fbpx
adv-760
<< POLITICA

Il ritorno di Laboccetta: dal carcere alla Camera dei Deputati

| 30 Giugno 2017 | POLITICA

L’Italia è il Paese delle Meraviglie. Il Parlamento italiano lo rappresenta alla perfezione. Ciò che succede nella nazione tricolore non avviene da nessun’altra parte. E lo straordinario ritorno di Amedeo Laboccetta ne è l’ultima testimonianza.

Da dove parte l’ultima grande sorpresa? Dalle dimissioni di un deputato, il pugliese Raffaele Calabrò, esponente di Alternativa Popolare. In sé e per sé, la notizia è come tante altre. L’ormai ex onorevole, noto e apprezzato cardiologo, è stato eletto Rettore dell’Università Campus-Bio Medico, situata a Roma. Tutto molto bello, congratulazioni. Ma quando una persona lascia la Camera dei Deputati, al suo posto subentra il primo degli esclusi.

Ed è così che rientra in grande stile un personaggio storico. Amedeo Laboccetta da Napoli è il primo dei non eletti alla Circoscrizione Campania 1. Palazzo Montecitorio accoglie un nuovo deputato, candidatosi nel 2013 con il Popolo della Libertà e nel frattempo passato a Forza Italia. L’uomo ha guai con la giustizia. Lo scorso 13 dicembre è stato arrestato per associazione a delinquere nell’ambito di un’inchiesta sulle slot machine, che ha visto come protagonista principale Francesco Corallo. Attualmente risulta ancora iscritto al registro degli indagati. Ma cosa volete che sia un indagato in più o uno in meno?

adv-829

Non c’è neanche più da sorprendersi. Le polemiche lanciate dal deputato del M5S Alessandro Di Battista (“peggiorata ulteriormente la qualità della composizione di questo Parlamento”) sono destinate a restare una goccia in un oceano. E lo stesso vale per il capogruppo di FdI Fabio Rampelli (“l’onorevole Laboccetta deve prima risolvere i suoi problemi giudiziari”). Non cambierà nulla. Ciò che conta è che Laboccetta sia passato da Regina Coeli a Montecitorio. Per la gioia dei principali partiti politici nostrani.

TAG: Camera, carcere, Laboccetta, ritorno
adv-633
Articoli Correlati