Milano è in fermento. A partire dalla giornata di oggi, il capoluogo lombardo totalmente blindatoobama superstar ospita l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Nonostante non popoli più la Casa Bianca, continua ad essere considerato come un’autentica superstar del panorama internazionale. E numerosi elementi non fanno altro che dimostrarlo.

Ormai il Premio Nobel per la Pace 2009 sembra essere illuminato da una luce che va ben oltre il suo precedente ruolo istituzionale. Neanche il tempo di toccare il suolo italico, raggiunto dopo un volo privato, che già non si fa altro che parlare di lui. La fiera Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit di Rho si tiene dall’8 all’11 maggio, ma l’unico vero evento sembra la sua presenza. Lui che col suo nome sembra essere al di sopra di tutto il resto. Nonostante non sia più presidente, Obama arriva in pompa magna presso l’aeroporto dei voli privati di Linate. Subito viene accolto dall’ex premier e segretario PD rieletto Matteo Renzi, che lo aspettava davvero a braccia aperte. Come se lui fosse il Messia venuto dall’alto a lanciare un messaggio di pace e gioia. La giornata di oggi è stata caratterizzata anche da un’esclusiva cena a porte chiuse. Circa una ventina di persone, pronte a pendere dalle sue labbra e ad osservare come mangia. Come è logico che sia.

Ma il vero clou del soggiorno milanese del prode Barack coincide col suo discorso. Atteso già da migliaia e migliaia di fan, devoti ad uno degli uomini più potenti degli ultimi anni. Il suo Keynote Speech si terrà domani, 9 maggio, a partire dalle ore 14. Parlerà di cibo? Di salute? Poco importa. Ciò che conta è semplicemente la sua presenza. E quest’ultima è costata a tutti coloro che hanno avuto la “fortuna” di ascoltarlo soltanto 850 euro. Una vera miseria per un prestigioso pass Vip Premium, se si pensa a quanto lui rappresenti per i cosiddetti barackiani. 3500 posti a sedere, ovviamente esauriti a tempo di record. Vuoi mettere? Ascoltare un Premio Nobel a meno di 1000 euro? Ancora più fortunati i giornalisti e gli accreditati, che potranno vedere la performance gratis. Occasioni che capitano solo una volta nella vita.

Chi ha investito tale irrisoria cifra potrà anche godersi l’attesa chiacchierata di Obama con il suo chef Sam Kass. Un vero modello per tutti gli amanti dell’ex Capo dello Stato USA, dato che ha fornito a quest’ultimo numerosi consigli sulla sua alimentazione. Tutto all’insegna del salutismo, ovviamente. Nutrirsi come Barack? Chi non lo farebbe? A questo bisogna aggiungere l’incontro precedente con pochi e selezionati personaggi di spicco, tra i quali l’ex premier Mario Monti e l’ex sindaco di Milano Letizia Moratti. Potrebbe visitare anche il Cenacolo di Da Vinci. Che, ovviamente, non vede l’ora che si materializzi la sua presenza. E il primo cittadino meneghino Giuseppe Sala è pronto a consegnargli le chiavi della sua città, come è giusto che sia. Un martedì davvero storico. Tutto all’insegna dello sfarzo, del lusso senza freni. Tutto giustificato dall’arrivo di lui, Barack Obama, la vera superstar dell’inizio del terzo millennio.