Un anno fa Repubblica era in prima linea tra i quotidiani nel mirino di Luigi Di Maio, insieme al Corriere della Sera, l’Espresso, La Stampa, Il Giornale, il Messaggero il Quotidiano Nazionale. Tutti colpevoli di aver diffuso menzogne e notizie letteralmente inventate” sulla storia della polizza vita intestata dal dipendente comunale Salvatore Romeo alla sindaca di Roma Virginia Raggi. “La campagna diffamatoria nei confronti del Movimento 5 Stelle deve finire”, tuonava Di Maio su Facebook esattamente un anno fa “Anche quando la procura è intervenuta per ristabilire la verità, i giornali hanno continuato con le ipotesi, i sospetti, i dubbi e le insinuazioni. Nessuno sino ad oggi ha chiesto scusa né a Virginia Raggi, né al Movimento 5 Stelle, né ai lettori”.

Gli Italiani hanno creduto più a Luigi Di Maio e alla procura che ai giornaloni. Le elezioni hanno chiaramente premiato il M5S, che con oltre il 32% dei voti è il primo partito in Italia. E il leader dei pentastellati ha affidato proprio alle pagine della vituperata Repubblica il suo primo appello agli altri partiti.

Un appello alla responsabilità e una conferma che la linea già annunciata dal M5S in campagna elettorale non è cambiata. “Ho detto in ogni città dove sono stato che il governo per noi si sarebbe potuto fare in base a convergenze sui temi ed è la linea che intendo portare avanti in totale trasparenza di fronte ai cittadini e al Capo dello Stato. Tutte le forze politiche devono manifestare responsabilità in tal senso. Non è possibile che ora inizino teatrini, che si avviino giochi di palazzo e strategie alla House of Cards. Adesso è il momento di fare le cose che aspettiamo da 30 anni e lo si può fare solo cambiando metodo”.

Linguaggio semplice, autorevole e “istituzionale”, da prestigiatore esperto della cazzimma. Quel che ci si aspetta da un buon partenopeo.

Nella sua canzone-manifesto “A me me piace ’o blues”, il grande Pino Daniele  dichiara provocatoriamente, «tengo ‘a cazzimma, e faccio tutto quello che mi va». A chi gli chiedeva che cosa fosse la cazzimma, Pino Daniele rispondeva così: “Cazzimma designa la furbizia accentuata, la pratica costante di attingere acqua per il proprio mulino. Chi tiene la cazzimma è un individuo scaltro, sicuro di sé, è il dritto che sa cavarsela”. E ha tanta grinta positiva.

Nel rebus del post-voto e del toto-alleanze, che di cazzimma ne abbia da vendere Di Maio l’ha dimostrato anche nella sua lettera a Repubblica. Ha scelto infatti il quotidiano storicamente vicino al PD per lanciare una stilettata che va dritta al cuore dei lettori nostalgici: “Il voto ha ormai perso ogni connotazione ideologica: i cittadini non hanno votato per appartenenza o per simpatia, ma per mettere al centro i temi che vivono nella propria quotidianità e per migliorare la propria qualità di vita”. Dico a nuora perché suocera intenda: se non appoggerà il programma del M5S (non chiamiamola alleanza), ora il PD provi a spiegare agli italiani perché.

Attenzione, la cazzimma può indicare anche semplicemente la cattiveria gratuita. Lo spiega in uno sketch il comico napoletano Alessandro Siani. A un ipotetico milanese che gli chiede cosa sia la cazzimma, risponde così: “Nun t’obboglio ricere, chest’è ’a cazzimma!”, cioè: “Non te lo voglio dire, questa è la cazzimma!”

Di Maio ha riempito di cazzimma il cavallo di Troia che ha affidato a Repubblica. Ora niente teatrini, giochi di palazzo e strategie alla House of Cards. Altrimenti la cazzimma si risveglia in undici milioni di italiani.

CONDIVIDI
Articolo precedenteI tre ministri del M5S poco coerenti
Prossimo articoloFondare un nuovo partito
mm
Giornalista e scrittrice, otto anni al servizio economico dell'AGI e venti alla BEI a Lussemburgo. (qui opinioni personali) È autrice di romanzi, favole e poesie.