“Temo il giorno in cui la tecnologia andrà oltre la nostra umanità: il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti”. Questa frase dovrebbe essere stata proferita nientepopodimeno che da Albert Einstein e risalirebbe a circa un secolo fa. Ma oggi appare tremendamente attuale, se si pensa a ciò che succede in determinate occasioni.

Come ormai tutti sanno, nella giornata di ieri è uscito in tutto il globo il nuovo iPhone X. Il cellulare viene commercializzato in occasione del decimo anniversario di Apple, l’azienda di telefonia mobile più famosa al mondo ed uno dei colossi tecnologici assoluti. Come in occasione di ogni uscita, si sono scatenate vere e proprie resse anche in giro per l’Italia. Tutti in coda per acquistare lo smartphone più famoso al mondo. Fin dalla prima mattinata, e in alcuni casi addirittura dalla nottata precedente, l’unico obiettivo di migliaia e migliaia di persone era quello di aggiudicarsi l’ambito trofeo prima di tutti gli altri. E poco importa che il suo prezzo parta da poco meno di 1200 euro. Ciò che conta è entrare subito in possesso di questa autentica primizia.

Scene di ordinaria follia si sono notate nelle principali città nostrane. Ad esempio, nel centro commerciale Fiordaliso, alle porte di Milano, la calca è stata impossibile da gestire. D’altronde, in mezzo alla folla c’era chi ha detto che “poi finisce, bisogna aspettare di nuovo per comprarlo…”. Nell’Orio Center dell’hinterland di Bergamo, tre ragazzi sono giunti dalla Russia proprio per comprare il nuovo iPhone X. Nell’Apple Store di Roma, un giovane inglese ha cercato di saltare la fila provocando l’ira degli altri appassionati. Un discorso analogo può essere fatto per i negozi Apple situati a NapoliTorino. Andando dall’altra parte del mondo, in California c’è persino chi ha rubato oltre 300 esemplari da un furgone. E a Sidney, in Australia, un posto in prima fila è stato venduto al prezzo di 500 euro.

Buona parte dell’Italia tecnologica si è fermata per avere a tutti i costi un telefono cellulare. Con ottime caratteristiche tecniche, certo. Con qualche modalità in più rispetto agli iPhone precedenti, certo. Ma pur sempre un telefono cellulare, come tanti altri. Una vera e propria corsa contro l’ultima moda, con l’obiettivo di sentirsi al passo con i tempi, di avere nelle proprie mani lo smartphone più trendy al mondo. E poco importa se, nonostante siamo in tempi di crisi perdurante, il prodotto costa più di uno stipendio medio: ciò che conta è possederlo, ostentarlo alla cosiddetta gente comune. E bisogna fare presto, prestissimo, perché qualcuno potrebbe fare prima di te.