adv-825
<< POLITICA

Hanno votato contro se stessi

| 27 Giugno 2017 | POLITICA

Nel corso della campagna referendaria, cioè in tempi non sospetti, M5S e cdx avrebbero potuto votare SI. Infatti, il combinato disposto tra riforma istituzionale ed Italicum non avrebbe favorito Renzi, ma il competitore di turno, in quanto è nella natura degli italiani opporsi all’intraprendenza ed al protagonismo.

Qualcuno ricorda Craxi? Aveva una cilindrata superiore, una smania riformista ed una grande ambizione. Ha finito i suoi giorni in esilio, anche per errori commessi, ma soprattutto perché è stato individuato come soggetto pericoloso per una democrazia mediocratica come la nostra.

I fatti hanno dimostrato, già prima del 4 dicembre, con i ballottaggi di Roma e Torino, che il PD vive in una condizione di isolamento e la sua stessa esistenza stimola la formazione di coalizioni, anche innaturali, finalizzate esclusivamente a batterlo.

adv-617

Ma ogni lettura lucida e disinteressata della realtà va a cozzare con incrostazioni ideologiche, schemi mentali, interessi di bottega, suggestioni ed abitudini dure a morire. E così i vincituri (coloro che si apprestavano a vincere) hanno votato NO contro i loro interessi, avvertendo le folle del pericolo di un uomo solo al comando.

Ci si continuerà a rotolare in una democrazia interdittiva, a produrre governi malfermi e macilenti, a gridare all’untore se qualcuno si azzarda a proporre progetti di cambiamento. Perché l’Italia non è una nazione, ma una sommatoria malmostosa di sospetti, risentimenti e invidie.

In Italia vige il proporzionale, ma si inneggia alle coalizioni, che sono funzionali al maggioritario, e si sente ripetere che uniti si vince da soggetti che mentono sapendo di mentire. Viene abbattuto Renzi e resuscitato Berlusconi, perché il padre è molto più vecchio del figlio e liberarsene in fretta è più semplice. Il popolo non vuole che alcuno lo guidi effettivamente, ma soltanto avere la possibilità di ripetere che piove perché il governo è ladro.

Mentre ci sono tanti cittadini ineccepibili, osservano le leggi, pagano le tasse, non cercano raccomandazioni, rispettano l’ambiente e pensano sempre agli interessi del Paese. Per tutto il resto, c’è sempre una Cartagine che deve essere demolita.

TAG: M5S, referendum, Renzi, votato
adv-225
Articoli Correlati