sabato, Agosto 8, 2020
Home IL FORMAT La filastrocca del renziano redento

La filastrocca del renziano redento

“Alla fiera del Pd, per due euro, un fiorentino mio padre comprò…”dandogli licenza di mettersi all’opera.
Un’Italia da scalare, come un’azienda, da sfruttare e rendere sempre più appetibile allo straniero. Seguendo l’agenda della Bce, perché “ce lo chiede l’Europa”, continuando le riforme sulla scia di Letta e, prima ancora, di Monti.
“Alla fiera del Pd, per due euro, un fiorentino mio padre comprò…”e con lui tanti altri personaggini, patti e pattini, Boschi e boschetti, Lotti e lotterie. Un cesto di mele pure un po’ marce.

Poi venne il referendum costituzionale e la nave Italia, sconquassata dalle tempeste, venne ancorata in attesa della benedizione delle urne. Che non arrivò. E quel padre vide il suo acquisto lasciare apparentemente la poltrona di premier al conte Gentiloni che,
con toni più pacati, continuò l’operazione “svend’Italia”
“Alla fiera del Pd, per due euro, un fiorentino mio padre comprò…” e con lui l’austero Ministro delle finanze, incollato al suo posto, garante della ripresa italica e della solidità bancaria che, intanto, crollava miseramente per l’ottusità dei governi degli ultimi anni e la mancanza di vigilanza degli organi competenti. Comprò anche altri Ministri, impreparati per i loro ruoli come vuole la tradizione, dall’Istruzione alla Sanità passando per il Lavoro, una combriccola di allegri diplomati perfetti per gestire un condominio. Forse.

“Alla fiera del Pd, per due euro, un fiorentino mio padre comprò…” poi, con un figlio disoccupato in casa, il portafoglio vuoto, il suo quartiere sempre più degradato e la pacca sulle spalle dell’Europa, iniziò a farsi girare le scatole. Mentre soffiava il vento di cambiamento ovunque, quel padre vide ricicciare D’Alema, Veltroni, perfino Occhetto; percepì che gli stavano vendendo chiacchiere perché la sua realtà non era così bella ed il futuro sembrava presentarsi ancora peggio. Non ostacolò più il figlio che si ribellava all’alternanza scuola-lavoro, perché l’esperienza al fastfood gli puzzava di sfruttamento; guardava al jobsact come una fregatura, si immaginava pensionato sotto accusa e malato senza sanità pubblica.
“Alla fiera del Pd, per due euro, un fiorentino mio padre comprò…” ma se ne pentì amaramente.


close







close






Previous articleIl genocidio birmano
Next articleDiritto alla difesa

Lascia un commento!

- Advertisment -

I PIU' LETTI

Di Stefano, la gaffe e la risposta

​​Dopo aver confuso il Libano con la Libia, il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano affida ad una chat su Telegram una sarcastica risposta: "WOW,...

Dal commercio ai trasporti, all’arte: ecco i settori più colpiti dalla crisi

Secondo un'indagine di Eurostat sull'impatto del Covid-19 sulle industrie dell'Ue, nel primo trimestre 2020 le attività che hanno sofferto di più sono state il...

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy. MakeIdentity mixa tecnologia e privacy per massimizzare conversione e utilizzo dei dati personali degli ospiti. Intervista a Marco Giacomello...

Il presidente Mattarella alle Regioni: “Attuare art. 2-3 Carta è un dovere”

"In questi 50 anni le Regioni si sono affermate come componente fondamentale dell'architettura della Repubblica. Le Regioni si sono rivelate forte elemento di coesione...

COMMENTI RECENTI

Annina Malito on Storie di ordinaria violenza
Massimiliano Palladini on Irregolare una mensa scolastica su 3
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Riccardo pieroni on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Elogio della confessione
marco bacigalupi on Elogio della confessione
Emilio Carnelli on Nonno, ti faccio la festa
Catalogna – per la UE è win-win – Così va il Mondo on Catalogna e Lombardia: di Stato e Nazioni