fbpx
adv-568
<< POLITICA

Un guardiano chiamato Europa

| 27 Marzo 2018 | POLITICA

Vi dirò cose sgradevoli e tanti mi odieranno, o si prenderanno gioco di me, ma il voto scellerato del 4 marzo, espresso da un popolo sovrano a cui va tutta la mia disapprovazione, potrebbe essere la fonte di disastri irreparabili, se non ci fosse un occhiuto e ringhioso cane da guardia che si chiama Europa. Nel corso dei passati decenni, per mantenere la pace sociale e soddisfare esigenze non sempre legittime di corpi intermedi, addetti ai lavori, burocrazie nazionali e locali, corporazioni e grumi di interesse diffusi in tutto il territorio, abbiamo accumulato un enorme debito pubblico, che si è via via gonfiato anche per far fronte alla corresponsione di pesanti interessi.

Si è più volte proclamata la necessità e l’urgenza di attaccarlo e costringerlo ad arretrare, per alleggerire l’enorme pressione che esercita sulla nostra economia, ma nulla di significativo si è riusciti a fare in tale direzione, perché la spesa corrente è una sorta di convitato di pietra ed i vari governi che si sono succeduti non sono stati capaci di ridurla.
Ogni anno, all’ingresso della primavera, si ripropone il problema di far quadrare i conti della legge finanziaria, con annesse manovre per limare qua e là, reperire risorse da destinare ad emergenze varie e ad alleggerire le sofferenze dei meno fortunati.

Una fatica enorme, affidata ai migliori economisti disponibili su piazza, che viene oggi irrisa da un’orda di chiassosi dilettanti, i quali annunciano provvidenze mega galattiche e sono pronti a cancellare con un tratto di penna le riforme varate per salvarci da un disastro annunziato.
Senza i vincoli europei, che hanno già messo in riga i greci e ridotto la rivoluzione annunziata da Tsipras alla copiatura di un compitino scritto a Bruxelles, correremmo il rischio di precipitare in Venezuela, perché il “popolo” così ha deciso, riempiendo le urne di una folle protesta contro chi non gli ha dato tutto e subito, come sarebbe nel suo diritto.

adv-327
Articoli Correlati