzi, hanno legittimato sia l’uno che l’altro. Non ha capito Di Maio che si è bruciato agli occhi di moltissimi elettori del M5S, ha perso di credibilità se mai l’avesse avuta, si è dimostrato per quello che realmente è: un bamboccio che fa i capricci e che pretende la poltrona come un bimbo davanti alla vetrina di un negozio di giocattoli che punta i piedi per la Ferrari testa rossa.

Ma l’addetto alla comunicazione dei pentastellati, lo smutandato del GF Rocco Casalino, non ha consigliato che tacer sarebbe stato meglio… Ed ora, dopo aver preso una sonora batosta alle regionali del Friuli Venezia Giulia e vedendo una impossibilità nel formare il suo governo, chiede di poter tornare alle elezioni. Questo è un vero e proprio suicidio politico in linea con il delirio di onnipotenza di cui è afflitto dal 4 marzo scorso. Non da meno è la caduta di stile del Presidente della Camera Roberto Fico. Prima si fa fotografare per uno spot dimostrativo della semplicità dei cittadini al potere, mentre va alla Camera in bus e mentre rientra a Napoli in treno, come se fosse l’unico Parlamentare ad utilizzare questo mezzo; poi, però, viene immortalato dal servizio del programma “Le Iene” mentre sale su un’auto istituzionale che, tra le altre cose, percorre alcune strade in senso di marcia contrario…esempio di rispetto delle norme a 5 Stelle.

adv-310

Non chiamatela auto blu! Si chiama auto di scorta perché dire auto blu urta la sensibilità degli irriducibili grillini che credono ancora alle fandonie di chi li rappresenta. A proprosito, Fico non ha ancora chiarito la vicenda della colf assunta in nero presso l’abitazione della sua compagna. Nel servizio de “Le Iene” la colf Imma dichiara che lavora presso l’abitazione di Yvonne De Rosa da sei anni e percepisce 500 euro al mese; in verità erano 700 euro al mese, ma poi è arrivato Roman, un clandestino ucraino, e quindi le è stato decurtato lo stipendio. Il presidente Fico, messo alle strette, ha affermato che Imma è una amica della sua compagna e che ogni tanto va ad aiutarla, invece Roman lo ha aiutato come caso umanitario senza curarsi se fosse clandestino o meno.

Quindi se fosse vero, Fico è imputabile del reato di favoreggiamento, permanenza dell’immigrazione clandestina e di lavoro in nero. Ha provato ad arrampicarsi sugli specchi il presidente della Camera, farfugliando risposte senza fare chiarezza su entrambe le vicende Insomma, una gran figura di M 5 Stelle per entrambi!

Ergersi a moralizzatori, fare i paladini dell’onestà e della coerenza per poi avere delle cadute di stile simili ricolloca i 5 Stelle non più nell’olimpo dei perfetti, ma caduti nella torbida realtà dell’uguaglianza a qualsiasi partito politico. Così fan tutti, ed anche il Movimento 5 Stelle non si distingue, anzi ha gettato la maschera mostrando il suo vero volto: una nave ridotta ad un colabrodo destinata ad affondare.

adv-348
Articoli Correlati